Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Alla scoperta di Pablo Neruda, la poesia e l’uomo

Alla scoperta di Pablo Neruda, la poesia e l’uomoChi ha detto che la poesia non piace, che non si legge, che non si vende o che non interessa, forse è solo perché è mancata l’occasione di leggere la silloge giusta. O non c’è stata l’opportunità di leggerla nel modo giusto. Un po’ come nel caso della musica classica: se nessuno ti educa l’orecchio, difficilmente la comprendi.

È uscito, per Salerno Editrice, Neruda di Gabriele Morelli, ed è il libro giusto per educarsi alla poesia. Leggendolo, si scopre il poeta e nello scoprire il poeta si disvela l’uomo, i sui ideali politici, i principi che guidano la sua esistenza, gli amori.

È un saggio, ma così denso, reale, penetrante da stimolare il desiderio di scoprire Neruda in tutta la sua essenza. C’è uno transfert di passione, che da Gabrielle Morelli passa al lettore. 

In occasione dell’uscita di Neruda, Gabrielle Morelli ha raccontato alcuni retroscena che si celano dietro alla stesura del volume, soddisfacendo le curiosità nate in seguito alla lettura.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Quando e come nasce la sua passione per Neruda? Da cosa è rimasto affascinato maggiormente?

Il mio interesse per la poesia di Pablo Neruda inizia negli anni Sessanta, ancor prima degli studi universitari alla facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università Bocconi di Milano. Allora già leggevo soprattutto poesia e quindi conoscevo alcune opere giovanili di Neruda; l’interesse è poi cresciuto con il tempo e, naturalmente, in seguito alla conoscenza diretta dell’autore. Ricordo la sua persona alta e maestosa e mi sembra ancora di sentire la sua voce lenta e monotona. Nel libro pubblicato da Salerno Editrice ho ricordato il mio primo incontro con il poeta a cui il mio professore, Giuseppe Bellini, nel presentarmi, aveva detto che stavo preparando una tesi sul poeta Miguel Hernández, grande amico del cileno ma ancora poco noto in Italia, morto in un carcere franchista nel 1942. Neruda volle invitarmi a colazione e per tutto il tempo mi parlò di Hernández. In quell’occasione mi descrisse la persona e ricordò la loro amicizia; mentre parlava, la sua voce un po’ salmodiante ogni tanto si spezzava, cambiava di tono e i suoi occhi si velavano di lacrime. Neruda ricordava il giovane amico di Orihuela, pastore di capre, combattente a favore della Repubblica durante la guerra civile spagnola, morto di stenti e di malattia in una prigione di Franco.

Il segno della partecipazione di Neruda alla vita è anche testimoniato dall’attenzione che il poeta aveva per le persone, l’interesse per il cibo, gli oggetti che circondano la quotidianità dell’uomo e dalla sua militanza politica. Neruda aveva poi una grande stima e ammirazione per l’Italia, ricordava sempre il suo soggiorno a Capri e gli amici italiani.

Alla scoperta di Pablo Neruda, la poesia e l’uomo

La poesia è alimentata dalla vita, questa è la sostanza segreta dell’atto creativo. In che modo e misura la vita influenza la poesia di Neruda? Dove, in quali opere, queste tracce sono più evidenti?

Possiamo dire che in tutta l’opera di Neruda è presente il poeta, a partire dai libri della giovinezza come Crepusculario, Veinte poemas de amor e il Canto general, l’epica latinoamericana moderna, in particolare nell’ultima sezione Yo soy, autoritratto dell’esperienza umano-poetica, fondata su una visione positiva della vita. L’istanza privata s’impone con maggior forza ed evidenza nei libri Estravagario e Memorial de Isla Negra, ma è anche presente nell’opera politica nella quale, dopo le rivelazioni dei crimini di Stalin – a cui il poeta aveva dedicato una commossa elegia – traspare una profonda lacerazione in lotta fra intimismo lirico e fedeltà al Partito comunista: Neruda non è meno sincero quando parla di se stesso che quando tratta temi di impegno sociale. Possiamo ancora ricordare i due libri di memorie, Confieso que he vivido e Para nacer he nacido. Nel poeta cileno le tappe fondamentali dell’uomo e dello scrittore formano un unicum, dove l’esperienza della vita si versa completamente nella poesia, divenendo la sostanza che alimenta l’atto creativo.

 

Neruda vende 2 milioni di copie nel 1972, una vendita singolare. A cos’è dovuto questo grande successo di pubblico e di vendite, secondo lei? La poesia, lamentava qualcuno, piace a pochi.

Naturalmente siamo in epoche diverse; ora i libri, soprattutto quelli di poesia, non richiamano più l’interesse del grande pubblico. Anche nell’Università italiana lo studio della letteratura è sostituito dalla cultura della comunicazione. Per tornare a Neruda: di certo la raccolta giovanile di versi, Veinte poemas de amor y una canción desesperada,è un’opera scritta da un giovane innamorato di 20 anni, che vive con pienezza la sua storia sentimentale: presenta la figura femminile nella sua intatta nudità. Veinte poemas è un prodotto ibrido che salda la tradizione romantica con l’avanguardia e utilizza misure ritmiche non esenti da iati, rotture e variazioni. Ciò spiega il suo immediato successo letterario e popolare, soprattutto da parte dei giovani latinoamericani ma anche europei.

Alla scoperta di Pablo Neruda, la poesia e l’uomo

In questo saggio, il lettore ha l’occasione di conoscere Neruda in tutte le sue sfaccettature, tra cui l’uomo politico. Quali erano le sue idee politiche? E quali le sue grandi delusioni, da questo punto di vista?

Neruda prende la tessera del Partito comunista cileno nel 1945, ma già in precedenza, soprattutto durante la guerra civile spagnola, aveva aderito a favore della Repubblica ed era considerato un poeta impegnato politicamente per diventare, negli anni seguenti, un militante attivo della sinistra internazionale. La crisi politica inizia dopo le rivelazioni di Kruscev sui crimini di Stalin; una crisi che spinge il poeta a condannare le atrocità commesse dal dittatore russo, il quale però continua a credere nell’importanza del realismo socialista, ora con il volto umano che egli vede rappresentato dal Partito popolare dell’amico Salvador Allende. In ogni modo, fino all’ultimo, Neruda crede che l’io del poeta si debba identificare con l’interesse per il popolo e la lotta a favore dei diritti umani e sociali.

Insomma nel poeta cileno la solidarietà umana, la preoccupazione sociale e l’ideologica costituiscono una sintesi che caratterizza profondamente tutta la sua esistenza e la traiettoria letteraria.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Confesso di aver incontrato Neruda da molto giovane. Uscivano, in allegato a un quotidiano, volumi dedicati ai poeti, tra cui Neruda. Sebbene fossi molto giovane, a differenza di altri poeti facenti parte di questa collezione, Neruda lo sentivo vicino. Come se stesse parlando la mia lingua, o io la sua. Anni dopo, mi sono chiesta cosa avessi compreso, perché a rileggerlo in età adulta mi è apparsa una poesia meno immediata di quella che ricordavo. La domanda è questa: che tipo di poeta è Neruda? Perché, secondo lei, più di altri poeti, riesce a lasciarsi cogliere dal lettore, anche da un lettore poco avvezzo?

Rispondo semplicemente – anche se è difficile esprimere un giudizio netto – che l’opera Neruda ha un carattere globale, o meglio universale (sebbene sia presente la sua specificità cilena), poiché ha attraversato, come fu la vita dell’autore, tutta la geografia, la storia e la politica del Novecento. Una poesia antintellettuale e antiletteraria, come più volte ha ribadito il poeta. Una poesia facilmente e, volutamente, comprensibile: una poesia “semplice”, aperta a tutti gli uomini che canta la natura, l’esistenza e la quotidianità della vita.

 

Qual è la poesia che, a suo avviso, rappresenta al meglio lo spirito di Neruda e perché?

Io, più che una poesia – e ve ne sono di bellissime, soprattutto quelle dedicate alle donne amate (ricordo il sonetto XXIX scritto per Matilde Urrutia) –, voglio ricordare la trilogia di Residencia en la tierra e, se proprio vuole il nome di una composizione, suggerisco “Walking around” del secondo libro delle Residencias, ma avrei tante altre importanti liriche da indicare.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.