Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tutti i contenuti di Debora Vagnoni

  • Tipo: Blog
    Lun, 15/10/2012 - 11:04

    IncertezzaA diciassette anni lessi uno dei libri più misteriosi di Dostoevskij, cioè L’adolescente, un romanzo del 1875. Avevo già letto I fratelli Karamazov e L’idiota, ero completamente affascinata da quella scrittura e soprattutto dall’universo di idee e di persone che ne scaturiva. In questo caso invece rimasi delusa nelle mie aspettative (anche se mi rendo conto che non ci può essere delusione con Dostoevskij, ma esprime bene il mio sentimento di allora). Il problema non era capire la trama, ovviamente, che pure è estremamente complessa, ma il fatto che ad essere disattesa era la necessità del rispecchiamento di quel periodo. Mi sembrò più facile rispecchiarmi allora nei monologhi di Tonio Kröeger, o nei vagabondaggi di Demian o Narciso e Boccadoro.

    Il fatto è che l’adolescente vuole rispecchiarsi. Vuole trovare il suo simile, altrimenti il mondo non gli interessa. Penso all’esperienza che vivo tutti i giorni nella scuola. Non in prima media, ovviamente. Quando sono ancora bambini, e i loro occhi spalancati sul mondo includono anche te, ti vogliono conoscere, sapere tutto di te, vogliono la tua approvazione e sapere di far bene.

    Poi in seconda media succede...
  • Tipo: Blog
    Mer, 12/09/2012 - 10:43
    L'attimo fuggenteDifficile dimenticare la scena in cui il professor Keating fa salire in piedi sulla cattedra i suoi allievi. Sicuramente molti di coloro che hanno visto quel prezioso film che è L’attimo fuggente, avranno pensato: “Avessi avuto un professore così… certo la scuola sarebbe stata una cosa tutta diversa…” Che diceva dunque il professor Keating (impersonato da un grandissimo Robin Williams, attore che pure non amo, dai tempi di Mork e Mindy, in quella scena?  Ricordiamola. 
     
    Il professore parla ad allievi di un prestigioso college americano. Entrato da poco in aula, si pone subito in un modo diverso rispetto alle consuetudini severe e paludate dell’istituto. I suoi modi sembrano ancora bizzarri, quanto meno eccentrici. Tra i banchi dell’aula si sentono risate più o meno trattenute. Lui ad un certo punto sale in piedi sulla cattedra. Perché?
    «…per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso. […] È proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un’altra prospettiva. […] Quando leggete non considerate soltanto l’autore, considerate quello che voi...
  • Tipo: Blog
    Mer, 25/07/2012 - 12:37

     

    Foglio biancoGli esami sono finiti. Tutti a fare le foto alle bacheche dei quadri, e in qualche caso a mandarle su Facebook. Tutti con la calcolatrice alla mano, a fare la media aritmetica dei voti. Perché l’ansia del voto è sempre presente, e sembra che sia l’unica cosa che conti. Gli insegnanti mi hanno valutato bene, male. Hanno dato tre decimi di voto in più a quello, a quell’altro. Quanti saranno stati i contenti, quanti i delusi.
     
    Troppo presto per giudicare. E intanto a me viene in mente una cosa che non c’entra niente. Cioè un anno di scuola di tanti anni fa. Una ex-borgata romana. Senza fare nomi. Una lunga strada con niente ai lati, se non una fila di casette abusive. Qualche negozio, in cui a volte ci scappa pure la sparatoria. La parrocchia, con il campetto e il prete che parla romano, e non sembra un prete, ed è meglio così. Una scuola media che affaccia sul niente.
     
    Una prima media di quasi tutti maschi e due femmine. Una cattedra intera solo in quella classe. C’erano mattinate in cui avevo anche quattro ore di fila di lezione con loro. Ragazzini con problemi di tutti i tipi. Familiari sociali...
  • Tipo: Blog
    Ven, 04/05/2012 - 09:52

    PetrarcaCi sono spesso, a scuola, giornate no.

    L’attenzione degli studenti è appesa a un filo sottile: una luce troppo forte dalle finestre aperte sulla strada; il caldo precoce di una primavera già estiva a Roma; l’ora legale che rende tutti più assonnati. Sono quelli i casi in cui all’insegnante (di Lettere) vengono a porsi certe questioni. Per esempio. Quale senso abbia leggere un cosiddetto “classico” ai ragazzini. Partiamo dal fatto che nella scuola media inferiore non esiste un vero e proprio programma di storia della letteratura. Anzi, secondo i programmi non dovresti spingerti al di là di pochi e semplici cenni di storia letteraria. Quello che è importante è avvicinare gli studenti a tipologie diverse di testo, letterario e non. Dare un’idea dei generi, spaziare tra di essi, facilitare l’approccio a vari tipi di linguaggio. Poi però i testi letterari ci sono: le antologie mettono spesso brani anche difficili, “culti”, che difficilmente possono arrivare ai ragazzi senza una mediazione.

    Quella mediazione è l’insegnante. Hai voglia a dire: la Lim (Lavagna Interattiva Multimediale), lo stimolo motivante che deve dare il via alla lezione, l’insegnante che deve aggiornarsi e modernizzarsi. Nei giorni scorsi, ho...

  • Tipo: Blog
    Mer, 14/03/2012 - 12:53

    Leggevo giorni fa che molto probabilmente non è stato Stendhal a dare il titolo Chroniques italiennes (Cronache italiane) alle storie scritte ispirandosi all’Italia, alle sue leggende come ai fatti realmente accaduti. Ma ormai la mia fantasia sul titolo di questa rubrica era partita.

    Uno dei rischi del mestiere di insegnante è quello di avere una percezione del tempo eternamente circolare e insieme appiattita. L’anno non è quello solare ma quello scolastico. Scandito da tappe tradizionali che gli sembra di conoscere fin troppo bene. L’inizio d’anno con nuovi studenti o magari una nuova sede. Nuovi libri di testo. I quadrimestri, i consigli, i collegi.

    Mentre per ogni studente ogni anno è diverso. Una prima media rimane la sua prima media per tutta la vita. Il suo primo giorno di scuola media sarà sempre e solo quello e non lo confonderà con altri. Ne ricorderà l’emozione e la sorpresa, forse anche l’odore dell’aula e la luce ancora troppo forte di settembre. L’impatto con un gruppo di coetanei sconosciuti, di cui forse solo alcuni diverranno suoi amici. Difficilmente mescolerà gli episodi e, anche se la scuola dovesse poi apparirgli come una spessa coltre di nebbia, si ricorderà forse per sempre le simpatie le paure gli aneddoti....

  • Tipo: Blog
    Ven, 24/02/2012 - 13:28

    Letters: 1900-1915Da anni leggo e rileggo le Storie di fantasmi di Edith Wharton, come da anni rileggo James, e ogni rilettura è più bella perché per ogni particolare in più che ti sembra di capire, ce n’è un altro, imprevisto, che ti sfugge.

    Due elementi importanti accomunavano Henry James e Edith Wharton: la componente americana (che per James si fondeva con la cultura anglosassone) e l’essersi cimentati entrambi nella scrittura di ghost-stories, le tradizionali storie di fantasmi. L’argomento è troppo vasto e affascinante per un breve articolo. Mi limiterò quindi a riflettere su qualche immagine, in particolare sull’uso che la Wharton fece della grande lezione dello scrittore, di cui era una grande amica ed estimatrice.

    Una buona guida per mantenere il contatto con la realtà, in questo tipo di lettura, sembra essere quella di rimanere ancorati agli oggetti. Del resto, non è un caso che un critico raffinatissimo come Francesco Orlando, scaltrito nell’esplorazione degli elementi psicoanalitici della letteratura, si sia occupato di redigere un’analisi così completa e profonda degli oggetti usati dagli scrittori nelle loro storie (...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.