Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Tutti i contenuti di Stefano Clerici

  • Tipo: Blog
    Mer, 25/09/2019 - 12:30

    Il figlio cattivo. “Le origini del male” di You-jeong JeongL’ultimo libro della regina incontrastata dei gialli e thriller sudcoreani You-jeong Jeong, Le origini del male, pubblicato in Italia da Feltrinelli nella traduzione di Massimo Gardella, è un romanzo in cui già a partire dalle vicende editoriali si legge il destino di una spaccatura, una distanza tra intenzione e azione: il titolo originale – The good son – è infatti ben lontano dalla soluzione nostrana e dilata ancora di più il campo delle possibilità interpretative.

    I temi dello scollamento e della differenza attraversano tutto il libro come una ferita aperta e sanguinosa: la copertina stessa, giocata su forti contrasti cromatici, rappresenta una piscina piena di sangue dalla quale emergono arcate di neri tentacoli e, al centro, candide e come intrappolate, la testa e le spalle di un nuotatore. È il protagonista e narratore della vicenda, Yu-jin, promettente giurista di ventisei anni che, nel giro di una notte, vede la propria vita...

  • Tipo: Blog
    Ven, 30/08/2019 - 12:30

    Uno sguardo originale e autocritico sulla storia. “La giraffa in sala d’attesa” di Božidar StanišićPer la collana “Estensioni – voci dell’Est Europa”, la casa editrice udinese Bottega Errante ha da poco pubblicato La giraffa in sala d’attesa dello scrittore bosniaco Božidar Stanišić nella traduzione di Alice Parmiggiani: già a partire dal titolo, tanto stravagante da parere surreale, il lettore si sente invogliato a capire che cosa si possa nascondere dietro un’allegoria così inconsueta. Attratto da questa curiosità, apre il libro e viene, presto, letteralmente investito da un fiume in piena di immagini giustapposte, alcune assurde quasi quanto quella iniziale («Una maschera sonora […] Al nord della fantasia»; «Assicelle di una zattera o solo penne rigate?» eccetera).

    Per ogni capitolo, infatti, vari fotogrammi, quasi diapositive gettate alla rinfusa su un tavolo o stralci di conversazioni registrate, fungono da cappello introduttivo per riassumere i punti salienti...

  • Tipo: Blog
    Mer, 31/07/2019 - 10:30

    Campiello Opera Prima 2019 – Intervista a Marco LupoEdito da Il Saggiatore nella collana “La Cultura”, Hamburg. La sabbia del tempo scomparso torna, in modo del tutto originale e lontano da ogni logoro stereotipo tradizionale, non solo a raccontare le atrocità commesse tra il secondo conflitto mondiale e gli anni della ricostruzione, ma anche a trattare degli effetti di questi orrori sulla psiche, i comportamenti e la memoria dei personaggi. L’architettura dell’opera rivela una mano sicura, capace di rendere, sulla carta, il senso di indeterminatezza che caratterizza le epoche di transizione e di coinvolgere il lettore trasportandolo all’interno di una storia che contiene altre storie, tutte narrate con intensa efficacia visiva e perizia cinematografica.

    In occasione dell’assegnazione del Premio Campiello Opera Prima, abbiamo conversato con l’autore, Marco Lupo, in merito ad alcuni punti salienti del romanzo.

     

    Vuoi conoscere...

  • Tipo: Blog
    Mer, 24/07/2019 - 12:30

    Tre energie, tre vite. “L’onda dell’incrociatore” di Pier Antonio Quarantotti GambiniTorna in libreria, per Mondadori, L’onda dell’incrociatore, l’energico e vitale romanzo breve con cui Pier Antonio Quarantotti Gambini, nel 1948, vinse il premio Bagutta: ambientato intorno al 1935 nel porto di Trieste, racconta con notevole intensità e uno spietato scandaglio psicologico le vicende, le tensioni e l’evolversi dei rapporti tra tre adolescenti (Ario, Berto e Lidia).

    È giorno di festa e il sole “ride” illuminando la scena iniziale. La voce squillante di Ario saluta entusiasta l’arrivo di tre incrociatori e ordina all’amico di «dare al vento la bandiera»: lo spettacolo sublime delle onde sollevate da queste navi emoziona soprattutto Berto, irrequieto e smanioso.

    I ragazzini assistono alla furia delle acque spumeggianti, vedono la massa d’acqua innalzarsi fin sopra le...

  • Tipo: Blog
    Mar, 25/06/2019 - 12:30

    Le parole inspiegabili. “Nel nome” di Alessandro ZaccuriIl nuovo libro di Alessandro Zaccuri, Nel nome, edito dalla milanese NN, si offre come un’occasione di riflessione e di raccoglimento intorno ai nomi – «parole inspiegabili, resistenti ai significati», come definito in esergo (cfr. Preghiera del nome, del poeta Cesare Viviani) – e soprattutto intorno a uno di essi, il più ricco di mistero fra i tanti e tanti nomi possibili: Maria.

    Rilevante è la scelta di pubblicare il volume in una serie, dallo stesso autore «ideata e accompagnata», intitolata CroceVia, poiché soffermarsi su “Maria”, nome in cui si ritrova «tutto» significa aver incontrato, letto e dunque attraversato «le pietre di Palestina, le vetrate di Chartres, le Vergini fiamminghe, le Maestà dell’Umbria, l’oro delle icone […] ma anche i gessetti dei madonnari […] le brutte serigrafie appese in cucina […] l’inchiostro povero delle immaginette che stingono dentro i portafogli» vicino alle fotografie di figli e nipoti, come per proteggerli.

    Possiamo ben ritenere quest’opera, anche in ragione della...

  • Tipo: Blog
    Mer, 29/05/2019 - 12:30

    Alla ricerca di silenzio, solitudine e senso. “Benedetta follia” di Vittorino AndreoliBenedetta follia. Dai padri del deserto ai mistici di oggi: lo psichiatra e scrittore Vittorino Andreoli, per la casa editrice Piemme, con un titolo apparentemente oscuro e ossimorico e un sottotitolo, al contrario, chiaro ed esplicativo, torna a far capolino tra gli scaffali di tutte le librerie del Paese.

    Con tanto di «ventaglio scomposto ed irrisolto» di capelli e «sopracciglia da primate» sopra gli occhi vividi che spuntano dal fondo della copertina bianca, lo studioso e divulgatore ci guida in un viaggio lungo secoli, a partire da Paolo di Tarso. Nella Prima lettera ai Corinzi si legge: «La parola della croce infatti è stoltezza per quelli che si perdono, ma per quelli che si salvano, ossia per noi, è potenza di Dio» e «la sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio». San Paolo non pone i termini “follia” e “stoltezza” come assoluti, li «deriva dal confronto»: infatti,...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.