Interviste a scrittori

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

A scuola di felicità

la ricerca della felicitaAutostima, ironia, empatia, ottimismo e creatività. Sono gli ingredienti della felicità, e ora vengono insegnati pure a scuola. Da dire che i corsi di filosofia positiva non sono certo una novità. Dapprima negli Usa, poi in Gran Bretagna, Germania e Austria, corsi del genere si tengono da anni. Ora, però, a questi Paesi si associa anche la Svizzera. Per il momento per iniziativa di una sola scuola, poi, se i risultati saranno soddisfacenti, probabilmente anche il resto dell’efficiente confederazione non tarderà ad adeguarsi.

A introdurre nell’orario scolastico le lezioni di contentezza l’Istituto privato femminile Theresianum, di  Ingenbohl, nel Canton Svitto. L’obiettivo, come spiega l’istituto a un settimanale svizzero, è rafforzare e rendere più forte il carattere delle allieve, per favorire la loro realizzazione futura. Come farlo? Portandole a scoprire le potenzialità dell’individuo e, quindi, a svilupparle al massimo per crescere soddisfatte e felici.

Al di là della stranezza, un aspetto positivo di questo tipo di corsi è subito evidente. L’approccio, fin dalla prima lezione, è l’esatto opposto a quello della psicologia tradizionale, che invece tende a scandagliare e analizzare insoddisfazioni, deficit e patologie, “limitandosi” a lavorare su quelle. In tal modo, i corsi psicologia positiva, di “well being”, ovvero di “stare bene”, hanno avuto molto successo dove sono stati introdotti.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Così gli aspetti psicologici positivi sostengono la felicità. Ma dunque la felicità può essere insegnata? «Dipende», è la risposta degli esperti contattati dal periodico svizzero. «Nel corso della mia carriera – spiega uno dei professionisti interpellati –, ho spesso visto che un grado elevato di consapevolezza di sé comporta anche una certa dose di infelicità, come dire che più ci si addentra nei meandri dell’animo umano e più si diventa leopardiani». Nota interessante, peccato per l’errata citazione finale. Già, Leopardi infatti tutto era fuorché depresso. Tutt’altro, con la sua voglia di vivere, la frenesia e la curiosità di scoprire il mondo che lo contraddistinguevano, magari proprio lui avrebbe avuto molto da insegnare in un corso sulla felicità.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.