Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

7 scrittori che amavano i gatti

7 scrittori che amavano i gattiUna delle mode del momento è quella di fotografare i propri gatti mentre leggono. O meglio: mentre sono nelle vicinanze di un libro. Il rapporto tra gatti e letteratura però non è una cosa nuova, basti pensare che nel corso degli anni sono stati molti gli scrittori che hanno espresso, in modo più o meno velato, il loro amore per i felini domestici.

Qui di seguito vi parliamo di sette scrittori che hanno amato i gatti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

1. T.S. Eliot

7 scrittori che amavano i gatti

Oltre a infarcire le sue poesie con allusioni agli amici gatti, Eliot scrisse anche Il libro dei gatti tuttofare, una raccolta di 15 poesie dedicate ai suoi figliocci e incentrate sulle diverse personalità ed eccentricità dei gatti. Nomi come Vecchio Deuteronomio, Rum Tum Tugger e Mr. Mistoffelees sono diventati ormai noti in tutto il mondo, grazie al musical Cats, firmato Andrew Lloyd Webber.

 

LEGGI ANCHE – Quando T.S. Eliot rifiutò di pubblicare “La fattoria degli animali” di George Orwell

***

2. Ernest Hemingway

7 scrittori che amavano i gatti

Hemingway e la sua famiglia s’innamorarono dei gatti durante il loro soggiorno a Finca Vigia, a Cuba. Durante uno dei suoi numerosi viaggi, allo scrittore fu regalato un gatto con sei dita di nome Snowball.

A Hemingway piaceva così tanto questo giovane gatto che nel 1931, quando si trasferì nella sua casa a Key West, lo lasciò libero di correre in giro, creando una piccola colonia di felini che popolarono la zona. Oggi, quaranta dei cinquanta discendenti di Snowball vivono ancora intorno alla casa. I gatti polidattili sono a volte anche chiamati “gatti di Hemingway”.

 

LEGGI ANCHE – 8 consigli di scrittura di Ernest Hemingway

***

3. William S. Burroughs

7 scrittori che amavano i gatti

Oltre che per le sue opere e la vita irregolare, Burroughs è noto anche per un lato più dolce, rappresentato dal suo amore per i gatti. Scrisse un racconto autobiografico, The Cat Inside, incentrato sui gatti che aveva posseduto nell’arco della sua vita. E l’ultimo inserto del suo diario, scritto poco prima di morire, è dedicato al suo amore per i gatti:

«L’unica cosa che può risolvere i conflitti è l’amore, come quello che sentivoper Fletch e Ruski, Spooner e Calico. Amore puro. Quello che provo per i miei gatti attuali e quelli che avevo in passato. L’amore? Cos’è? L’antidolorifico più naturale che c’è. AMORE».

***

4. William Butler Yeats

7 scrittori che amavano i gatti

Anche se non in modo palese, l’amore di Yeats per i gatti è presenti in poesie come The Cat and the Moon, dove usa l’immagine di un gatto per rappresentare se stesso e quella della luna per rappresentare la sua musa Maude Gonne, un’attrice e femminista dell’alta società che ispirò spesso il poeta. La poesia si riferisce al gatto della Gonne, chiamato Minnalushe, che sieDe e osserva la mutevole luna.

Yeats si trasforma metaforicamente nel gatto che desidera il suo amore che gli è indifferente, e il poeta dal cuore felino si chiede se Gonne cambierà mai i suoi pensieri. Gonne comunque non accettò mai di sposarlo, nonostante Yeats avesse chiesto la sua mano ben quattro volte!

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

***

5. Patricia Highsmith

7 scrittori che amavano i gatti

Di certo non è tra le scrittrici i cui libri trasudano amore, e lei stessa ha dichiarato: «La mia immaginazione funziona molto meglio quando non devo parlare con le persone», ma l’autrice de Il talento di Mr. Ripley ha comunque trovato il modo perfetto per far funzionare la sua immaginazione grazie ai suoi numerosi compagni a quattro zampe. Faceva praticamente tutto con i suoi Gatti: scriveva standogli accanto, mangiava e persino dormiva con loro. Li tenne al suo fianco per tutta la vita, fino alla morte a Locarno, nel 1995.

 

LEGGI ANCHE –Il prezzo del sogno – Patricia Highsmith, la donna che precorse i tempi

***

6. Charles Dickens

7 scrittori che amavano i gatti

Uno dei più importanti scrittori di sempre, Charles Dickens una volta disse: «Quale regalo più grande dell’amore di un gatto?»

Sarebbe rimasto seduto per ore a scrivere ma, quando i suoi amici pelosi richiedevano la sua attenzione, spegnevano la fiamma della candela che aveva sulla scrivania. Nel 1826 era così triste per la morte del suo gatto preferito, Bob, che usò la zampa per decorare un tagliacarte d’avorio e su questo fece incidere la seguente iscrizione: «C.D., in memoria di Bob, 1862», così tenne il suo vecchio amico sempre vicino a sé.

 

LEGGI ANCHE – 8 cose che (forse) non sai su “Canto di Natale” di Charles Dickens

 

7. Raymond Chandler

7 scrittori che amavano i gatti

Chandler ha avuto un’immensa influenza sulla narrativa poliziesca ed è giunto a definire i principi del noir. E come tutti qui scrittori menzionati finora, anche lui amò molto i gatti. Il suo gatto Taki gli regalò una gioia immensa, anche se di tanto in tanto gli dava ai nervi. E a proposito di Taki in una lettera a un amico scrive:

«Il nostro gatto cresce come un tiranno. Se resta da sola emette grida lancinanti fino a quando qualcuno non corre da lei. Dorme su un tavolo nella veranda di servizio e ora pretende che qualcuno la aiuti a salire sul tavolo o la metta a terra. Beve latte caldo alle 8 di sera e inizia a gridare per averlo già verso le 7.30».

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere il perfetto romanzo poliziesco. I 10 consigli di Raymond Chandler

***

E voi conoscente altri scrittori che amavano o amano i gatti? Lasciateci il nome nei commenti!

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.