Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti i contenuti di Gianluca Garrapa

  • Tipo: Blog
    Ven, 19/04/2019 - 12:30

    L’amore e la vendetta. “Pietra nera” di Alessandro BertantePietra nera è il nuovo romanzo di Alessandro Bertante per Nottetempo ed., e racconta il viaggio del Figlio dei Lupi, a dorso del suo mulo Ombra, insieme a Zara, dalla montagna, lungo i sentieri e i furiosi fiumi fino alla meta ambita. La narrazione cattura il lettore e svela, dietro un’apparente leggenda, il percorso catartico del reale verso una possibile verità.

     

    «Penso che per tutto il viaggio non aveva fatto altro che incontrare dell’acqua da attraversare»: il paesaggio montano predomina e Alessio, il figlio dei Lupi, deve scendere a valle verso il mare, proprio come un fiume, attraverso luoghi simili a loci deputati. Alessio: il nome deriva dal greco e significa “colui che protegge”. Il romanzo è costellato di simboli, presagi, la natura è un tempio che parla: «non esistono coincidenze, esiste il destino, esistono i simboli che lo governano». I luoghi e i nomi: come si costruiscono per sostenere l’impalcatura del romanzo?

    Nel mio approccio alla scrittura i nomi sono molto...

  • Tipo: Blog
    Lun, 08/04/2019 - 12:30

    Il cuore e la saggezza. “Niente caffè per Spinoza” di Alice CappagliNiente caffè per Spinoza è il romanzo di Alice Cappagli pubblicato da Einaudi nella collana Coralli: Maria Vittoria Baroncini, ai ferri corti con il marito disoccupato, e con una suocera sempre più invadente, è assunta come badante per il vecchio professor Farnesi, ex-insegnante di Filosofia che, data la sua cecità, ha bisogno di qualcuno che legga per lui. Nell’arco di un anno inebriante ma a tratti sottilmente malinconico, la vita di Vittoria cambierà radicalmente sullo sfondo di una Livorno salmastra e luminosa. Di seguito l’intervista all’autrice.

     

    «Pensai che a Livorno l’orizzonte doveva essere infuocato, con il profilo della Gorgona contro le ultime braci del sole»: il romanzo è ambientato a Livorno, s’indugia spesso sulla descrizione dei paesaggi, i volatili coi loro comportamenti presaghi, cui il professore riserva le proprie cure, il cielo di Livorno è l’altra metà del cuore dei personaggi e il salmastro penetra le mura delle case, delle chiese, quasi che il...

  • Tipo: Blog
    Mer, 06/03/2019 - 11:30

    La cosmogonia del ricordo quotidiano. “La straniera” di Claudia DurastantiLa straniera è il nuovo romanzo di Claudia Durastanti per La nave di Teseo, tra i candidati al Premio Strega 2019: narrando la sua storia, lei, figlia di disabili, dall’infanzia fino a qualche anno prima della pubblicazione del romanzo, Durastanti, con sguardo antropologico e leggero, per quanto profondo, ci presenta il cambiamento epocale, tra l’America e la Basilicata, attraverso momenti di nostalgia e guizzi di ironia, mutamenti politici e sociali con una scrittura che indaga il ricordo e le contraddizioni del presente. Di seguito un’intervista all’autrice.

     

    Per attimi è stata una donna diversamente abile, ma tutti siamo diversamente abili: parla spesso di disabilità e, la scrittura, quando è davvero del desiderio, come nel suo caso, credo nasca da una mancanza o da un’autopercezione d’incompletezza. Siamo tutti diversamente disabili: che lavoro ha fatto sul suo personaggio narrante per evitare, come ha fatto brillantemente, il rischio...

  • Tipo: Blog
    Mer, 13/02/2019 - 13:30

    Un tranquillo angolo di terrore. Intervista a Raul MontanariLa vita finora è l’ultimo romanzo dello scrittore Raul Montanari, uscito per Baldini+Castoldi nel 2018: Marco Laurenti è un insegnante che lascia Milano per un incarico in una scuola media inferiore di un apparentemente tranquillo paesino in cima a un’inquietante valle lombarda dagli oscuri presagi: dovrà fare i conti con un passato opprimente e una ragnatela d’indizi lo metteranno faccia a faccia con la crudeltà e l’imprevedibile terrore di un’epoca priva di padri. Grazie alla sorella Sara ritroverà il suo proprio desiderio, riscoprendo una nuova vita dopo un viaggio negli abissi della morte e della follia umana: di seguito un’intervista sul romanzo e sulle abitudini dello scrittore durante la stesura del libro.

     

    «Improvvisamente mi resi conto che Mozart mi stava rendendo nervoso e che la sua musica non aveva niente a che vedere con il panorama…»: Sara, la...

  • Tipo: Blog
    Mer, 16/01/2019 - 11:30

    Lo specchio degli altri. “La parte migliore” di Christian RaimoLa parte migliore è il nuovo romanzo che Christian Raimo ha pubblicato per Einaudi.

    Personaggi sono Leda, Laura, sua figlia, Giuseppe, ex marito di Leda, e poi Riccardo, Giorgio e la classe di Laura, i familiari dei pazienti terminali, Carmine e la sua ex “‘amante” Mariella, Abdul. Il romanzo, ventinove capitoli, intreccia le storie di due donne, Leda, la madre, «che cosa vuol dire essere madre?», di Laura, e dei personaggi che le gravitano intorno.

    La morte è molto presente in questo romanzo: c’è chi si occupa della morte altrui, chi la morte se la porta dentro come malattia o come futuro feto da abortire, morte come perdita dei propri cari. È così presente che le si potrebbe ascrivere lo statuto di mancanza fantasmatica: «Io so la tua mancanza», o anche di «timore di un vuoto», quello di Giuseppe che vorrebbe ricostruire il rapporto con Laura, oppure come buco del corpo...

  • Tipo: Blog
    Mar, 18/12/2018 - 11:30

    Una languida speranza. “Uomini e cani” di Omar Di MonopoliUomini e cani è un romanzo che Omar di Monopoli ha ripubblicato per l’editore Adelphi nella collana Fabula nel 2018, mentre la prima edizione, del 2007, è stata edita da ISBN.

    Il romanzo è in sette capitoli: ognuno un giorno della settimana, da lunedì a sabato, e un epilogo.

    Languore e la frazione Torre Languorina: simboliche in un Salento primitivo, di cani-protesi del potere degli uomini o delle loro virtù, mansueti come il Lupone di Nino, il ranger o addestrati ai combattimenti come quelli di Mariuccio Minnella e Pietro Lu Surgi.  

    Romanzo di oggetti: indicatori di luogo, che dicono le epoche: «pentole d’argilla piene di gerani e cespi di basilico», o l’eccesso del godimento post-capitalista: «rifiuti d’ogni genere: un tripudio di cerchi di barile, monoblocchi sfondati, bollitori screziati di ruggine, vasi rotti.

    Romanzo di ribaltamenti: affiora improvvisa l’umanità del carnefice; di opposizioni: «restare qua. E resistere»: coppie opposte: Sputazza o Zà Uccia restano...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.