Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

A Bruxelles adesso vince la diffidenza

A Bruxelles adesso vince la diffidenzaQuando arrivi a Bruxelles, adesso, a poche settimane dagli attentati e dagli arresti che hanno scosso tutta l’Ue, entri in un sistema di controllo militare che ricorda da vicino immagini e sequenze cinematografiche.

Non è soltanto la presenza dei blindati e dei soldati in mimetica e mitra, a segnalare uno stato di guerra, ma le transenne di filo spinato intorno ai palazzi del potere comunitario, i ceri per terra davanti al palazzo della Borsa, i pochi turisti e la timidezza – lo sguardo basso e diffidente – degli abitanti arabo-belgi di Molenbeek.

Il sentimento più diffuso tra tutti i belgi è proprio questa diffidenza che penetra nelle ossa, che scuote il sistema, che rastrella le paure e le concentra in un condensato di intolleranza e incomprensione. Girando per il quartiere di cui più si è parlato in questi mesi, ci si rende conto di essere dentro un’architettura europea abitata da una popolazione povera, culturalmente lontana dall’idea di Belgio e di Nord Europa che possediamo qui in Italia.

 

LEGGI ANCHE – «Gli attentati di Parigi sono il contrattacco dell’ISIS», intervista a Sergio Romano

A Bruxelles adesso vince la diffidenza

Molenbeek non è altro che una propaggine ex operaia a ridosso del centro di Bruxelles: un vecchio quartiere fordista a cinque minuti a piedi dalla Place Centrale, oltre un canale di acqua dolce sul quale viaggiavano carbone, birra e altre merci. Quel quartiere, dove abitarono non pochi italiani, è adesso il cuore di un insediamento magrebino, arabo in genere, da cui sono nati i più noti combattenti europei del Daesh.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Parlando, quando ci si riesce, con la gente del posto si appunta una sorda insofferenza, un desiderio di far gruppo a sé, di riproporre a Bruxelles quello che vivono, hanno vissuto, nel Maghreb, appunto. Non stupiscono le ragazze velate o le donne quasi totalmente coperte, ma lo spirito di comunità che aleggia nel quartiere, che tanto stona con l’idea che abbiamo più o meno tutti dell’Occidente soltanto bianco, magari cristiano e produttivo. Qui i disoccupati non mancano, le donne lavorano poco, le scuole hanno alti tassi di abbandono, l’arabo (un arabo scarno, mi dicono i più informati) primeggia perché grazie a esso la predicazione salafita può andare avanti, penetrare nelle coscienze e diffondersi come nuova ideologia di massa.

A Bruxelles adesso vince la diffidenza

LEGGI ANCHE – Chi sono i foreign fighter? Il radicalismo islamico, l'ultima grande utopia del Novecento

 

Il pericolosegnalato dalle Istituzioni del quartiere è che tutto si trascini dalla diffidenza di strada alla chiusura dentro le mura di casa: un ripiegamento domestico, identitario, che favorirebbe l’allontanamento tra terza generazione e coetanei non musulmani. Già avviene, in realtà, e i risultati si son visti. Esclusione ed autoesclusione sono le tendenze sociali in atto in questo momento nelle cosiddette periferie nordeuropee, dove la miseria materiale e culturale è colmata da fondamentalismi e ideologismi che stanno distruggendo qualunque anelito di solidarietà e democrazia in Europa.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.