Corso online di editing

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti i contenuti di Davide Ecatti

  • Tipo: Blog
    Ven, 12/10/2012 - 09:39
    Franz KafkaLa letteratura e i libri in generale hanno il grande potere di condurre spesso la mente a riflettere su verità grandi o piccole. Sono quei dettagli dell’esistenza su cui un libro ha il potere di abbassare una lente potentissima. Questo fenomeno complesso procede talvolta per analogie di nomi, situazioni, fatti, personaggi. Persino il caso alcune volte ci mette lo zampino.
     
    Prendiamo ad esempio un personaggio famosissimo, il fedele servitore del cavaliere dalla figura triste, Don Chisciotte. Il simpatico Sancho Panza. Nelle straordinarie pagine di Miguel de Cervantes egli è il paziente e fedele compagno del folle e tenero signore che vedeva nei mulini a vento dei terribili mostri. Sancho rappresenta quella parte di necessaria ragione che permette al cavaliere di togliersi dagli impicci più intricati e dai guai più terribili. Ma chi è Sancho Panza al di là del suo autore, chi è e cosa rappresenta? Forse potremmo scoprire altri aspetti sul suo conto cercandolo in libri diversi e procedendo per associazioni, riferimenti al suo nome e ai valori che egli esprime.
     
    È il 1917. Franz Kafka scrive un brevissimo racconto. Solo poche righe. È...
  • Tipo: Blog
    Dom, 19/08/2012 - 14:23

    PornografiaAprendo il Nuovo Vocabolario della Lingua Italiana di Nicola Zingarelli, alla voce pornografia, si legge: descrizione e rappresentazione in opere letterarie, artistiche, cinematografiche e simili di cose oscene. La seconda definizione fa riferimento all’etimologia del termine: scritto intorno alla prostituzione. Ho provato a chiedere ad alcuni amici di darmi una definizione di pornografia. La risposta è stata più o meno la stessa da parte di tutti: esibizione dell’atto sessuale. Se dunque è abbastanza facile rendersi conto del significato della parola, forse non sono così evidenti i significati a cui la parola in sé si ricollega. Innanzitutto l’atto sessuale fa riferimento al desiderio, all’istinto. Ma nel momento in cui l’oggetto di un desiderio viene completamente svelato, il rischio è di togliere al desiderio la sua spinta iniziale, il suo principale motivo di essere. Svelare ogni dettaglio può essere all’inizio un’espressione di potere, di capacità, di forza, d’intelligenza. Ma quando ogni tensione viene meno e del contrasto essenziale tra volontà di potenza e successo finale non resta che la constatazione di aver soddisfatto il desiderio, allora il desiderio è come svilito...

  • Tipo: Blog
    Gio, 09/08/2012 - 19:38
    La sezione aureaUscendo dalla scuola sarà forse capitato a molti di avere un ricordo non bellissimo delle materie scientifiche, un po’ per la difficoltà degli argomenti, un po’ per una certa distanza dal mondo di tutti i giorni. Coloro che, nonostante la scuola, hanno mantenuto la curiosità per la scienza, forse hanno trovato occasione di coltivare l’interesse per la matematica, la fisica, la geometria, attraverso l’immensa offerta di materiale divulgativo. I programmi televisivi non si contano, come i libri, le conferenze. Eppure la divulgazione nasconde un doppio pericolo. Il primo consiste nel banalizzare un argomento nel tentativo, seppur apprezzabile, di renderlo più facile. Il secondo consiste nella ricerca a tutti i costi di far passare per misterioso e soprannaturale ciò che invece sarebbe spiegabile con tanta semplicità. Così non si contano i racconti sui templari, che disponevano di poteri immensi grazie a figure geometriche e simboliche, o collegamenti tra strani messaggi nascosti nei geroglifici egiziani e la forma delle piramidi suggerite da civiltà extraterrestri. Niente di più banale e avvilente!
     
    Il libro di Mario Livio, La sezione aurea. Storia di un numero e di un mistero...
  • Tipo: Blog
    Lun, 18/06/2012 - 10:14

    Gustave FlaubertPer un’edizione londinese di Madame Bovary del 1902, Henry James scrisse un’introduzione al romanzo di Gustave Flaubert nella quale ripercorre con grande efficacia e intensità emotiva la vicenda umana e letteraria del grande scrittore francese.

    Henry James conobbe Flaubert ed egli stesso fu un grande scrittore, perciò le sue opinioni giungono da un punto di vista privilegiato, in cui si fondono esperienza diretta e consapevolezza delle difficoltà del lavoro di romanziere. Forse anche per questo leggendo le sue pagine è facile ricevere la sensazione di una testimonianza vissuta prima ancora di un’analisi di critica letteraria.

    L’autore sottolinea quanto la storia delle fatiche letterarie di Flaubert coincida con la sua stessa vita. Secondo James, egli non nacque romanziere o scrittore, piuttosto visse da romanziere e scrittore. La sua produzione letteraria, abbastanza limitata da un punto di vista quantitativo, è un distillato di riflessioni, studi, anni di isolamento alla ricerca delle frasi più adatte o della situazione più adeguata per rappresentare lo stato d’animo di un personaggio.

    A proposito di Emma Bovary, Henry James sottolinea che questo personaggio...

  • Tipo: Blog
    Lun, 28/05/2012 - 12:16

    Acque letaliLa lettura del romanzo Acque Letali (Ciesse Edizioni, 2012) è un'ottima occasione per riflettere sul rapporto tra romanzo e sceneggiatura. È un’occasione rara e privilegiata perché, contrariamente a quanto in genere accade, il romanzo è tratto da una sceneggiatura, intitolata Prima che finisca il giorno, vincitrice nell’edizione 2008 dell’Endas International Screenplay Competition.

    Il solo fatto di sapere che il punto di partenza è stato un vero e proprio copione cinematografico, offre la possibilità di considerarlo un caso di studio, da cui trarre molti insegnamenti su come imbastire una storia caratterizzata da una trama ricca e coinvolgente. Quello che ci vuole per un buon film. Innanzitutto il tema. Il libro parla del drammatico problema dei rifiuti tossici, in questo caso persino radioattivi, nascosti nelle cave di un terreno della campagna del sud Italia. Un terremoto danneggia le cave e i rifiuti radioattivi corrono il rischio di finire entro breve nelle falde acquifere uccidendo e contaminando ogni forma di vita. Un altro aspetto da notare riguarda gli autori. Gian Giuseppe Ruzzu è un maggiore dell’Arma dei carabinieri, Carlo Carere è stato per dodici anni ufficiale dell’Arma e attualmente lavora a...

  • Tipo: Blog
    Gio, 10/05/2012 - 09:33

    CiuccioMolti anni dopo il Ministro dell’Economia avrebbe dato immensa popolarità a una parola simpatica, molto efficace per indicare figli ormai maturi che continuano a stare a casa con i genitori invece di rendersi autonomi. Molti anni dopo una crisi economica profonda e grave avrebbe reso la categoria dei bamboccioni così numerosa da caratterizzare in modo significativo il quadro sociale dei rapporti tra i figli e le loro famiglie d’origine. Ma per parlare del bamboccione in questione dobbiamo restare nel luglio del 1904, quando Luigi Pirandello pubblica sulla rivista «La Riviera Ligure» una novella intitolata La buon anima.

    Il protagonista è Bartolino Fiorenzo, un giovanottone tondo e rubicondo con l’aria, appunto, di un bamboccione, come afferma il grande scrittore siciliano. Viene subito in mente un confronto con l’accezione attribuita a questo termine ai giorni nostri. Oltre al significato accennato poco sopra relativo al figlio ancora dipendente dai genitori pur essendo già "grande", forse è possibile aggiungere altri due significati. Bamboccione nel senso di uomo poco responsabile, viziato e poco maturo. Ma questo significato sembra da escludere nel caso di Bartolino perché è una persona diligente, studiosa. Bamboccione nel senso di uomo...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.