14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

“After” di Anna Todd, arriva dalla rete la novità young adult

“After” di Anna Todd, arriva dalla rete la novità young adult

After di Anna Todd, che Sperling & Kupfer manda in libreria in questi giorni nella traduzione di I. Keterinov, arriva in Italia preceduto da una vasta campagna promozionale che sottolinea come il libro sia nato in rete. Si tratta infatti di un romanzo inizialmente scritto a puntate su Wattpad, la grande piattaforma per autori e lettori che sforna ogni giorno centinaia di migliaia di pagine, scritte in tutto il mondo in una cinquantina di lingue diverse. Chi scrive pubblica all’incirca un capitolo per volta, mentre chi legge commenta, suggerisce, in alcuni casi vede le sue idee raccolte dall’autore. Si tratta in gran parte di romanzi sentimentali e fan fiction, storie inventate a partire da un personaggio famoso, come un attore o un cantante, oppure nato in romanzi preesistenti.

In After si racconta la storia di Tessa, diciottenne americana orfana di padre, che lascia la madre e il fidanzatino di sempre Noah, per iniziare a frequentare il college. Qui incontra subito Hardin, il classico ragazzo “bello e dannato”, problematico quanto basta per mettere in crisi Tessa e dare vita con lei a una storia d’amore fatta di alti e bassi, passione travolgente e litigi estenuanti, che costringerà le lettrici amanti del genere a divorare anche i tre volumi successivi per giungere alla conclusione della vicenda.

Attorno a Tessa, voce narrante, e ad Hardin ruotano molti altri personaggi tipici di questo genere narrativo, dalla madre oppressiva di lei agli altri frequentatori del college, tra cui spicca Molly, tipico esempio di amica tutt’altro che buona, e che ci raccontano il mondo che circonda i due protagonisti.

Anna Todd è venuta a Milano per la presentazione della versione italiana diAfter, e oltre alle sue numerose fan ha incontrato un gruppo di blogger per rispondere alle loro domande.

 

Come è nata questa storia?

Ho cominciato a leggere storie su Wattpad, m’interessavano soprattutto le fan fiction ispirate agli One Direction, ma spesso queste storie non arrivano a conclusione, perché l’autore si stanca o non riesce più a continuare. Così ho deciso, per divertirmi un po’, di iniziare a scriverne una io. La cosa poi è diventata sempre più coinvolgente, fino alla dipendenza totale, e a farmi scrivere centinaia di pagine.

 

Ma lei scriveva già prima di questa esperienza? Come ha trovato il suo modo di scrivere?

No, prima non avevo scritto altro che i temi scolastici, e non credo di aver messo a punto uno stile e una tecnica miei: sono una narratrice, mi piace divertirmi mentre scrivo e non credo che diventerò mai una scrittrice famosa, m’interessa solo intrattenere chi mi legge.

 

Io ho trovato interessantissimo il personaggio di Noah, perché è molto simile a Tessa, quasi una sua versione al maschile. Il fatto che Tessa, appena arrivata al college, provi attrazione per una persona del tutto diversa da lui mi ha fatto pensare che lui rappresenti la “vecchia” Tessa da cui la protagonista deve staccarsi. È così?

Sì, è davvero così che ho immaginato il ruolo del personaggio di Noah: l’amore che Tessa prova per lui è legato alla famiglia, alla madre che la vedrebbe già fidanzata con lui, ma nel momento in cui lei si ritrova libera dall’influenza materna decide di andare nella direzione contraria a quella suggerita. Non molti lettori lo apprezzano, ma a me Noah piace moltissimo, è il bravo ragazzo dalla vita tranquilla.

 

Tessa all’inizio è una pianificatrice ossessiva, però appare anche molto ingenua di fronte ai cambiamenti. Questo in fondo è strano, perché è una grande lettrice, molto curiosa, e non è più una bambina. Quanto di se stessa a quell’età ha messo nell’apparente conflitto del personaggio?

Io sono cresciuta in una maniera molto diversa, direi piuttosto in fretta, ma non è così per tutti. Tante persone non sanno esattamente cosa significhi vivere un’esperienza nuova e diversa e non vanno a fondo della loro curiosità, per imparare e conoscere cose nuove. Posso capire che Tessa risulti contraddittoria, ma nel mondo ci sono tante persone come lei.

“After” di Anna Todd, arriva dalla rete la novità young adult

 

Tutti i personaggi sono di fantasia, oppure si è ispirata anche a qualche persona reale, magari un po’ anche a se stessa?

Di solito traggo ispirazione da altri personaggi di finzione. Tessa rappresenta quello che ognuna di noi è a quell’età. Sembra la tipica “brava ragazza” ma in realtà è immatura, dice bugie, non è quindi del tutto innocente.

Hardin rappresenta tutti i protagonisti tenebrosi delle storie che io amo, che ho letto o che ho visto in tv, come Heathcliff di Cime tempestose o Darcy di Orgoglio e pregiudizio, oppure Damon de Il diario del vampiro di Lisa J. Smith.

 

Lei dice di essersi ispirata a Harry Siles degli One Direction, ma a quale delle differenti versioni del personaggio che abbiamo conosciuto?

L’ispirazione l’ho avuta andando a vedere tutto ciò che i fan mettono in rete a proposito dei loro idoli, come quei siti dove si divertono a modificare l’aspetto delle celebrità cambiando loro capelli, occhi, abiti, aggiungendo o togliendo tatuaggi, ecc., creando quindi un universo alternativo, diverso dalla realtà. Hardin ha cose diverse da Harry Siles, soprattutto una personalità differente: è stato un modo per giocare col personaggio.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Lei è stata appunto criticata per aver in qualche modo “profanato” l’immagine di Harry Stiles. Come ha reagito alle critiche mentre s’impegnava a scrivere il suo libro?

È facile ignorare queste critiche perché sono spesso ridicole. Quando inizi ad avere successo tutti se la prendono con te, anche se all’inizio ti adoravano, poi passano facilmente a odiarti. Ormai so che molti mi criticherebbero anche se postassi in rete la foto di un gatto, perciò non mi preoccupo. Chi legge il mio libro capisce subito che non sto parlando del vero Harry Siles, che fa una vita completamente diversa dal mio personaggio.

 

Che effetto le fa trovarsi catapultata all’improvviso nel mondo del successo, tra fan, fotografi e tutto il resto?

È successo tutto talmente in fretta ed è tutto così nuovo che non ho ancora avuto il tempo di metabolizzare quello che mi sta succedendo. Posso dire che è una sensazione straordinaria, che mi piace tantissimo, ma non ho ancora capito quali siano le grosse differenze tra adesso e prima. Forse non ce ne sono poi così tante, perché io mi sento un po’ una delle mie fan, una di quelle che condividevano con me la passione per gli One Direction e le storie su Wattpad.

 

Wattpad è una piattaforma di interazione e scambio tra autori e lettori. Nel suo caso, quanto sono stati importanti i commenti e i suggerimenti ricevuti dai lettori che la seguivano?

Può sorprendere, ma in realtà su Wattpad non si ricevono veri contributi: di solito quelli che seguono una storia scrivono solo se un capitolo piace o non piace, a meno che non sia l’autore stesso a chiedere in modo esplicito a chi lo segue che scelte fare in certi punti della storia. Per quanto mi riguarda, io mi sono basata sulle mie emozioni, perché i suggerimenti che ho ricevuto sono stati spesso battute un po’ sciocche, oppure mi hanno spinto a cambiare direzione, scrivendo l’opposto di quello che i lettori si sarebbero aspettati.

 

È stato difficile convertire tutti i capitoli inseriti su Wattpad in un’opera organica e pubblicabile?

All’inizio temevo che l’editor si sarebbe messo a cambiare tutto, ma per fortuna questo non è accaduto. Mi ha fatto lavorare tantissimo, perché quando scrivi su Wattpad non ti rendi troppo conto di quello che fai, perché devi continuare a portare avanti la storia. Il lavoro con l’editor mi ha insegnato a strutturare il libro e soprattutto a essere in contatto con una persona sola e non con le migliaia di seguaci della rete.

“After” di Anna Todd, arriva dalla rete la novità young adult

Quanto ha modificato della storia per la stampa?

Ci sono molte differenze, soprattutto all’inizio: ho tagliato circa il quindici per cento della versione su Wattpad. In principio non immaginavo che la storia sarebbe diventata così lunga, ma l’editor me l’ha fatta ridurre parecchio. Il finale è diverso, ho tagliato delle scene ma ce ne sono anche di nuove, e soprattutto ho sistemato molte cose in contraddizione tra loro, incongruenze di cui non ti rendi conto mentre scrivi. La versione stampata quindi risulta differente, ma siccome sono tanti i lettori di libri che non si avvicinerebbero mai a Wattpad, sono contenta di aver lasciato l’originale sulla piattaforma.

 

Si sta lavorando a un film tratto da After. Pensa che avrà qualche possibilità di influire sulla scelta degli attori?

Sono in contatto con la sceneggiatrice, che mi anticipa quello che le piacerebbe cambiare e chiede la mia opinione: siamo d’accordo che lei si impegna a non realizzare le idee su cui io dovessi dare un giudizio negativo. Devo dire che per ora le sue idee mi piacciono e apprezzo tutte le modifiche che ha proposto, perciò non credo che nel film ci saranno cose troppo diverse dal libro. Mi fido della sceneggiatrice e apprezzo molto la sua sensibilità.

 

Non ha un po’ paura di vedere il film?

No, sono molto emozionata all’idea, e questo è più forte delle mie paure: mi sento fortunata ad avere la possibilità di lavorare a questo film, che uscirà per la Paramount.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.