Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tutti i contenuti di Michele Ruele

  • Tipo: Blog
    Sab, 03/04/2010 - 19:07
    Sul+Romanzo_De+Laurentiis.jpg

    Di Michele Ruele



    I tempi sono bui per chi ha il buio dentro di sé.


    Sono tempi bui. Ho accettato di seguire il campionato di calcio per “Vanity Fair”. L’ho fatto per i soldi. Mi hanno dato l’accredito per la tribuna stampa e mi hanno procurato degli appuntamenti con dei vip.
    Dalla tribuna stampa di San Siro non si vede quasi niente, la partita te la vedi anche lì alla tv. Dalla tribuna stampa del San Paolo di Napoli invece si vede benissimo.
    Il primo appuntamento con un vip è stato con il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis.
    All’inizio ero in una sala stampa insieme a altri tre giornalisti. Cioè gli altri tre erano giornalisti sportivi della “Gazzetta”, del “Corriere dello Sport” e di una tv, io no. Cioè...
  • Tipo: Blog
    Sab, 13/03/2010 - 11:35
    Sul+Romanzo_nordest.jpg

    Di Michele Ruele



    Triveneto, Tre Venezie, le Venezie; da trent'anni lo chiamano Nord-Est.
    A Nord-Est c’è Venezia, che in effetti è molto orientale. Chissà se ci si pensa abbastanza, quanto è orientale quella città stranissima. Quella che dà la forma a tutte le città possibili e impossibili, visibili e invisibili di un gran viaggiatore dell’Oriente e della fantasia come il Marco Polo di Italo Calvino.
    A Nord-Est c’è Trieste, con tutto quel vento asiatico e quel cielo da steppa e quella cultura da Mitteleuropea, con le facce slave e sveve dei suoi abitanti.
    A Nord-Est ci sono ladini e cimbri e friulani e tedeschi e sloveni e croati e bisiàchi. E vèneti, che con quel loro accento sdrucciolo forse rimandano alla lingua prelatina dei loro antenati.


    E ...
  • Tipo: Blog
    Sab, 06/03/2010 - 10:18
    Sul+Romanzo_incertezza.JPG

    Di Michele Ruele



    Penso spesso a un passo di Elias Canetti. (E mi scuso se in questo post userò tante volte la prima persona; eviterò la parola “io”, almeno questo; “io” andrebbe censurato insieme ai famigerati “attimino” ecc.).


    «È una prerogativa del “bello” che non si possa più rivederlo? La percezione del “bello” è repentina e tuttavia richiede raccoglimento: vogliamo vederlo fino in fondo e senza essere disturbati, per sempre. Quando lo rivediamo non è più lo stesso – salvo nei casi in cui non l’abbiamo visto fino in fondo.
    La cosa vista fino in fondo sussiste ancora solo dentro di noi, si è staccata dalla propria realtà. Mentre la percepiamo, la cosa vista diventa una cosa captata, come se l’avessimo presa delicatamente tra le mani e solo così la conquistiamo profondamente. Per averla, la...
  • Tipo: Blog
    Sab, 27/02/2010 - 11:47
    Sul+Romanzo_+D%27annunzio.jpg

    Di Michele Ruele



    Qualche intervento su questo blog ha chiamato l’attenzione verso il mondo dell’eros. Ho pensato a qualche frase dello scrittore Paolo Nori, in Pubblici discorsi (Quodlibet, 2008), quando dice, più o meno (cito a memoria) che la letteratura italiana in fondo non è un buon posto dove stare, piena di sospiri e di desiri, tutta astrazioni e cancellazione dei corpi, dove si mangia e soprattutto non si scopa mai.
    Credo che abbia ragione, in generale. La letteratura italiana, ma soprattutto la poesia, soprattutto prima del Novecento, tende molto alla smaterializzazione, in effetti.


    Il letterato Giuseppe Chiarini, un amico di Giosuè Carducci con cui aveva fondato il cenacolo degli “Amici pedanti”, restò così scandalizzato una volta che lesse delle poesie spinte di D’Annunzio...
  • Tipo: Blog
    Sab, 20/02/2010 - 08:48
    Sul+Romanzo+decaloghi.jpg

    Di Michele Ruele



    Qualche esperienza di insegnamento e apprendimento della scrittura, una vecchia abitudine a cercare regole e fare elenchi: il frutto, ecco alcuni decaloghi.
    Perché decaloghi e non, per esempio, pentaloghi o pentacoli e eptaloghi ecc.? E perché no? Il numero delle regole o delle voci di un elenco è sempre arbitrario o convenzionale.
    (Li ho ritrovato fra dei vecchi file, forse li ho proposti a qualche corso di scrittura, chi se lo ricorda; a volte sono il risultato di combinazioni di altri testi; e non mi ricordo in alcuni casi fin dove arrivano le mie idee e quelle mutuate da altri).


    1) Alcune cose da ricordare, per la costruzione della trama di un racconto


    ...
  • Tipo: Blog
    Sab, 13/02/2010 - 10:00
    Lo studente di liceo innamorato accompagna il cane e parla un po’ con se stesso e un po’ con le cose, come Petrarca con i boschi, il fiume, le balze:
     
    «… i sogni ce li prestano i grandi creatori della bellezza.
    Così dice il Sognatore. Non so bene cosa significhi. Ma so che mi piace. Ci devo provare. Mi devo fare consigliare, ma senza crederci troppo, perché io sono uno con i piedi per terra. Una vita senza sogni è un giardino senza fiori, ma una vita di sogni impossibili è un giardino di fiori finti… tu che ne pensi, Terminator?»
    Terminator per tutta risposta si pianta contro un palo e piscia. La sua pisciata è proporzionale alla lunghezza dei miei discorsi.
    «Grazie, Terminator, tu sì che mi capisci…»
     
    Leonardo è un ragazzino sveglio, è intelligente e ironico, quindi è probabile che l’umorismo sia volontario. Ma l’impressione del lettore è diversa, e piega...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.