Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Adulterio e omicidio. “Agamemnon” di Seneca

Adulterio e omicidio. “Agamemnon” di SenecaCome già visto nella Medea, nel Tieste e nella Fedra senecane, gli influssi della Medicina Pneumatica in Seneca sono evidenti; di conseguenza, si possono analizzare tali influssi anche in un’altra sua tragedia: l’Agamemnon, nella quale vengono descritte le passioni che travagliano Clitennestra, sovrana di Micene, che soffre ormai da dieci anni per la lontananza del marito Agamennone, per i continui tradimenti di lui e per il sacrificio da lui perpetrato con l’immolazione della figlia Ifigenia. Clitennestra entra in scena mostrandosi fortemente prostrata, afflitta dalle forze discordanti della gelosia e della vendetta, da un lato, e della pietà e del rispetto di dall’altro.

«Perché, animo pigro, ricerchi il partito più sicuro? Perché ondeggi? È ormai preclusa la via del bene. Un tempo ti era possibile custodire con casta fedeltà il letto pudico del tuo sposo e lo scettro vacante- ora sono andati perduti i buoni costumi, il diritto, l’onore […] e quel pudore che, una volta perduto, non sa più ritornare

 

Il suo abbattimento, nonostante ciò, conosce fasi di subitanea eccitazione al punto che il primo atto si conclude con la regina fermamente convinta a perpetrare il suo scelus nonostante l'ultimo appello a rinunciare lanciato dalla nutrice.

«Mi tormenta un pensiero troppo crudele perché io possa sopportare un rinvio; fiamme bruciano le mie midolla e il mio cuore.»

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Quando però Egisto entra in scena dopo il coro, la regina sembra avere un riflusso di pudor e, quindi, sembrerebbe essere pentita e piena di vergogna per i progetti covati con il compagno.

«L’amore coniugale prevale e mi fa tornare indietro: torno là da dove non avrei mai dovuto muovermi.»

 

Dopo un lungo duello dialettico, però, il ragazzo ha la meglio su di lei e convince Clitennestra a proseguire il folle piano. Gli ondeggiamenti della regina possono essere letti come un chiaro esempio di ciclotimia psicologica: ella si trova in una costante dilacerazione psicologica che non le permette di constatare con decisione quale sia il partito da lei scelto. È evidente, di conseguenza, come la fluctuatio animi di Clitennestra sia, per Seneca, un sintomo depressivo molto chiaro: l'ingresso in scena della donna è caratterizzato da uno stato depressivo melancolico che a mano a mano lievita in un desiderio di violenza che provoca una sovraeccitazione molto vicina alla mania, anche se la traduzione in atto del furor deve ancora attendere uno slancio totale, finale e vendicativo.

Adulterio e omicidio. “Agamemnon” di Seneca

Lo stesso dialogo con la nutrice è un chiaro segno di ciclotomia psicologica in quanto, come avevamo già visto anche per Fedra, esso non ha alcuna influenza sulla donna che è ormai in balia della propria malattia psichica e, in conseguenza di ciò, continua insistentemente verso una degenerazione totale, verso un adsensus animi che le dia la forza per compiere il nefas da lei progettato. I riflussi biliari, che sembrerebbero un disperato ritorno al pudor, sono in realtà un chiaro segno dell'incostanza psicologica che non permette alla regina Danaum di risolversi nella sua azione; solo grazie alle parole di Egisto, che spingono la donna verso l'atto finale, ella riesce a scaricare il suo pectus che non riusciva più a sopportare un nefas così orrendo, con una scarica biliare che permette alle cavità ipocondrie di liberarsi, di ottenere maggiore bile e di assassinare Agamennone con una ferocia imprevedibile.

Il furor maniacale di Clitennestra non si limita all’omicidio del marito ma continua su una scia pazzoide che le muove l'animo e la porta a mettersi, come un leone affamato, alla ricerca del figlio, per estirpare la dinastia discendente da Agamennone; purtroppo per lei, però, il figlio, grazie all’aiuto della sorella maggiore, riesce a fuggire e, quindi, il suo desiderio di vendetta si spegne malamente dopo essere riuscita ad adempiere al suo scelus soltanto per metà.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In conclusione, in questa tragedia, come nelle altre analizzate, il furor melancolico-maniacale diviene il protagonista di tutta la vicenda: i personaggi principali, infatti, compaiono in preda a passioni dilaceranti che non permettono alla ratio di vincere sulla parte irrazionale dei singoli; essi, come un mare in tempesta, si trovano in balia di una ciclotimia psicologica che non lascia scampo: o ritirarsi dalle nefandezze progettate, o continuare verso lo scelus totale e onnilaterale. Nella maggior parte dei casi, come si è visto, i protagonisti scelgono la seconda via, quella peggiore, in quanto, così facendo, il peso che avevano trovato nel loro pectus si affievolisce, vi è una scarica biliare che permette loro di sentirsi liberi, di respirare a pieni polmoni e di ritrovare il proprio ego che si era perso nelle sezioni recondite del loro animus. Questa interpretazione è ovviamente figlia della scuola pneumatica, ma può essere considerata prodromica dei futuri studi che verranno fatti riguardo all’inconscio umano: da Freud a Jung, con i corrispondenti risvolti letterari del modernismo inglese con Joyce e Woolf o, sulla sponda letteraria italiana, con Svevo; per questo motivo bisognerebbe leggere le tragedie senecane che permettono di comprendere, o meglio, di avere una nuova prospettiva riguardo alle passioni umane, riguardo a quelle realtà emozionali che struggono gli uomini ancora oggi e che, come si può notare, erano le stesse che dominavano gli uomini d’allora. Adulterio e omicidio, furor e melancolia sono, perciò, costanti letterarie universali e, purtroppo, anche umane.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.