Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

A Torino, la settimana dell’arte contemporanea

ParatissimaA novembre, Torino si dedica all’arte contemporanea. È così da almeno otto anni, ovvero da quando è nata Paratissima, l’altra faccia della Fiera Internazionale d’arte contemporanea, Artissima, che si tiene in città (Lingotto Fiere).

Concepita come la versione “off” (dislocata) della più “ingessata” Artissima, Paratissima è ormai un appuntamento clou dell’autunno torinese. È l’arte che scende in strada, tra i quartieri, a dialogare con il tessuto urbano. Zone mercatali dismesse, ex-carceri, fabbriche recuperate e stazioni diventano spazi espositivi per artisti, creativi, fotografi, illustratori, pittori, stilisti, scrittori, registi e designer emergenti, i quali non hanno ancora accesso al circuito ufficiale dell’arte.

Dal 6 al 10 novembre 2013, per la nona edizione della manifestazione, saranno oltre 500 gli artisti coinvolti, tra mostre, workshop, concorsi, sfilate e concerti sparsi per la città, pur tenendo come base il MOI di Borgo Filadelfia, l’ex mercato ortofrutticolo all’ingrosso di via Giordano Bruno.

A Paratissima gli snob sono banditi: si è alla ricerca dell’interazione spontanea con i cittadini, senza i francesismi dei galleristi e le sofisticherie dei vernissage. Le parole d’ordine sono sperimentazione e accessibilità.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Tra gli eventi collaterali a Paratissima c’è la mostra collettiva In Art We Trust: dal 7 novembre (inaugurazione) e fino al 31 gennaio, le opere di sette artisti – diversi per età, formazione, tecnica e uso dei materiali – saranno esposte all’interno dello spazio di SB Art di via della Rocca.

Francesca Arsì, Davide Binello, Jean Paul Charles, Fausto Ghiglia, Claudio Massucco, Diego Scursatone e Massimo Tosco trovano rifugio nell’arte per indagare la spiritualità, i pericoli ecologici della schiavitù industriale, la confusione fra pubblico e privato e la transitorietà solo apparente di alcune opere dell’uomo. Questioni terribilmente contemporanee!

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.