Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti i contenuti di Michela Matani

  • Tipo: Blog
    Ven, 23/01/2015 - 11:30

    Alessandro Perissinotto, Coordinate d'OrienteAlessandro Perissinotto ci porta lungo Coordinate d'Oriente con il suo ultimo romanzo edito da Piemme. Tutto inizia quando un docente di scrittura creativa, narratore in prima persona, trova sulla sua cattedra una corposa risma di fogli lasciati da tale Annarita Dionisio, studentessa la cui  matricola risulterà inesistente. Il lavoro contiene una lunga intervista a Pietro Fogliatti, imprenditore con un matrimonio fallito alle spalle ed espatriato a Shangai. Il professore, deluso dall'apatia e dalla  mancanza di interesse dei suoi studenti, si lascia coinvolgere dalla vicenda dell'ignoto emigrato. Vuole sapere «se». Se Pietro Fogliatti è ancora vivo. Se ce l'ha fatta.

    Coordinate d'Oriente si sviluppa lungo una duplice direttiva che trae origine, dunque, da una pulsione di ricerca. Essa si concretizza nel viaggio che il docente compie, ma è anche metafora della scrittura che è in sé percorso di investigazione. Il noir e la suspense sono, inoltre, nelle corde di Perissinotto: con questi generi il nostro autore si è cimentato fin dal...

  • Tipo: Blog
    Gio, 22/01/2015 - 10:30

    Giorgio CaproniA 25 anni dalla morte, Giorgio Caproni è più vivo e attuale che mai. In quest'epoca disorientata e contraddittoria, apriamo un qualunque manuale scolastico o lanciamo uno sguardo a un qualsiasi social network, ed ecco comparire il nome dello scrittore livornese che fu poeta, ma anche autore di racconti e saggi critici, oltre che insegnante elementare (al riguardo, suggerisco la lettura di Giorgio Caproni maestro di Marcella Bacigalupi e Piero Fossati edito da Il Nuovo Melangolo nel 2010). Adottando un diverso punto di osservazione, l'interesse del mondo accademico e delle più varie categorie di lettori non manca. Ci si augura che, usciti dal Novecento delle ideologie e delle griglie interpretative pressoché tassonomiche, si possa (ri-)leggere Giorgio Caproni illuminati dell'intelligenza di una maggiore (anche se ancora troppo breve) distanza. In ogni caso, sarei tentata di scrivere che, su tutti i fronti, per il poeta livornese si è arrivati quasi a vertici di culto.

    Una fortuna accidentata ma in continua crescita, dunque, quella di Caproni, che pubblicò la sua prima raccolta, Come un'allegoria, nel 1936, ma dovette...

  • Tipo: Blog
    Gio, 08/01/2015 - 10:30

    Quaderni gitani di Giovanni PrincigalliQuaderni gitani è una trilogia di documentari diretti dal regista italo-canadese Giovanni Princigalli e dedicati ai Rom rumeni di Bari. Rumeni: perché i Rom possono provenire anche dall'ex-Yugoslavia, ad esempio. Di Bari, per le origini del regista e per le istituzioni coinvolte, in primis la locale Università degli Studi. E Bari anche perché il primo film, Iapigia Gagi, risale al 2003, ossia a due anni dallo sgombero forzato della comunità Rom di Iapigia, il quartiere del capoluogo in cui trovava l'unico campo abusivo.

    Tuttavia, i tre lavori di Princigalli, ora disponibili in un cofanetto che include una raccolta di saggi di docenti universitari, critici cinematografici e rappresentanti dei Rom, sono metaforici di una realtà nazionale. Si parte da una Bari che, nel 2001, era uno dei pochi capoluoghi a non prevedere campi autorizzati per i...

  • Tipo: Blog
    Gio, 18/12/2014 - 11:30

    The Ceremony di Lina MannheimerSe dovessi proporre un sottotitolo per The Ceremony, penserei a qualcosa come “Jeanne de Berg, ovvero della sacralizzazione dell'erotismo”. Eviterei un riferimento al sadomasochismo, che potrebbe sembrare d'obbligo. Il film intelligente ed elegante diretto da Lina Mannheimer, a metà tra documentario e fiction, è dedicato alla dominatrice parigina nota con lo pseudonimo di Jeanne de Berg. Un film in qualche modo mimetico della prospettiva di Mme Robbe-Grillet.

    L'ottuagenaria maîtresse francese è stata, infatti, la moglie di Alain Robbe-Grillet, il noto scrittore aderente al movimento del “nouveau roman”, autore di pietre miliari dello sperimentalismo narrativo (a partire dagli anni Cinquanta con il suo Les Gommes), ma anche sceneggiatore e cineasta. Ricordo qui solo Spostamenti progressivi del piacere (1973), data la sua afferenza al tema erotico (in particolare, dei rapporti lesbici).

    Il rapporto col marito viene raccontato da Catherine, nata Rstakian, nel suo unico volume a oggi disponibile in Italia, Giovane sposa (...

  • Tipo: Blog
    Gio, 04/12/2014 - 11:30

    Concerning violence di Göran Hugo OlssonConcerning violence è un viaggio nel mondo della colonizzazione dal punto di vista di un colonizzato, secondo la studiosa Gayatri Chakravorty Spivak. È lei a presentare un film crudo, prezioso (per le interviste e le immagini d'archivio) e violentissimo, benché non vi sia quasi traccia di immagini cruente.

    Coproduzione internazionale diretta da Göran Hugo Olsson, il documentario ripercorre le fasi della colonizzazione europea in Africa (dal Burkina Faso al Mozambico, dalla Rhodesia all'Angola). Si attraversano, così, le fasi della conquista, dell'insediamento dei coloni (accompagnato da operazioni di varia “civilizzazione” e indottrinamento) e dello sfruttamento neocolonialista che non uccide più (non conviene: serve manodopera). In parallelo, si assiste alla cancellazione delle identità culturali locali. Ma la conclusione è costruttiva. L'Africa che ha perduto sé stessa, per costruirsi una nuova identità deve attingere a...

  • Tipo: Blog
    Gio, 30/10/2014 - 11:30

    Point and shoot di Marshall CurryPoint and shoot. “Prendi la mira e spara”, ma anche “punta l'obiettivo e filma”. Il titolo del documentario di Marshall Curry, presentato in anteprima italiana all'interno della rassegna Mondovisioni all'ultimo Festival di Internazionale, è volutamente ambiguo. Oggi vi parlo, in effetti, di un film dai molteplici livelli di lettura che si intrecciano in modo efficace tra loro al limite della cerebralità. Si tratta, insomma, di un'opera raffinata. Non sorprende che abbia vinto il Tribeca Film Festival e che abbia ricevuto il Premio Speciale della Giuria al Little Rock Film Festival e all'Independent Film Festival Boston.

    Partiamo dal livello più semplice, che intreccia biografia e reportage politico. Point and shoot racconta la storia del nerd Matt VanDyke, 27 anni...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.