Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Amore e cortesia, l’origine della lirica trobadorica

Amore e cortesia, l’origine della lirica trobadoricaLa lirica trobadorica resta uno dei prodotti artistici più affascinanti che ci siano giunti, e pur rimanendo piuttosto oscura la sua origine, mai ne è stata intaccata la bellezza; questa produzione che si sviluppa nel sud della Francia influenzerà la gran parte della successiva poesia europea, e autori e lettori riconosceranno il valore dell’eredità che questa lirica ha lasciato.

Solitamente, la nascita di questa poesia si colloca tra XI e XII secolo, e il suo periodo di massimo splendore tra il 1160 e il 1180. Il tramonto comincia poco dopo l’inizio del XIII secolo, concomitante alla crociata contro gli Albigesi (1209-1229), quando i territori del sud vengono annessi al regno francese. Nel 1323 si avrà l’unione dei poeti della “gaia scienza”, che darà vita a una poesia di scuola che segnerà la definitiva fine della lirica dei trovatori.

I testi provenzali sono stati definiti da Friedrich Schlegel come «fonti della poesia romantica», ossia la forma poetica che sarà quella dell’Europa moderna, dove alla mitologia classica subentra la mitologia cristiana e cavalleresca. I valori amorosi e cortesi dei trovatori creano una concezione dell’amore totalmente unica nel panorama occidentale, e si declinano nel godimento del sacrificio, nella moralità dell’adulterio e nell’esaltazione del segreto. Pur apparentemente paradossali, questi valori si saldano in un sistema organizzato cui viene data la definizione di “amore cortese”. E, in effetti, è questa un’espressione che mette immediatamente in rilievo i due punti focali del discorso: la corte, intesa come società, e l’amore, inteso come individuo. L’amor rende cortesi, la cortezia rende capaci di provare amore, cosicché amante e società si intersecano: l’amante rende conto dei propri obblighi alla società, la società lo difende.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

La dama a cui si rivolge il trovatore è una donna sposata, di cui si elogiano bellezza e virtù, ma se ne nasconde l’identità; la dama si rivolge con affetto all’amante, naturalmente nascondendolo al marito, e con il trovatore desidera il piacere dell’amore, sebbene non venga realizzato. La logica del sistema cortese prevede, infatti, che il piacere dell’amore, il jauzir, sarebbe deleterio per la tensione erotica che si viene a creare, il dezirier, e dunque annullerebbe il processo cortese. Il piacere amoroso viene definito fals’amor ed è tipico del marito della dama, che non può essere cortese in quanto non prova il dezirier. L’amore del trovatore è, invece, fin’amor, retto dal desiderare.

Amore e cortesia, l’origine della lirica trobadorica

Il fine del processo cortese è il riconoscimento sociale, il dimostrare quanto si vale e quanto si è capaci, e ciò implica raffinatezza di comportamenti e di cultura linguistica.

Ma qual è la lingua dei trovatori?

La lingua usata nei componimenti viene chiamata romans o lenga romana, mentre nel xiii secolo viene definita proensal o lemosin; l’aggettivo “romanza” serve a differenziarla dal latino, “provenzale” sarà usato soprattutto per identificarla in Italia, “lemosino” in Catalogna. Ma non è in Provenza che son stati individuati i più antichi centri di questa poesia cortese, bensì nelle zone di sud-ovest, nel territorio da Poitiers a Narbona. Da qui si sarebbe sviluppato un volgare scritto nella seconda metà dell’XI secolo; la successiva lingua trobadorica si basa poi sul limosino, con varianti derivanti dalla zona del Poitou, tra le quali “joi”, “gioia”, che rimane come elemento fisso.

Amore e cortesia, l’origine della lirica trobadorica

Nell’area limosina, il centro culturale principale è l’abbazia di San Marziale di Limoges: era qui che venivano composte le canzoni latine utilizzate per la messa, per le feste dei santi, nella liturgia, quelle canzoni che originano la lirica cortese. Componimenti di San Marziale, risalenti all’XI secolo e giunti fino a noi, mettono in risalto il rapporto stretto tra lingua romanza e lingua latina, e, in particolare, ben lo si nota in un canto di Natale in cui la lingua cambia tra una strofa e l’altra:

In hoc anni circulo

vita datur seculo,

nato nobis parvulo

de Virgine Maria.

 

Mei amic e mei fiel,

laisat estar lo gazel;

aprendet u so noel

de Virgine Maria.

 

«In questa annuale ricorrenza è data vita al mondo, è nato per noi il figlio della Vergine Maria»

«Amici miei, miei fedeli, lasciate stare le chiacchiere; imparate una canzone nuova sulla Vergine Maria»

 

Latino e romanzo erano usati per canzoni e preghiere. In seguito, la lirica dei trovatori si distacca dal verso e dalla strofa della poesia latina. Ad esempio, Guglielmo d’Aquitania (1071-1126), che per tradizione si individua come il primo trovatore, nelle sue opere usa un verso di otto sillabe, uno più breve di quattro, e tre lunghi di undici, dodici e quattrodici. Nelle strofe di eguale metro, egli utilizza sempre il verso di otto sillabe, con un’interessante tecnica di rime, che sono nuove di strofa in strofa, oppure addirittura uguali lungo tutto il canto. Questo tipo di lirica è destinato alla recitazione, è costruita con quel fine, e non ha dunque una sequenza fissa come aveva la liturgia. Questa è una lirica d’arte, il trovatore è un artista, e le sue canzoni devono essere belle, una novità plasmata con musica e mezzi metrici e semantici nuovi. Spesso viene paragonata alla nuova freschezza della primavera, descritta come una nuova esperienza a cui ci si può accostare con l’amore, come ampiamente emerge dalla prima strofa di una delle liriche più celebri di Guglielmo, quella del Buon Vicino:

 

Ab la dolchor del temps novel

Foillon li bosc e li aucel

Chanton, chascus en lor lati

Segon lo vers del novel chan;

Adonc esta ben c’om s’aisi

D’acho dont hom a plus talan.

 

«Per la dolcezza della stagione nuova, i boschi si ricoprono di foglie e gli uccelli cantano, ciascuno nella sua lingua, secondo la melodia del nuovo canto. Dunque è bene che ognuno si volga verso ciò che più desidera».

Amore e cortesia, l’origine della lirica trobadorica

Naturalmente, sempre presente come tema del canto cortese è la descrizione della dama, della sua bellezza. Ciò che conta sono la tecnica e lo stile con cui questo elogio viene fatto, non a chi è rivolto: se, infatti, si badasse esclusivamente alla descrizione della dama, parrebbe che tutti i trovatori si siano rivolti alla stessa, mentre la bellezza da loro cantata deve essere valutata con occhi “medievali”; solo così ogni elogio verrà giudicato unico e diverso da un altro.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

L’elogio alla bellezza può essere più o meno ampio, si può unire a un’esaltazione della virtù, può venire interrotto momentaneamente da digressioni di altro genere e poi ripreso nelle strofe successive, e si caratterizza spesso da una bocca rossa e ridente, dai capelli biondi, dagli occhi belli di un dolce sguardo che fa nascere l’amore.

Questa lirica cortese non parla di esperienze personali, individuali, ma pone riflessioni sugli stati d’animo, compie valutazioni sull’amore e sulla poesia, impegnando costantemente i trovatori nell’innovare il contenuto e nel variare lo stile; la lirica trobadorica non è solo una poesia formale, ma un’arte il cui contenuto specifico consente di porsi in nuove prospettive e nuovi orientamenti a seconda del poeta e dell’epoca.


Riferimenti bibliografici

U. Mölk, La lirica dei trovatori, il Mulino.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.