Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Tutti i contenuti di Daniele Villata

  • Tipo: Blog
    Gio, 09/04/2020 - 12:00

    Hisperica Famina, il fascino letterario di un anonimo medievaleLa letteratura medievale, latina e volgare, ha prodotto capolavori che oggi attribuiamo a grandi filosofi, scrittori, pensatori, enciclopedisti, quali ad esempio Severino Boezio, Cassiodoro, Isidoro di Siviglia, Beda il Venerabile, Alcuino di York, solo per citare alcuni grandi nomi. Le loro opere sono studiate e conosciute, ma il Medioevo e i suoi esponenti ci hanno donato molti altri scritti, meno conosciuti, anonimi, comunque di grande fascino.

    Durante i dieci secoli medievali, infatti, sono innumerevoli i lavori prodotti, e gran parte di essi, in particolare nell’Alto Medioevo (secoli vi-viii), sono di provenienza monastica, e dunque anonimi in quanto il monaco-autore non scrive per la propria gloria o fama, ma per la gloria di Dio, e non ha bisogno di firmare il suo lavoro. Il Medioevo riprende certamente le opere classiche, ma crea nuove “categorie” che ne segnano la peculiarità, ad esempio i celebri Bestiarii, oppure le Summae. Vi si...

  • Tipo: Blog
    Mer, 08/04/2020 - 10:30

    Vittime e tiranni. La congiura dei Pazzi in AlfieriNel 1478, Iacopo de’ Pazzi con i nipoti Francesco e Guglielmo organizzò, con l’appoggio del papato e dal Regno di Napoli, un complotto atto ad assassinare Lorenzo e Giuliano de’ Medici. Essi intendevano così privare i Medici del loro potere su Firenze, ma la congiura fallì: solo Giuliano venne ucciso, mentre Lorenzo rafforzò il potere mediceo e mosse guerra a papa Sisto iv, alleato della famiglia Pazzi. I Pazzi e i Medici erano imparentati, avendo Guglielmo sposato Bianca, sorella di Lorenzo e Giuliano, ma ciò non servì a placare l’acceso dissidio tra le due famiglie. In particolare, furono Iacopo e Francesco a ordire la congiura, insieme all’arcivescovo di Pisa Francesco Salviati. Il momento cruciale sarebbe arrivato durante la solenne eucarestia della messa in Duomo, domenica 26 aprile 1478.

    La congiura ai danni dei Medici è stata narrata e utilizzata nella letteratura, in primo luogo da Angelo Poliziano, grande amico di Lorenzo, che l’ha vissuta in prima persona; egli narra la vicenda nella ...

  • Tipo: Blog
    Lun, 17/02/2020 - 11:30

    Il fascino dell’incubo. Le opere di H.P. LovecraftHoward Phillips Lovecraft nasce a Providence, nel Rhode Island, il 20 agosto 1890, ed è riconosciuto come uno dei maggiori autori del genere horror e fantascientifico, sebbene il successo sia arrivato dopo la morte, in quanto, essendo un precursore dei tempi, Lovecraft non era stato pienamente compreso e apprezzato dai suoi contemporanei.

    Iniziato alla letteratura gotica dal nonno materno, il giovane autore si appassiona alla lettura dei racconti dei Grimm e delle Mille e una notte; pur non potendo accedere agli studi universitari, e non terminando neppure quelli tradizionali a causa della sua salute, egli si avvicina alla storia, alla letteratura e alla scienza. A soli sette anni scrive i primi due racconti, The Noble Eavesdropper e The Little Glass Bottle; segue il suo primo lavoro in versi, The Poem of Ulysses or the Odyssey, che resterà inedito, così come le successive opere in versi...

  • Tipo: Blog
    Ven, 10/01/2020 - 11:30

    “Vita Nuova” di Dante Alighieri, un ingegno che vede come sognando«Per lo quale ingegno molte cose, quasi come sognando, già vedea, sì come ne la Vita Nuova si può vedere» (Conv. II, xii, 4). Così Dante parla della sua opera giovanile nel Convivio. La Vita Nuova è un prosimetro composto due o tre anni dopo la morte di Beatrice, avvenuta la sera dell’8 giugno 1290. L’opera conta 31 componimenti in versi di diversa forma metrica, trattandosi di 23 sonetti, 2 sonetti rinterzati, 3 canzoni, 1 stanza di canzone, 1 una doppia stanza di canzone e 1 ballata. Le poesie, selezionate tra quelle composte tra il 1283 e il 1293-95, sono collegate tra loro da un commento in prosa, per un totale di 42 capitoli nelle edizioni moderne.

    Il titolo del libello viene presentato immediatamente all’inizio del capitolo I, dove Dante scrive che «In quella parte del libro de la mia memoria dinanzi a la quale poco si potrebbe leggere, si trova una rubrica la qual dice: Incipit vita nova». La memoria conserva l’esperienza, e nella memoria l’esperienza...

  • Tipo: Blog
    Gio, 21/11/2019 - 09:30

    Carlo Goldoni e il linguaggio per il teatroAutore prolifico e fine commediografo, Carlo Goldoni è sinonimo di “teatro”, di “commedia”, è l’aria nuova in quel teatro italiano che, a detta dello stesso Goldoni, a inizio Settecento non navigava in buone acque, e presentava, anzi, una situazione precaria se non disastrosa. Goldoni rivoluziona la commedia, in decadenza, e il teatro comico che, basandosi anche su canovacci classici latini e rinascimentali pur di tentare il rinnovamento, aveva invece solo allontanato ancor di più il pubblico. Nella visione goldoniana, la commedia non deve essere sempre e solo alla ricerca di un immediato successo seguendo i mutevoli gusti del pubblico, ma deve costruirsi lentamente, approfondire gli aspetti psicologici ed emozionali, conoscere le reazioni e le aspettative del pubblico, in un processo che, “illuministicamente”, rieduchi il pubblico.

    E in questa fase di riforma, oltre alla scelta degli attori, all’allestimento scenico, alla stesura del testo, fondamentale diviene il linguaggio con cui dar voce allo spettacolo. Per Goldoni è centrale il nodo della comunicazione...

  • Tipo: Blog
    Mer, 20/11/2019 - 11:30

    Pietro Metastasio, un genio quasi dimenticatoOggi, sentir menzionare Metastasio probabilmente origina due pensieri: o torna alla memoria qualche ricordo scolastico che rimanda a quel nome, oppure ci si interroga su chi sia costui.

    In effetti, i testi scolastici attuali poco o nulla dicono di Metastasio, e in alcuni neppure compare. Questa assenza si può, forse, spiegare volgendo lo sguardo alle sue opere, un prodotto letterario “particolare”: Metastasio è un librettista, e come tale opera in un determinato contesto.

    Egli nasce a Roma nel 1698, il suo nome è Pietro Antonio Trapassi, figlio di Felice Trapassi, un commerciante. Nel 1708, il letterato Gianvincenzo Gravina, membro dell’Accademia dell’Arcadia, passa davanti alla bottega dell’orefice dove Pietro era stato messo a imparare il mestiere, e lo sente, a dieci anni, cantare improvvisando. Colpito dalla sua abilità lo adotta e lo educa con istruzione classica, e Pietro dimostra di possedere un vero dono nel comporre versi e nell’improvvisare. Sarà Gravina a cambiare il suo cognome in “Metastasio”, volendo...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.