Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Tutti i contenuti di Adriana Pedicini

  • Tipo: Blog
    Mar, 21/02/2012 - 10:38

    Il senso della vista nella relazione d’amore nella letteratura tragica grecaNegli Autori tragici s’impone lo sguardo, prima ancora che il contatto dei corpi, come elemento fondamentale nel rapporto erotico. In sé peraltro lo sguardo contiene gli obiettivi connaturali all’amore stesso: la lotta, la guerra e l’unione, il matrimonio. Gamos e polemos: congiungimento e alterazione al tempo stesso.

    Le divinità del desiderio, Eros e Afrodite, sono legate ambedue all’occhio, che sembra essere nel corpo il loro luogo di elezione.

    “Eros, Eros, attraverso gli occhi tu instilli il desiderio”

    in Ippolito di Euripide.

    Dunque il desiderio è localizzato nell’occhio e si muove nel gioco degli sguardi. Anche in Empedocle troviamo l’occhio “sede privilegiata dell’amore”, “capolavoro di Afrodite demiurga”.

    Tale natura per così dire visiva dell’eros fa sì che il desiderio sia suscitato dalla bellezza, che insieme al colore è una sottocategoria della luce. Inseparabile dunque dalle forme con cui si confonde nella misura in cui esse sono desiderabili, eros al tempo stesso è ad esse esterno, poiché le forme hanno un’esistenza...

  • Tipo: Blog
    Lun, 16/01/2012 - 09:15

    Le religioni misteriche del mondo antico.  I misteri orficiL’orfismo è il più grande fenomeno religioso di carattere mistico che appare nella Grecia del VI secolo; secolo di grandi cambiamenti per il mondo greco, che assiste al crollo del suo medioevo (crollo delle antiche monarchie, sorgere degli stati democratici). In quest’epoca di grande incertezza l’orfismo rappresenta l’anelito di liberazione da un regime di oppressione e di violenza, dove è promesso agli adepti conforto nel presente, libertà nel futuro. Deriva da questa situazione il fatto che gli orfici provino un così forte orrore per il sangue, un così possente desiderio di giustizia (dike) e della legge (nomos). Perciò a divinità centrale della teologia e del culto orfico viene assunto Dioniso, il più giovane degli dei greci, noto soprattutto per la sua sofferenza e per la morte ingiusta. Il fondatore del culto orfico fu Orfeo, la cui figura mitica ha in sé tanti elementi che è difficile delinearne il profilo originale. L’etimologia stessa del nome è assai incerta: qualcuno collega il nome Orfeo a “orfanòs”, nel senso di “solitario”. Più nuova è l’etimologia che ricollega il nome dei pesci del santuario, orfoì, al nome Orfeo che significherebbe così “pescatore...

  • Tipo: Blog
    Gio, 10/11/2011 - 12:23

    Le antiche religioni misteriche. I misteri di Dionisio.Le antiche religioni misteriche nascono come riti agrari tesi a incrementare le forze della natura e della vita animale con cerimonie di carattere sacro-magiche.

    Vi partecipano solo gli adepti dopo un’iniziazione speciale di cui non è lecito rivelare ai profani il contenuto.

    Teone di Smirne (70-135 circa) parla di cinque gradi di iniziazione ai misteri:

     

    “Vi sono cinque parti dell’iniziazione. La prima è la purificazione. Dopo questa purificazione, viene la trasmissione dell’iniziazione. La terza viene chiamata visione. La quarta, che è la perfezione della visione è la fasciatura e l’imposizione della corona con la quale si è in grado di trasmettere agli altri le iniziazioni acquisite, sia attraverso il portare le fiaccole, sia attraverso il mostrare le cose sacre o qualche altro ufficio sacerdotale. Al quinto e ultimo posto, risultato di tutto quanto precede, troviamo la felicità che deriva dall’essere amato da Dio e dalla vita con gli dei “

     

    (Teone di Smirne, Expositio rerum mathematicarum ad legendum Platonem, pp. 14-15 Hiller = pp. 20-23 Dupuis).  

     

    ...
  • Tipo: Blog
    Mar, 27/09/2011 - 08:47

    I miti del MediterraneoIl presente col suo pesante bagaglio (minacce di guerra, guerre in atto, profughi, esiliati, condizione dell’extracomunitario, donne tradite e violentate, bambini vilipesi) rispecchiandosi nei drammi del passato, può trovare nel racconto degli anziani l’anello di congiunzione sulle tematiche in questione e i giovani grazie sia all’autorità dei testi classici, sia al racconto (storia, favola, leggenda) spesso vibrante di emozionanti ricordi di chi ha vissuto in prima persona esperienze dolorose potranno trovare nella “memoria” appunto, se non la soluzione ai loro interrogativi, almeno una spinta a far meglio.

    Il mito è la memoria, il riferimento unico quando si voglia scoprire il senso delle radici, come senso di appartenenza. Ma il mito è anche favola dalle valenze simboliche e sacrali. Il mito è la speranza che si tramuta in sogno, è il sogno che perpetua la speranza. Il mito permette di andare oltre la cronaca, di superare le barriere del tempo, costruendo un bagaglio di ricordi che costituiscono la memoria storica, senza la quale non solo non è l’uomo, ma neppure una società, un popolo.

    Forse la...

  • Tipo: Blog
    Mer, 31/08/2011 - 09:55

    Il dolore delle madri nelle Supplici di EuripideViviamo in tempo in cui minacce di guerra si levano sempre più cupe, mentre altri conflitti non sono ancora sopiti. E sulle coscienze pesano le morti di soldati, madri, fanciulli e fanciulle e la devastazione si stampa sui muri diroccati.

    Un tempo in cui non solo la guerra uccide, ma gli avversari politici vengono fatti sparire, non si sa se vivi o morti, e spesso non sono nemmeno avversari ma difensori dei più deboli accorsi per aiuti umanitari: le loro suggestioni continuano comunque a sprigionare terrore.

    Il culto dei morti uccisi in battaglia non è più possibile, altre vittime si stagliano all’orizzonte delle nostre paure lungo l’urlo sibilante del coprifuoco, israeliano, palestinese, afgano, libico, siriano,egizianonon importa; la norma divina è stata violata per sempre; è stato sconvolto il vivere civile se le ali sinistramente luccicanti di un aereo vanno ad infilarsi dove è lavoro, vita immersa nei mille impegni quotidiani, se il sorriso di un bimbo per la fetta di felicità in una lattina  si contorce in rigor mortis al supermarket, se un bimbo è costretto a terminare i suoi giochi e la vita su una campo minato.

    ...
  • Tipo: Blog
    Mar, 05/07/2011 - 11:10

    Il dramma di Elettra:  tra condanna del male e voglia di vendettaIl tema dell’Elettra appartiene al mito degli Atridi che trova nell’Orestea di Eschilo (Coefore) e nella Elettra di Sofocle la sua collocazione più elevata e più tragica.

    Agamennone al suo ritorno da Troia trova la morte per mano della moglie Clitennestra e dell’amante di lei, Egisto. Elettra, che aveva sottratto alla vendetta e quindi alla morte suo fratello Oreste, inviato ancora fanciullo nella Focide, attende con ansia il suo ritorno perché egli vendichi l’orribile assassinio del padre, punito per aver sacrificato la figlia Ifigenia onde avere una partenza propizia da Aulide. Tornato ad Argo Oreste, dopo l’assassinio di Clitennestra ed Egisto, riafferma la legittimità del potere paterno ristabilendone la continuità, come il Coro pronuncia nei versi finali dell’Elettra:

    “Tu, seme d’Atreo, dopo quante pene / finalmente libero esulti / e con l’impeto d’oggi confermi / nel potere la tua stirpe”.

    La forte carica espressiva del testo, la sua valenza emotiva lo rendono denso di significati, ricco di viscerale violenza e di forte sentire, attraverso i...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.