Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Akram Aylisli: chiediamo alle istituzioni una posizione chiara e risolutiva

Akram Aylisli: chiediamo alle istituzioni una posizione chiara e risolutivaIl 12 febbraio scorso eravamo stati fra i primi in Italia a raccontarvi la terribile storia dello scrittore Akram Aylisli, minacciato dalle parti più estremiste del suo popolo per avere scritto un romanzo, che, negli intenti, doveva rappresentare un messaggio d’integrazione, ma che nella realtà ha suscitato un vespaio di polemiche fra Azerbaigian e Armenia, oltre che con la repubblica di Nagorno Karabakh. Popoli che convivono vicino da tempo sul filo dell’odio, almeno nelle loro frange più massimaliste.

 

Subito Aylisli aveva deciso di rimanere in patria per affrontare di petto le proteste e le minacce, ma poi, rassegnato, è stato costretto ad abbandonare l’Azerbaigian per rifugiarsi in Turchia.

Il caso sta diventando un problema politico e potrebbe inficiare rapporti internazionali che sembravano reggersi discretamente da qualche anno.

 

Dal 3 al 5 maggio avrà luogo l’Open Central Asia Book Forum and Literature Festival nella città di Ganja, la seconda del Paese per popolazione, dopo Baku. Si festeggeranno anche i 900 anni dalla nascita della poetessa Mahsati Ganjavi (per la verità non tutte le fonti concordano sull’anno); il paradosso vuole che la celebre poetessa è rimasta nella storia della letteratura dell’Azerbaigian per essersi battuta contro l’oscurantismo religioso, i fanatismi e i dogmi. Da un lato, si celebra una visione di 900 anni addietro coraggiosa, dall’altro lato, il Governo, nella contemporaneità, non ha mosso un dito, è proprio il caso di dirlo, per proteggere lo scrittore Aylisli, anzi Ilham Aliyev, Presidente dell’Azerbaigian, ha dichiarato nulli i premi ottenuti, oltre a bloccargli la pensione.  

 

Pochi giorni fa il Comitato esecutivo Russian Pen Centre (una storica istituzione che dal 1921 coinvolge scrittori e intellettuali in numerose attività culturali) ha declinato l’invito al festival di Ganja per protestare contro la persecuzione a danni di Aylisli. La dichiarazione lascia poco spazio all’interpretazione: «Respecting the culture and centuries-long traditions of the Azerbaijani people and supporting just only this culture and traditions, but not tyranny and fanaticism, we refuse to attend the International Book Forum to protest against the writer’s prosecution».  

 

Qui in Italia ci chiediamo che cosa ne pensi l’Ambasciata dell’Azerbaigian con sede a Roma. Noi di Sul Romanzo non staremo a guardare e invieremo una mail di protesta all’ambasciatore. Vogliamo capire la posizione ufficiale del Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian.

Non solo. Scriveremo una mail di protesta, includendo questo articolo, anche all’ambasciatore italiano che si trova nella città di Baku. E metteremo in CC altresì il Ministro degli Affari Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata, nella sua Segreteria Particolare e nel Gabinetto del Signor Ministro.

 

Invitiamo i nostri lettori a fare lo stesso, non possiamo rimanere indifferenti, l’articolo 21 della nostra Costituzione ce lo impedisce.

rome@mission.mfa.gov.az

ambasciata.baku@esteri.it

ministero.affariesteri@cert.esteri.it

gabinetto.ministro@cert.esteri.it

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.