Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tutti i contenuti di Emiliano Zappalà

  • Tipo: Blog
    Gio, 14/11/2013 - 16:30

    Maria Grazia CutuliSono stati nominati alcuni giorni fa i tre giornalisti vincitori del premio di giornalismo intitolato a Maria Grazia Cutuli, uccisa in Afghanistan il 19 Novembre del 2001. Per il 2013, sono stati scelti dalla giuria: Marc Marginedas, 46enne collaboratore de «El periodico di Catalunya» per la categoria “Giornalisti stranieri”, Lucia Goracci, 43enne inviata di RaiNews24, per la categoria “Giornalisti italiani” e Laura Silvia Battaglia di 39 anni, giornalista freelance e collaboratrice di «La Sicilia Web» e «Terre di Mezzo», nonché dei network radiofonici Radio Popolare e Radio In Blu, per la categoria “Giornalisti emergenti”. La premiazione avrà luogo il 22 e 23 novembre a Catania – al Teatro San Giorgi – e a Santa Venerina.

    Il riconoscimento viene assegnato ogni anno dalla...

  • Tipo: Blog
    Mer, 13/11/2013 - 12:30

    Julian Barnes, Livelli di vitaDi Julian Barnes ci è già capitato di parlare di recente sul nostro blog. In quell’occasione l’oggetto del discorso era l’ultimo romanzo dell’autore inglese, Il senso di una fine, vincitore del Man Booker Prize nel 2011 e pubblicato da Einaudi. La stessa casa editrice torinese ha dato alle stampe all’inizio di ottobre l’ultimo volume di Barnes, Livelli di vita, traduzione fedele, e altrettanto ambigua, dell’inglese Levels of Life. La traduttrice è Susanna Basso, che ormai da qualche anno si occupa dei testi del narratore britannico.

    Livelli di vita è un piccolo romanzo diviso in tre sezioni; Il peccato dell’altezza, Con i piedi per terra e Perdita di profondità. Nella prima sono messi insieme i tre vessilli della modernità a detta di Tournachon; la fotografia, l’elettricità e l’aeronautica. E tre sono i personaggi in rilievo; lo stesso Tournachon, meglio noto con il soprannome di Nadar, il colonnello della cavalleria della Guardia Reale inglese Fred Burnaby...

  • Tipo: Blog
    Gio, 07/11/2013 - 16:30

    Cognitive science movie indexIl cinema, da quando fu inventato dai fratelli Lumiere alla fine del XIX secolo, ha stravolto l’immaginario collettivo, modificato il nostro modo di raccontare, immaginare e probabilmente persino percepire le cose. I film popolari hanno molta più presa sulle persone e sull’opinione comune rispetto alle arti che lo hanno preceduto. Ingmar Bergman affermava che «nessuna altra forma d’arte va al di là della nostra consapevolezza così come il cinema». In questo modo esso rimodula, anche se leggermente le strutture cognitive umane.

    Per questa ragione, il Dipartimento di Scienze psicologiche e del cervello e di Scienze cognitive dell’Indiana University di Bloomington ha dedicato negli ultimi anni numerose ricerche all’argomento. Otto anni fa, Arielle Borovsky e James Cavanaugh hanno progettato un programma che propone e classifica i film popolari che hanno più attinenza proprio con le scienze cognitive. Il programma si chiama CSMI (Cognitive science movie index) e si trova...

  • Tipo: Blog
    Lun, 07/10/2013 - 11:30

    Il realismo è l'impossibileA poco tempo di distanza torniamo a Walter Siti. Questa volta nella veste di saggista, anche se il suo libriccino, Il realismo è l’impossibile, pubblicato da Nottetempo, con la forma del saggio flirta soltanto, senza mai prenderla troppo sul serio. Possiamo piuttosto parlare di una accalorata e interessante riflessione attorno a un tema complesso come quello del canone realista. Un tema trattato con leggerezza, evitando gli eccessi accademici e dottrinari, saltando senza lasciare troppe tracce di citazione in citazione, di aneddoto in aneddoto. Ne viene fuori un agile pamphlet, appassionante anche per lettori poco appassionati di teoria letteraria.

    Di realismo si parla molto nell’ultimo periodo, della sua morte e della sua rinascita. Il Manifesto del nuovo realismo di Ferraris ha dato il La a un dibattito molto accanito anche in Italia; la realtà come semplice oggetto d’interpretazione oppure come nocciolo duro dell’esistenza. Da queste considerazioni dipende anche l’atteggiamento della letteratura, che può tagliare i ponti con la realtà oppure...

  • Tipo: Blog
    Ven, 06/09/2013 - 11:30

    [Articolo pubblicato sulla Webzine Sul Romanzo n. 4/2013, La forza della memoria].

    Senso della memoria«Ricordati di non dimenticare»
    Tag-line del film Memento, di Christopher Nolan.

    Memento è il secondo lungometraggio diretto dallo straordinario regista inglese Christopher Nolan, ispirato a un racconto breve del fratello Jonathan.
    Tradotto dall’imperativo latino, il titolo significa appunto «ricordati». Questo perché il protagonista, Leonard Shelby, è un uomo incapace di ricordare. In seguito a un incidente, ha perso la memoria a breve termine. Si muove spaesato tra personaggi che cercano d'ingannarlo e manipolarlo, alla ricerca dell’assassino di sua moglie. Per orientarsi nel mondo è costretto ad aggrapparsi a una serie di appunti, alle istantanee che scatta con una Polaroid e ai promemoria che incide sulla sua stessa pelle. Per rendere...

  • Tipo: Blog
    Gio, 29/08/2013 - 11:30

    Resistere non serve a niente[Potete leggere anche un'intervista a Walter Siti nello speciale Premio Strega che abbiamo pubblicato di recente]

    Nel recensire Resistere non serve a niente, ultimo romanzo di Walter Siti, arriviamo probabilmente un po’ tardi. Non tanto perché il libro è uscito per Rizzoli più di un anno fa, quanto piuttosto per gli eventi degli ultimi mesi. Parliamo chiaramente del premio Strega, che lo ha inevitabilmente e inesorabilmente posto sotto i riflettori dell’opinione pubblica. Si aprono così di fronte a chi scrive due possibili percorsi. Il primo è quello che intende seguire il sentiero che ha lo Strega come punto di riferimento e che tiene così in considerazione la sterminata serie di interrogativi che esso apre; è un premio alla carriera per Walter Siti? Il suo era davvero superiore agli altri romanzi arrivati in finale, di autori notevolmente più giovani? Siti si piazza finalmente tra i migliori scrittori italiani in circolazione? Tutte domande per le quali chi scrive non nutre il ben che minimo interesse...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.