In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Tutti i contenuti di Morgan Palmas

  • Tipo: Blog
    Gio, 10/09/2020 - 12:30

    Editing ‒ Una nuova rubrica per imparare a conoscerloDa qualche tempo mi girava nella testa il desiderio di condividere qui alcune riflessioni sull’editing, campo del sapere che in Italia pare avvolto da una patina di mistero. I motivi sono diversi e cercherò di spiegarli nelle puntate di questa nuova rubrica, oltre a presentare una serie di principi che negli anni è diventata strumento imprescindibile per il mio approccio come editor.

    Si può essere editor in tanti modi.

    Lo scrittore Thomas Wolfe e la costumista Aline Bernstein si incontrarono la prima volta nel 1925. Lui aveva 24 anni ed era cristiano, lei 44, all’apice della sua carriera, ebrea e sposata con Theodore F. Bernstein, un broker di Wall Street e con il quale stava vivendo un matrimonio infelice. Non solo quell’incontro fu l’inizio di una passione clandestina, ma rappresentò una svolta per Wolfe, tanto che lei divenne la sua musa, oltre che un sostegno economico ed emotivo. Tuttavia, lo scrittore attraversò fasi di incertezza per tale relazione, così decise di chiedere un consiglio al suo...

  • Tipo: Blog
    Mer, 02/09/2020 - 09:37

    Premio Campiello 2020 – Intervista a Patrizia CavalliLeggere Con passi giapponesi di Patrizia Cavalli (Einaudi), se ci si abbandona senza riflessione, è un’immersione nella bellezza, soprattutto estetica. Una bellezza che ci attraversa e ci pungola, lasciando talvolta disorientati, tale è la sua potenza. Senza riflessione perché dopo i primi momenti di godimento letterario emergono la malinconia, la tristezza, la complessità della solitudine. A volte i frammenti di Cavalli sembrano un viaggio epistemologico, una disperata ricerca scientifica dei principi con i quali conoscere davvero le cose. Dalle piccole vicende della vita è possibile entrare nel suo orizzonte, peraltro in continuo divenire perché mai appagato, senza così tracciare un percorso di indagine definito e definitivo, ecco uno degli elementi caratteristici: avanzare cercando un principio per poi ritrovarsi nella consapevolezza che non servirà. Eppure, nonostante lo sfondo di malinconia, di tristezza e di complessità della solitudine, leggere Con passi giapponesi, tra la cinquina finalista del Premio Campiello 2020, dona alla fine...

  • Tipo: Blog
    Gio, 24/10/2019 - 10:30

    Alla scoperta della poeta Alda MeriniIl primo novembre ricorreranno i dieci anni dalla morte di Alda Merini, una delle poetesse italiane più note e amate, in Italia e all’estero.

    Ne parliamo con Annarita Briganti che alla poeta Merini ha dedicato un saggio dal titolo Alda Merini. L’eroina del caos, da poco in libreria per Cairo editore.

     

    Annarita, chi è per lei Alda Merini? E cosa rappresenta per lei come scrittrice?

    Una poeta grandissima, una madre di quattro figlie che le sono state tolte, una donna vera, coraggiosa, che si è sempre esposta in prima persona. Un grande esempio, oggi più che mai, quando mi sembra che per le donne la situazione non migliori. Alda Merini, come scrivo in L’eroina del caos, ha ancora molto da darci e da dirci. Per me come scrittrice? Ci ho scritto un libro, che è anche il mio primo saggio. Nel decennale della sua scomparsa ho sentito il bisogno di riordinare, finalmente, la sua vita pubblica e privata. Sarà una scoperta.

     

    ...

  • Tipo: Blog
    Mar, 22/10/2019 - 12:30

    Sette grandi dinastie che hanno retto i destini d’ItaliaDa poco in libreria con Le sette dinastie (Newton Compton editori), Matteo Strukul ritorna a occuparsi di Rinascimento e potere in Italia, con uno sguardo rivolto a sette grandi famiglie che hanno retto le sorti d’Italia, o meglio di alcune tra i più importanti Stati rinascimentali italiani.

    Con Matteo Strukul abbiamo cercato di fare il punto sul suo romanzo e su queste dinastie che, nel bene e nel male, hanno segnato la storia italiana.

     

    A distanza di un anno ci ritroviamo a parlare di un suo libro incentrato su potere e Rinascimento. Può raccontarci il cambiamento di prospettiva intercorso tra questo libro e i precedenti?

    Be’ in questo romanzo ho provato a raccontare il Rinascimento in modo corale. Protagonista non è una sola dinastia – i Medici – o magari un artista geniale come Michelangelo, ma piuttosto una moltitudine di grandi figure storiche: da Filippo Maria Visconti a Francesco Sforza, passando per Bianca Maria Visconti, Polissena Condulmer,...

  • Tipo: Blog
    Ven, 09/08/2019 - 12:19

    Premio Campiello 2019 – Intervista a Laura ParianiDopo la candidatura al Premio Strega, Laura Pariani con Il gioco di Santa Oca (La nave di Teseo) giunge nella cinquina finalista del Premio Campiello2019.

    Un romanzo storico sul Seicento, su un aspetto particolare di quel secolo, con protagonista una donna vestita da uomo che racconta la Storia dal suo particolare osservatorio, ma anche un libro che parla del nostro oggi e delle sfide che quanto sta accadendo torna a riproporci con sempre rinnovato vigore, e ancora un racconto sull’arte della narrazione e sulla sua importanza per la costruzione e il rafforzamento della memoria. Di tutto questo abbiamo parlato con Laura Pariani nell’intervista per il nostro speciale dedicato al Premio Campiello.

     

    De Il gioco di Santa Oca Luca Doninelli ha messo evidenza la capacità di celebrare allo stesso tempo «la forza e la bellezza delle nostre esistenze individuali» e «la Memoria come grande alleata di questa necessità elementare». In che misura si ritrova in questa lettura?

    ...
  • Tipo: Blog
    Mer, 07/08/2019 - 10:30

    Premio Campiello 2019 – Intervista a Giulio CavalliCarnaio, edito da Fandango, è il terzo romanzo di Giulio Cavalli e segue Mio padre in una scatola di scarpe (Rizzoli, 2015) e Santamamma (Fandango, 2017). Un libro che racconta di alcune delle nostre ossessioni, dalla paura dell’immigrazione alla sicurezza a tutti i costi anche a quello di perdere spazi di libertà.

    Di alcuni di questi temi abbiamo parlato con Giulio Cavalli nell’intervista che ci ha rilasciato in occasione della sua inclusione nella cinquina del Premio Campiello.

     

    Qual è il personaggio cui è più legato nel libro e per quale ragione?

    Ho cercato di rimanere equidistante da tutti i miei personaggi, mi interessava un libro disinfettato dall’inquinamento del dibattito politico e che fosse una pura narrazione a disposizione delle diverse temperature emotive dei miei lettori. Da lettore, e non da scrittore, se ne dovessi scegliere uno ex post propenderei per il pescatore Giovanni Ventimiglia perché è la rappresentazione di tutti quelli che...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.