In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Albert Einstein contro la stampa scandalistica in una lettera a Marie Curie

Albert Einstein contro la stampa scandalistica in una lettera a Marie CurieSi sa, la stampa, specie quella scandalistica, può fare molti danni alla vita delle persone, o almeno questo potrebbe essere un effetto collaterale dell’entrare nella vita privata di qualcuno rendendola di pubblico dominio.

È quello che è successo a Marie Curie nel 1910, quando iniziò la sua relazione con Paul Langevin. Ma andiamo per gradi.

Tre anni dopo aver ricevuto, insieme al marito Pierre Curie, il Premio Nobel nel 1903, Marie rimase vedova a seguito di un tragico incidente: nell’attraversare una trafficata strada parigina, Pierre scivolò sotto un carro trainato da cavalli e morì sul colpo.

Albert Einstein contro la stampa scandalistica in una lettera a Marie Curie

Nel 1910, quattro anni dopo la perdita, Marie iniziò una relazione con un giovane professore di fisica, Paul Langevin, che si era da poco separato dalla moglie. Quest’ultima, però, non accettò la separazione e considerò Marie Curie come unica responsabile. Per vendicarsi, incaricò qualcuno di entrare di nascosto nell’appartamento dove i due s’incontravano e rubare le loro lettere d’amore, che lei prontamente trasmise alla stampa. Questa passò al setaccio la vita di Curie e la dipinse come l’ebrea straniera colpevole di aver distrutto una famiglia.

Albert Einstein contro la stampa scandalistica in una lettera a Marie Curie

LEGGI ANCHE – Intervista a Per Wästberg, Presidente del Comitato che conferirà il Nobel per la Letteratura 2015

 

La situazione precipitò velocemente e, di ritorno da una storica conferenza a Bruxelles, dove ebbe la fortuna d’incontrare Albert Einstein, Curie trovò una folla inferocita ad accoglierla fuori alla sua abitazione a Parigi e fu costretta a rifugiarsi, insieme alle figlie, a casa di amici.

Quando Einstein venne a conoscenza dello scandalo, fu indignato dalla crudeltà della stampa che aveva reso di pubblico dominio una situazione privata con la deliberata intenzione di distruggere la reputazione scientifica di Curie.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

Così, per testimoniarle la sua vicinanza, Einstein scrisse una lettera alla collega, riportata da Walter Isaacson nel suo Albert Einstein. La sua vita, il suo universo (edito da Mondadori):

 

LEGGI ANCHE – “Il caso Eduard Einstein” di Laurent Seksik: che padre fu Albert Einstein?

 

Stimatissima signora Curie,

non rida di me se Le scrivo senza avere nulla di ragionevole da dire. Ma sono talmente in collera per le maniere indecenti con cui il pubblico si sta ultimamente interessando a Lei, da sentire di dovere assolutamente dare sfogo a questo mio sentimento.

Ad ogni modo, sono convinto che Lei coerentemente disprezzi questa gentaglia, sia che questa elargisca ossequiosamente stima nei suoi confronti sia che tenti di soddisfare il proprio appetito per il sensazionalismo!

Albert Einstein contro la stampa scandalistica in una lettera a Marie Curie

Mi sento spinto a dirle quanto io sia arrivato ad ammirare il suo ingegno, la sua energia e la sua onestà, e che mi sento fortunato ad aver avuto la possibilità di conoscerla di persona a Bruxelles.

Chiunque non appartenga a questa schiera di rettili è certamente felice, ora e anche prima, del fatto che abbiamo tra noi persone come Lei, e anche come Langevin, persone reali rispetto alle quali si prova il privilegio di essere in contatto.

Se la gentaglia dovesse continuare a occuparsi di lei, non legga quelle fesserie ma piuttosto le lasci ai rettili per cui sono state prodotte.

Con i miei più amichevoli ossequi a lei, Langevin e Perrin,

cordialmente,

A. Einstein.

 

Poco dopo lo scandalo, Curie ricevette il suo secondo Premio Nobel, questa volta in chimica per la scoperta del radio e del polonio. Ad oggi, l’unica persona ad aver vinto il Premio Nobel in due discipline diverse.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.