In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

7 motivi perché leggere fa bene al cervelloSpesso diciamo che leggere fa bene al cervello, ma altrettanto spesso quest’affermazione si basa più sul nostro desiderio che su solide basi scientifiche.

 

E invece, stando ad alcuni studi più o meno recenti, la lettura avrebbe un’influenza benefica sul cervello per una serie di motivi che su Bustle.com hanno sintetizzato in sette punti.

 

1. Leggere riduce lo stress

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

Sembra che la tua libreria sia un vero toccasana per la salute mentale. Lo studio citato da Bustle.com è del 2009 ed è stato realizzato dall’Università del Sussex dimostrando che trenta minuti di lettura possono far diminuire lo stress più di molti altri metodi tradizionalmente usati per rilassarsi, come ascoltare musica ad esempio. Secondo lo studio, la lettura ridurrebbe i livelli di stress del 68%.

Gli scienziati pensano che la causa del fenomeno sia dovuta in parte all’evasione dalla realtà e in parte a una sorta di perdita dell’attenzione verso il proprio corpo. Immergersi nella lettura di un libro aiuta il corpo a essere meno concentrato sulle proprie tensioni muscolari e quindi a rilassarsi.

 

LEGGI ANCHE – Come leggere tanti libri all’anno

***

2. Leggendo un libro ricordiamo di più

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

Alcuni studi, pubblicati prima del 1992, sembravano suggerire la morte dei libri dal momento che indicavano tempi di comprensione del testo scritto più alti rispetto a quanto accadeva sullo schermo. Oggi però gli scienziati non sono più sicuri di queste conclusioni.

Ad esempio, potresti ricordare una quantità minore di informazioni se leggi su un tablet anziché su un libro cartaceo.

 

LEGGI ANCHE – Come leggere di più ogni giorno, 10 consigli

***

3. La lettura potrebbe far evolvere le nostre menti

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

Maryanne Wolf, nel suo Proust e il calamaro, espone una teoria molto interessante: l’invenzione della lettura, molte migliaia di anni fa, spinse i nostri cervelli a evolvere, permettendoci di assimilare informazioni in modo diverso. La lettura, secondo Wolf, è uno degli elementi cruciali nella storia genetica e intellettuale dell’uomo, e ha un ruolo importante da giocare per quanto riguarda il modo in cui pensiamo, lavoriamo e ricordiamo.

La teoria è ancora oggetto di molti dibattiti, ma Stanislas Dehaene, nel suo I neuroni della lettura, specifica come sia completamente ridicolo il fatto che i nostri cervelli, che all’inizio esistevano solo per farci sopravvivere nella savana africana, ora possano comprendere Shakespeare senza aver subito alcuna evoluzione.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

***

4. Reagiamo anche fisicamente alle metafore che leggiamo nei libri

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

Uno studio della Emory University ha rivelato che le metafore sono più fisiche di quello che pensiamo. Gli scienziati hanno paragonato gli esiti di una risonanza magnetica fatta a persone che erano in ascolto di metafore a quelli di una risonanza fatta alle stesse persone mentre ascoltavano una semplice frase senza nessuna metafora. Ascoltando la metafora, la parte del cervello che si attiva quando realmente tocchiamo qualcosa si è illuminata. Sentiamo davvero le metafore che leggiamo.

***

5. Leggere narrativa migliora le nostre competenze etiche e l’empatia

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

Leggere narrativa – immergersi nella vita di un’altra persona e vedere il mondo attraverso i suoi occhi – è sempre stato considerato come un modo per ampliare la propria visione del mondo. Ma recenti studi dimostrano che la lettura ci aiuta a diventare anche più empatci.

In particolare lo studio, realizzato ancora presso la Emory University, si è focalizzato su un tipo di narrativa incentrata su un personaggio, da Anna Karenina ai modernisti del flusso di coscienza come Virginia Woolf. Ma i risultati non lasciano adito a dubbi: dopo la lettura, i soggetti erano più empatici e la loro intelligenza emotiva risultava rafforzata, in grado di “sentire” i movimenti dei personaggi nelle aree del proprio cervello deputate al movimento.

***

6. Leggere caratteri intricati spinge il cervello a “scriverli”

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

Il cervello ha vari modi di interpretare e ricordare le lettere e i simboli. Uno dei modi più affascinanti con cui affronta quest’aspetto accade quando si legge qualcosa di particolarmente complicato e con il quale non abbiamo familiarità. Si è scoperto che, in questo caso, il cervello “scrive” la lettera; è come se la parte del cervello associata alla scrittura e alla sua decifrazione muovesse fisicamente una penna sulle linee del simbolo.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

***

7. La poesia rafforza la memoria

7 motivi perché leggere fa bene al cervello

La poesia stimola i nostri cervelli più o meno allo stesso modo della musica: si collega all’emisfero destro del cervello, che regola le emozioni. È anche incline a catapultarci in uno stato di auto-riflessione che rafforza la memoria, soprattutto quando leggiamo poesie molto note che amiamo. La poesia illumina anche le aree del cervello che riguardano la memoria e le “spegne” quando ci rilassiamo”. Si chiama “trance poetico”.

***

Allora, che ne dite di trovare più tempo per leggere? Il vostro cervello vi ringrazierà!

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (7 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.