In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Alpi va in maiuscolo o minuscolo?

Alpi va in maiuscolo o minuscolo?Alpi va in maiuscolo o minuscolo? Quest’oggi torniamo su un argomento del quale ci siamo già occupati in passato, cioè l’uso dell’iniziale maiuscola o minuscola in presenza di nomi che indicano elementi geografici. Così come abbiamo fatto per “polo nord”, vediamo se la parola “alpi” va in maiuscolo o in minuscolo.

Immediatamente ci viene in aiuto Treccani.it che nel suo dizionario indica che si tratta di un toponimo, cioè di un nome proprio di luogo, nel caso specifico del più elevato sistema montuoso d’Europa. Come per tutti i toponimi, in genere si usa l’iniziale maiuscola e non minuscola, quindi si scrive “le Alpi” e non “le alpi”.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Cosa succede quando invece vogliamo indicare solo delle sezioni o delle singole catene del sistema? In questo caso Alpi va in maiuscolo o minuscolo?

 

Leggi tutte le nostre curiosità grammaticali

 

Diciamo subito e a scanso di equivoci che la parola “Alpi” andrà sempre con l’iniziale in maiuscolo e non in minuscolo. Il problema si pone per la parola che segue e che indica una sezione o una singola catena. In questo caso bisogna fare una distinzione:

  • Se la parola forma insieme ad “Alpi” un toponimo allora andrà anch’essa in maiuscolo: Alpi Marittime, Alpi Cozie, Alpi Graie, ecc.
  • Se la parola non forma insieme ad “Alpi” un toponimo ma si tratta di una mera indicazione, allora andrà in minuscolo: Alpi occidentali, Alpi centrali, Alpi orientali, Alpi piemontesi, Alpi lombarde, ecc.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In definitiva possiamo concludere che indipendentemente dalla situazione in cui usiamo la parola, la risposta alla nostra domanda Alpi va in maiuscolo o minuscolo? è una sola: Alpi va in maiuscolo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.