Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

80 euro a chi?

80 euroC’è modo e modo di riattivare l’economia. C’è maniera e maniera di rimettere in moto i consumi. Su questi benedetti 80 euro in busta paga per i lavoratori dipendenti s’è scatenata la bagarre politica, e il circo mediatico adopera questo argomento meramente economico per avviare il gossip della campagna elettorale per le elezioni europee.

In quegli 80 euro c’è il distillato del Paese, di quel che siamo diventati a furia di inseguire aumenti di stipendio e riduzioni di tasse come obiettivi massimi della nostra esistenza democratica. Noi siamo legati a filo doppio a un’identità consumistica che ci travolge, ci pervade, ci assale e ci mortifica ora che c’è la crisi e che non se ne esce. La costruzione del consenso attraverso la concessione di bonus (bonus casa, bonus bebè, ecc.) è cosa vecchia, vista e rivista, che non ha modificato i rapporti tra gli italiani e la crisi, ma ha reso i cittadini più vicini al Mercato e più lontani dallo Stato.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Evidentemente, chi vuol farsi la campagna elettorale pro o contro gli 80 euro sposa un’idea mercantile della cittadinanza e della democrazia. Sono altri gli argomenti sui quali andrebbe avviato il dibattito elettorale in Italia: il lavoro, per esempio, che manca perché manca una strategia produttiva nazionale; il welfare, sul quale si gioca la sopravvivenza di centinaia di migliaia di famiglie, di single e di anziani; la cultura, grande assente dall’agenda politica nazionale. Su questi tre temi in Germania ed in Francia si sono fatti passi in avanti che adesso, a distanza di qualche anno, producono i loro effetti.

In Germania la cultura produce Pil, lavoro, reddito e perfino rendita; la Francia esporta in Cina il proprio modello di welfare e di sanità; in entrambi i Paesi la disoccupazione è tenuta sotto controllo, come sotto controllo sono i redditi milionari che non vengono reinvestiti in attività produttive. C’è una differenza evidente, allora, che va colmata quanto prima, se vogliamo restare in Europa e fare dell’Ue un’unione politica. E va colmata costruendo una pianificazione delle priorità, comprendendo che solo un’Europa solidale può salvare il continente dalla crisi e che soltanto con la costruzione di strumenti per il lavoro possiamo sconfiggere i populismi europei. Per questo, oltre gli 80 euro, agli italiani serve un percorso nuovo, anche faticoso, ma che restituisca a tutti la dignità attraverso la buona occupazione.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (6 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.