Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Tutti i contenuti di Stella Grillo

  • Tipo: Blog
    Gio, 17/10/2019 - 12:30

    Un viaggio fra il reale e l’onirico. “Zeta l’ultima della fila” di Daniele CavicchiaZeta l’ultima della fila è il libro di racconti dello scrittore Daniele Cavicchia, inserito nella collana Zeta diretta dallo stesso Daniele Cavicchia in collaborazione con Maria Grazia di Biagio, edita e pubblicata per la Di Felice edizioni. Il libro dello scrittore abruzzese è stato proposto da Francesca Pansa al Comitato direttivo per la settantaduesima edizione di una delle manifestazioni culturali più importanti d’Italia e l’Europa, Il Premio Strega.

    Una raccolta di racconti composta da sedici storie immerse in atmosfere surreali, fluttuanti, sfuggenti. Nella totalità dell’opera infatti, si può riscontrare come il testo rientri esattamente in quello che potrebbe essere descritto come un vero e proprio racconto onirico, ambientato in squarci visionari o avvolti da auree fantastiche al limite del reale. Una sorta di grande visione raccolta in narrazioni misteriose, velate, quasi sfuggenti che alludono a...

  • Tipo: Blog
    Mer, 24/07/2019 - 10:30

    Una Sardegna misteriosa e ancestrale. “L’isola delle anime” di Piergiorgio PulixiL’isola delle anime è un romanzo di Piergiorgio Pulixi edito da Rizzoli per la collana Nero. La protagonista indiscussa è senza dubbio la Sardegna, che fa da teatro con le sue tradizioni, i profumi e i costumi all’intreccio di tutta la narrazione. I miti, la cultura e la lingua dell’isola sono parte integrante della storia e della sua trama.

    Il prologo si apre con la descrizione di quello che sarà punto focale di tutto l’intreccio narrativo: si parla di rituali commessi nel Giorno dei Morti, ogni 2 novembre, presso dei pozzi sacri che rimandano al culto della Dea Madre. Si racconta di omicidi con i corpi delle vittime posti presso questi pozzi sacri che ritornano spesso nella narrazione. Tutti i corpi ritrovati presentano sul volto un elemento comune: una maschera che ricalca le sembianze taurine, dalla controversa simbologia.

     

    ...

  • Tipo: Blog
    Mer, 19/06/2019 - 12:30

    Intrappolati nella propria memoria. “Blu Stanzessere” di Roberta ZanzonicoBlu stanzessere è il titolo del romanzo di esordio di Roberta Zanzonico edito da Ensemble. Il volume di appena cento pagine rientra in quelli che possono essere definiti romanzi brevi: immerso in un’atmosfera quasi solenne e onirica, questo testo è un romanzo sulla memoria, una memoria scandita, ripetuta, rivissuta in diversi Stanzessere, posti in cui dei momenti passati prendono forma e si ripetono all’infinito.

    La narrazione si apre quasi in modo tumultuoso e confusionario: appare un protagonista maschile sin da subito, di cui non si accenna né al nome né a eventuali descrizioni fisiche, durante il corso del libro. L’uomo in questione si ritrova, senza sapere come ci sia arrivato e perché, in una stanza scura e piccola che capisce essere di una barca, quando, in dormiveglia, percepisce il cullare delle onde.

     

    Vuoi...

  • Tipo: Blog
    Lun, 10/06/2019 - 12:30

    “A Silvia” di Giacomo Leopardi – AnalisiA Silvia di Giacomo Leopardi, la cui analisi proponiamo in quest’articolo, è uno dei componimenti più famosi e celeberrimi del poeta di Recanati.

    La poesia rientra nei Grandi Idilli, collocati temporalmente fra il 1828 e il 1830. La raccolta differisce dai Piccoli idilli del 1819-1821 poiché le tematiche principali della seconda raccolta sono volte alla riflessione oggettiva sulla miseria della condizione umana. I Piccoli idilli, invece, sono volti alla meditazione sulle vicende personali del poeta, ovvero, i temi prevalenti contengono, per lo più, analisi, impressioni e pensieri soggettivi.

    Pare che A Silvia sia stata composta da Giacomo Leopardi fra il 19 e il 20 aprile del 1828, e pubblicata per la prima volta nel 1831 nell’edizione dei Canti. Nel componimento A Silvia appare anche uno dei concetti preponderanti del pensiero leopardiano: il pessimismo cosmico, l’idea di un’infelicità insita nella stessa vita dell’uomo che è quindi destinato a soffrire per il resto della sua esistenza....

  • Tipo: Blog
    Lun, 15/04/2019 - 12:30

    L’uomo è il suo passato. Michele Mari tra “Dalla cripta” e “Cento poesie d’amore a Ladyhawke”Michele Mari rientra a pieno titolo nella cerchia degli “ultimi poeti”. Abbiamo imparato a conoscerlo con la raccolta Cento poesie d'amore a Ladyhawke (Einaudi 2007). Nel febbraio 2019, Mari fa capolino nuovamente sulla scena poetica italiana con una raccolta completamente diversa rispetto alla precedente: Dalla cripta (Einaudi). L’immediatezza dei social è stato il palcoscenico ideale per far conoscere la poesia di Michele Mari: imperano prepotenti, infatti, molti stralci derivanti dalla sua prima raccolta. Alcuni versi dell’autore possono risultare fruibili e semplici se estrapolati contestualizzandoli in ambito social dove l’immediatezza fa da padrona; tuttavia, la poesia e il linguaggio di Michele Mari sono denotati da un’eterna danza in cui s’incontrano arcaismi e neologismi, un lessico classico e armonioso, uno stile d’altri tempi che affascina il lettore attento alla forma e non tedia quello meno esperto. Michele Mari è un cultore della lingua...

  • Tipo: Blog
    Mer, 10/04/2019 - 10:30

    “Il giardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani, dall’adolescenza all’età adultaPubblicato per la prima volta nel 1962, Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani (Universale Economica Feltrinelli, 2012) appartiene al ciclo Il Romanzo di Ferrara, opera unica e coesa in cui Bassani raccolse, in oltre quarant’anni di lavoro, tutti i suoi racconti e romanzi aventi come filo conduttore tra loro proprio la città-protagonista, Ferrara.

    Roma, 1957. Il protagonista, un Io narrante senza nome, ci conduce nel corpo della trama attraverso i suoi ricordi. Una domenica di aprile, mentre si trova presso le necropoli etrusche in visita con degli amici, il protagonista inizia a ricordare un’altra tomba, maestosa e imponente, che doveva accogliere la ricca famiglia dei Finzi-Contini. Ma tra i componenti di questa famiglia borghese di Ferrara che popola i ricordi del protagonista, solo Alberto vi troverà sepoltura, gli altri membri saranno deportati nei campi di concentramento perché ebrei. Il finale è quasi subito svelato non permettendo al lettore di...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.