Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Alla scoperta del noir giapponese. “La poltrona umana e altri racconti” di Edogawa Ranpo

Alla scoperta del noir giapponese. “La poltrona umana e altri racconti” di Edogawa RanpoLa poltrona umana è il titolo di uno dei sei celeberrimi racconti scritti nel 1925 da Edogawa Ranpo.

Ranpo è considerato fondatore del genere noir giapponese nato dalla fusione tra il mistery occidentale e la cultura autoctona giapponese.

Il noir, il thriller e il giallo, nonostante le diverse sfumature, trattano sempre le stesse tematiche da Agatha Christie a John Grisham ma non tutti sanno che le storie misteriose hanno una lunga tradizione giapponese che risale alle origini del secolo scorso quando già si potevano leggere trame di arguti detective dagli occhi a mandorla.

Lo stesso Ranpo era un fervente ammiratore degli scrittori in giallo dell'Occidente, in particolare amava Conan Doyle e il maestro del brivido Edgar Allan Poe, da cui trasse lo pseudonimo con traslitterazione fonica che lo rese famoso: “Edogawa Ranpo”.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Negli anni ’30, Edogawa sposò ciò che venne definita la corrente artistica giapponese “ero guro nansensu” che si sviluppò nei primi decenni del Novecento. Dal punto di vista etimologico '“ero guro nansensu” deriva dai termini giapponesi “erotismo”, “grottesco” e “assurdo”.

Questa tendenza non interessò soltanto la letteratura, ma l’arte in generale con immagini surreali di stravaganti brutalità o di erotismo.

Alla scoperta del noir giapponese. “La poltrona umana e altri racconti” di Edogawa Ranpo

Ne La poltrona umana un uomo, un bravo artigiano, costruisce una poltrona con un pertugio che gli consente di infilarvisi dentro per sentire su di sé i corpi di chi vi si siede:

«Immerso nell’oscurità respiravo a fatica: mi sembrava quasi di essermi introdotto all’interno di una tomba. E, molto probabilmente, non vi dovevano essere differenze tra quella poltrona e un normale loculo funerario poiché una volta al suo interno, quasi avessi indossato un mantello magico, riuscivo a sparire completamente dal mondo degli uomini.»

 

Nella narrazione di Ranpo sono evidenti le caratteristiche della corrente artistica “nansensu” in quanto emerge il paradosso e la pulsione erotica con le sue sfumature di perversione, voyeurismo ed eccentrica violenza.  Basti pensare che il protagonista del racconto si innamorerà di una donna senza averla mai vista in quanto la stessa adagerà il suo corpo su di lui racchiuso nella poltrona.

«L’amore in poltrona! Chi non è mai entrato lì dentro non potrebbe mai coglierne il mistero e l’estasi inebriante! Era un amore fatto solo di tatto, suono e olfatto. Un amore che nasceva nell’oblio e non poteva appartenere al mondo esterno. Una passione infernale che rivelava quanto inimmaginabile, grottesco e terrificante può essere il mondo degli uomini se solo agli occhi viene impedito di vedere.»

Alla scoperta del noir giapponese. “La poltrona umana e altri racconti” di Edogawa Ranpo

Gli altri cinque racconti del testo, edito da Atmosphere con il titolo La poltrona umana e altri racconti nella traduzione di Francesco Vitucci, sono famosi e sempre sullo stesso genere: Il delitto della salita D., Il test psicologico, La banda della mano nera, Occhi dalla soffitta e Il bacio, in cui l'autore presenta e sviluppa alcune figure caratterizzanti del suo stile come ad esempio il grottesco detective Akechi Kogoro, o il misterioso Goda Saburo che si nasconde in luoghi oscuri, nel suo armadio o nei tetti per spiare i clienti dell'albergo dove alloggia. Ma anche lo studente Fukiya Seichiro e la sfuggente Ohana sono personaggi avvolti da una nube di fumoso enigma.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Ranpo ha sicuramente influenzato numerosi giallisti degli anni successivi alla sua produzione letteraria e probabilmente molti disegnatori di manga. Evidente appare la sua influenza su scrittori contemporanei quali Amelie Nothomb, autrice molto legata alla cultura giapponese dalla scrittura asciutta, ironica e dai dialoghi fulminanti e che, grazie al suo stile narrativo, è in grado di creare nel lettore un senso di vuoto e incompiutezza. Con le sue frasi coincise e caustiche ci riporta ad uno stile fatto di sottili e oscure sensazioni tipicamente nipponiche di inizio novecento.

La poltrona umana e gli altri racconti sono imperdibili per chi ama il genere mistery e si sente sedotto dal fascino arcano del Giappone e rappresentano un cult per intere generazioni di autori noir ispirati dalle fosche e ambigue atmosfere mozzafiato.


Per la prima foto, copyright: Montse Monmo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.