In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Tutti i contenuti di Eva Luna Mascolino

  • Tipo: Blog
    Mar, 10/03/2020 - 11:30

    Il corpo di Cristo in “Sete” di Amélie NothombL’esistenza di Gesù Cristo, oltre che di esegesi teologiche, letterarie e filosofiche, è stata da sempre oggetto di narrazione tanto nei quattro Vangeli quanto in diverse altre testimonianze considerate a oggi apocrife o in opere di fiction. Se c’è un punto di vista che raramente si è scelto di adottare per raccontarla, però, è proprio quello dello stesso Figlio di Dio. Ad abbracciare tale prospettiva, singolare e complessa da gestire fin dalle sue premesse, è stata di recente Amélie Nothomb, che è tornata nelle librerie italiane nel febbraio 2020 con il romanzo Sete, tradotto da Isabella Mattazzi per Voland.

    Nella fattispecie, l’autrice belga non ha optato né per una riscrittura integrale della versione considerata ufficiale, né per una rivisitazione in chiave critica: la sua impresa si colloca, piuttosto, a una via di mezzo tra la dimensione sensoriale del Cristo e quella metafisica, tra la riflessione interiore e il rapporto con il corpo. È così che il periodo della nascita e dell’infanzia di Gesù...

  • Tipo: Blog
    Gio, 13/02/2020 - 11:30

    Un amore che attraversa gli anni. “Desiderio” di Giorgio MontefoschiEsce oggi per La Nave di Teseo un romanzo che, fin dal titolo (Desiderio), si rivela essenziale e concentrato su una tematica ben precisa: quella del desiderio. Si tratta dell’ultima prova narrativa di Giorgio Montefoschi, vincitore del Premio Strega nell’ormai lontano 1994, e in 336 pagine si rivela capace di raccontare con dei meccanismi tutt’altro che blasonati una potenziale storia d’amore le cui caratteristiche sarebbero di per sé vecchie quanto il mondo.

    Nella sua incarnazione per la Collana Oceani, la vicenda si sviluppa attraverso i dialoghi di Matteo, di Livia e del loro gruppo di conoscenze durante la prima età adulta. L’opera si apre così nella Roma del giugno 1962, mentre un gruppo di universitari si sposta in motorino, fa test della personalità e parla di cinema tra un’uscita serale e l’...

  • Tipo: Blog
    Mer, 05/02/2020 - 09:30

    E se i russi fossero tutti matti?Il vero problema, quando si tenta di parlare della Russia, non consiste tanto nello scegliere cosa raccontare, quanto piuttosto nel capire in che modo riuscirci. Come fare sì che una vicenda quotidiana, la trama di un grande classico, la tradizione legata a una festività o la frase pronunciata da un celebre intellettuale non suonino assurde nel momento stesso in cui le si riporta? E, ammesso e non concesso che si trovi una strada percorribile e chiara anche agli occhi di chi non l’aveva mai vista prima, da dove cominciare a raccontare? In che maniera riordinare il materiale così vasto di un popolo che da secoli si muove in tutte le direzioni geografiche e metaforiche possibili?

    Con il suo I russi sono matti (Utet, 2019), Paolo Nori ha capito con grande onestà intellettuale che la risposta a queste domande non consisteva in una forzatura della ragione. Non si può sistematizzare a tutti i costi ciò che di per sé appare sconnesso, o meglio, coesistente in un piano orizzontale parallelo,...

  • Tipo: Blog
    Gio, 16/01/2020 - 11:30

    Un viaggio geoletterario di spessore. “Passaporti” di Giuseppe MarcenaroPer raccontare una storia è nel luogo giusto che bisogna trovarsi, tra i rumori di un determinato vicoletto o nell’androne di un palazzo d’epoca. Non si può restare lontani dalla terra di cui si descrive l’odore e pensare di sapere come si sentiva uno scrittore nel calpestarla, né affidare la conoscenza di un episodio soltanto alla carta stampata. E lo ha dimostrato nella maniera più pragmatica possibile Giuseppe Marcenaro, tornato in libreria oggi con Passaporti. Un viaggio esoterico (Il Saggiatore). Nel puzzle itinerante che ha composto lo scrittore e saggista italiano, infatti, si delinea un itinerario geoletterario di spessore, in cui la dimensione del turismo contemporaneo viene sostituita con una neo-esperienza di Grand Tour tra il Medio Oriente, la Russia e l’Europa.

    In tutti e quattordici i capitoli-viaggi inclusi nel volume, il visitatore coincide con l’autore stesso, il cui sguardo...

  • Tipo: Blog
    Lun, 09/12/2019 - 09:30

    Haruki Murakami e il suo amore per la musica. Dialogo con Ozawa SeijiCi ha messo otto anni per vedere la luce in Italia, ma alla fine ce l’ha fatta. Parliamo di Assolutamente musica, un lungo discorso a due voci tra Haruki Murakami e l’altrettanto prestigioso, se non di più, direttore d’orchestra giapponese Seiji Ozawa, intervistato nel 2011 dall’amico e scrittore. Il volume è uscito in Italia per Einaudi nell’ottobre del 2019, con una traduzione a cura dell’ormai “storica” Antonietta Pastore, e fin dall’introduzione firmata da Murakami, chiarisce il tentativo di quest’ultimo di dialogare con uno dei più importanti Maestri del panorama musicale internazionale pur nello sforzo «di restare un ascoltatore dilettante pieno di onestà e di curiosità. Perché forse anche la maggior parte di coloro che leggeranno questo libro sono dilettanti in fatto di musica» (pag. 8).

    A dispetto della sua modestia, tuttavia, l’autore giapponese rivela conoscenze e...

  • Tipo: Blog
    Gio, 14/11/2019 - 11:30

    La traduzione come arte di esitare. Dodici discorsi sul temaCi sono diversi modi di parlare della traduzione – e diversi toni, diversi momenti, diversi luoghi, diversi destinatari, diversi presupposti. Si potrebbe addirittura sostenere che un discorso sulla traduzione non sarà mai uguale a un altro, così come la traduzione di uno stesso testo non assomiglierà mai a quella che l’ha preceduta o che la seguirà, perché dopotutto i pensieri sul tradurre e la pratica stessa di questo mestiere «non sembrano trovare mai una forma, un assetto definitivo» (p. 162).

    Quantomai utopistico e insieme geniale appare, quindi, il tentativo riunire e fissare l’opinione di dodici traduttori sulla carta, all’interno di un saggio che fin dal titolo, paradossalmente, ne presenta il fascino e l’estrema difficoltà: L’arte di esitare, edito da Marcos y Marcos nel settembre 2019 e a cura di Stefano Arduini e Ilide Carmignani. Nella loro operazione editoriale, per una volta il traduttore diventa nel senso più puro del termine autore,...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.