Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Alice Basso e il vero volto di una scrittrice senza nome

Alice Basso e il vero volto di una scrittrice senza nomeAlice Basso lavora da anni nel mondo dell’editoria e Non ditelo allo scrittore è il suo terzo romanzo, nonché terzo indiscutibile successo.

Pubblicato da Garzanti la storia fa parte di una trilogia preceduta da L’imprevedibile piano della scrittura senza nome e Scrivere è un mestiere pericoloso.

Protagonista assoluta è Vani: un’autrice, una ghostwriter la cui vita sembra però distanziarsi, a volte, dall’immaginario collettivo che guarda all’artista come a un individuo poco incline ai rapporti sociali e spesso rinchiuso fra le pareti di una stanza sporca.

Non ditelo allo scrittore è un testo frizzante quanto i primi, caratterizzato da uno stile originale e reso accattivante dai medesimi meccanismi: libri, scrittura, amore e mistero.

Ma cosa rende un individuo bravo al punto da potersi fingere un completo sconosciuto? Come è possibile per Vani immedesimarsi nelle idee e nei punti di vista di personaggi spesso lontani dalla sua eccentrica personalità?

Il ghostwriter è infatti uno scrittore di libri che non gli appartengono, un lavoro che si svolge nell’ombra. Non tutti sono adatti a un lavoro di questo tipo ma Vani sì. Vani sta bene così.

Scrive in cambio di idee, qualche materiale da cui trarre ispirazione e una semplice missione: fingere. Forse è questa la ragione che la spinge a provare antipatia per il mondo, nascosta da un aspetto dark e abiti scuri.

Eppure ha una qualità innata: una profonda empatia, uno spirito d’osservazione che non tutti possono vantare e un intuito grazie al quale la vita degli altri per lei non ha segreti. Da indizi insignificanti riesce a cogliere un’intera personalità e così la vita di qualche estraneo diventa un mezzo per sopravvivere.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

In Non ditelo allo scrittore Alice Basso affida alla sua eroina una missione diversa dalle precedenti: scovare un secondo ghostwriter, la mano che si cela dietro uno dei più importanti romanzieri italiani. Solo un intuito straordinario come quello di Vani può arrivare alle origini, leggere oltre le righe di un romanzo e trovare chi l’ha scritto davvero.

Alice Basso e il vero volto di una scrittrice senza nome

A volte però, raggiungere l’obiettivo può comportare risvolti inaspettati.Ritrovarsi di fronte a una distorsione di se stessi avrà conseguenze imprevedibili, senza contare ciò che accade oltre il lavoro.

Torna infatti Riccardo, uomo di successo che Vani ha conosciuto in un momento di crisi. Fra i due era nata un’immediata sintonia e per la prima volta pensava di aver trovato l’amore, un sentimento che non credeva possibile per una come lei e che finirà inevitabilmente per deluderla in seguito alla pubblicazione del romanzo che diventa un vero e proprio caso editoriale. Riccardo sembra dimenticarsi della sua esistenza ma in amore spesso non tutto è come sembra.

Vani imparerà anche questa lezione mentre, nello stesso tempo, sarà chiamata a collaborare con la polizia per scovare il sequestratore di un’autrice per cui lavora.

Fra tutte queste avventure la crescita è inevitabile, anche per una protagonista la cui vita è scritta nera su bianco da una scrittrice che è a sua volta immersa nello stesso mondo.

Alice Basso lavora infatti per diverse case editrici come traduttrice e redattrice, valuta proposte editoriali e lascia spesso emergere anche un’innata vena dark scrivendo canzoni per band rock.

Qualcosa della sua personalità deve essere finita per forza all’interno di Vani e ne parla fra le righe di un’intervistapubblicata in seguito all’uscita de L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome.

«[...] Abbiamo più o meno la stessa età, facciamo più o meno lo stesso lavoro e siamo entrambe schiave della battuta sarcastica, anche quando la capiamo solo noi. Vani però è una sociopatica scontrosa che si veste sempre di nero; io, invece, sono una specie di Memole, tendenzialmente sempre allegra.»

Alice Basso e il vero volto di una scrittrice senza nome

Con Non ditelo allo scrittore Vani è costretta a maturare e a mettersi in gioco, questo è il momento di capire qualcosa di più sulla sua vita e su quella della persona che vorrebbe accanto.

Tutto questo senza dover rinunciare a un romanzo leggero, romantico ma non troppo e affatto banale.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Alice Basso non delude in questo senso e la scrittura si mantiene ironica, intelligente, intrisa di parole perfette e un evidente amore per il suo lavoro.

In questo capitolo la protagonista affronta qualcosa che va oltre un semplice mestiere, per quanto difficile. Dovrà combattere contro se stessa e le debolezze che i lettori hanno imparato a conoscere nell’arco dei precedenti romanzi.

Il lato sarcastico non è che maschera, non è che protezione da un mondo che Vani vorrebbe lasciare fuori dalla porta di casa, protetta da un nido di pagine, libri e parole.

Forse è arrivato il momento di cambiare e Alice Basso l’ha capito: ha scritto Non ditelo allo scrittore.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.