Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vitaCosa possono dirci di Picasso i suoi autoritratti?

Secondo OpenCulture molto. La famosa rivista online infatti ritiene che sia possibile considerarli come rappresentativi dei suoi molti esperimenti formali oltre che dei periodici cambiamenti di stile, un esercizio cioè che testimonia l’acquisizione di nuova consapevolezza e il tentativo di guardare a nuove identità estetiche. Anche nei periodi in cui maggiormente si lasciò ispirare dall’astrattismo, le sue opere sono irradiate da un’energia emozionale molto potente.

L’animo e la vitalità di Picasso permeano anche il suo quadro Le damigelle di Avignone, una scena in un bordello con cinque donne con figure geometriche, due con maschere africane e iberiche. L’autoritratto del 1907, quando Picasso aveva 25 anni, viene da questo periodo in cui l’artista ha iniziato il suo momento cubista tracciando un netto distacco da tutto quanto fatto in precedenza.

Una versione precedente di Le damigelle di Avignone includeva una figura maschile, un’immagine del pittore stesso. Anche quando non la figura maschile comparve, Picasso vi si vedeva comunque rappresentato grazie ai i suoi atteggiamenti, alle sue percezioni della realtà così come la immaginava.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

I dipinti del periodo blu, con la loro tristezza e i temi della povertà, della solitudine e della disperazione, corrispondono al suo lutto per il suicidio di un amico, l’artista catalano Carlos Casagemas. Il Picasso nel ritratto del 1901 sembra un gigante debole che dimostra molto più dei suoi venti anni. Nel 1917, l’artista trentacinquenne si ritrasse con un viso giovanile e senza un filo di barba.

 

LEGGI ANCHE – La zuppa alle erbe di Picasso

 

In questo periodo, con la fine della Prima guerra mondiale, iniziò a disegnare le scene per i famosi Balletti russi di Diaghilev, e incontrò sua moglie, la ballerina Olga Kholhlova, e riuscì a entrare in circoli accoglienti, sebbene fosse a corto di denaro. Ogni ritratto ci lascia un Picasso diverso come se si togliesse una maschera per indossarne un’altra. Tracciare la sua evoluzione creatrice attraverso i suoi autoritratti non significa però muoversi lungo una linea retta, anzi sembra quasi che ringiovanisca man mano che invecchia.

 

LEGGI ANCHE – La tortilla di Picasso

 

15 anni (1896)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

18 anni (1900)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

20 anni (1901)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

LEGGI ANCHE – Picasso e le sue illustrazioni della “Lisistrata” di Aristofane

 

24 anni (1906)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

LEGGI ANCHE – La sangria di Pablo Picasso

25 anni (1907)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

35 anni (1915)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

LEGGI ANCHE – Quando Dora Maar divenne Apollinaire per Picasso

56 anni (1938)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

83 anni (1965)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

85 anni (1967)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

89 anni (1971)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

90 anni (28 giugno 1972)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

90 anni (30 giugno 1972)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

90 anni (2 luglio 1972)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

90 anni (3 luglio 1972)

14 autoritratti di Picasso per raccontare la sua vita

***

E voi quale di questi autoritratti di Picasso preferite?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.