Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Tutti i contenuti di Stefano Clerici

  • Tipo: Blog
    Mer, 23/01/2019 - 11:30

    Leopardi’s story. “Verso l’infinito” e oltreDa due secoli, la vita, lo spirito e le parole di Leopardi continuano ad andare oltre la barriera del presente; a colpire e scolpire le nostre menti in un perpetuo lavorio; a generare nuove letture e interpretazioni: l’ultima in ordine di tempo si intitola Verso l’infinito e sgorga dalla penna di Enrico Palandri, premiato romanziere e traduttore, per la collana PasSaggi di Bompiani.

    Il fulcro su cui l’autore si concentra è l’oltranza del pensiero e dell’opera del poeta, suggellata dalla composizione de L’infinito: come in ottemperanza a un dogma imposto da un’auctoritas di tal fatta, Palandri stesso va “oltre” e arricchisce il suo saggio.

    Attraverso inquadramenti storici ci permette di percepire la temperie della «tensione clericale ottocentesca», oppure degli anni delle «discussioni milanesi», del «progetto in continuo divenire» di una nuova Italia.

     

    ...
  • Tipo: Blog
    Ven, 28/12/2018 - 11:30

    Quando leggere è come andar per mare. “Omoo” di Herman MelvilleTorna, dopo decenni di naufragio, nelle librerie italiane, a cura e con la nuova traduzione di Fabrizio Bagatti, nonché corredato di un interessante diario e lettere inedite, per Edizioni Clichy, il secondo grande romanzo di Herman Melville, Omoo, naturale ma indipendente prosecuzione del noto esordio di Taipi: nonostante, infatti, le trame siano collegate da un narratore in prima persona (tratto tipico della prosa melvilliana, basti pensare all’incipit di Moby Dick o a Bartleby) che le accomuna, le vicende possono anche essere lette in maniera assolutamente autonoma e autoconclusiva.

    Le radici di queste opere affondano nella biografia dell’autore: come sottolineato nella prefazione, Melville, nel 1841, si era imbarcato come «marinaio semplice a bordo della baleniera “Acushnet”» alla volta dell’Oceano Pacifico, verso le Isole Marchesi.

    Una...

  • Tipo: Blog
    Sab, 01/12/2018 - 11:30

    Letteratura e teatro come antidoti all’estinzione. “I racconti della peste” di Mario Vargas LlosaPerché inventiamo e raccontiamo storie? «Per combattere […], spesso inconsapevolmente, una realtà che ci opprime e che ci appare insufficiente a colmare i nostri desideri» afferma Mario Vargas Llosa nella prima pagina de Los cuentos de la peste (I racconti della peste, traduzione di Valerio Nardoni, Passigli Editori, 2018); Giovanni Boccaccio, più di seicentocinquanta anni prima – riassume il premio Nobel – aveva scritto della «fuga di un gruppo di persone nel mondo dell’immaginazione per sfuggire alla peste che devasta ogni cosa intorno a loro» elaborando «una storia fatta di storie che contrabbandano nel mondo reale una realtà fittizia che […] li redime dalla più grande tragedia della condizione umana: la morte o l’estinzione».

    La narrazione, la fantasia e la letteratura sono sempre state il mezzo più semplice e immediato per fuggire dalla contingenza e immunizzare protagonisti e lettori...

  • Tipo: Blog
    Ven, 26/10/2018 - 10:30

    La forza di una promessa. “L’amore” di Maurizio MaggianiNell’ultimo libro di Maurizio Maggiani (Feltrinelli),su una copertina per certi versi simile a quella della recente silloge di racconti Parlare non è un rimedio, campeggia un titolo impegnativo, L’amore, termine posto a suggello di un’intensa e – al contempo – dimessa ricognizione semi-autobiografica condotta dal claudicante protagonista/narratore: tra una notte d’ottobre e la successiva, nella Liguria delle Cinque Terre, noi lettori seguiamo i pensieri e le azioni di un attempato sposo e ci inoltriamo tanto nella semplicità dei suoi gesti quanto nella loro profondità simbolica.

    I piccoli accorgimenti quotidiani come condurre a letto la sposa, «imboccarle» un «pezzetto di resina a forma di dentiera cava» per placare il bruxismo notturno, «con grande tatto» rassettare le coperte, cucinare lo «stocco accomodato», cercare fra i propri ricordi un«...

  • Tipo: Blog
    Mar, 25/09/2018 - 10:30

    Non guardarti indietro. “Un marito” di Michele VaccariPer la collana “la Scala”, Rizzoli pubblica Un marito, di Michele Vaccari, il racconto della vicenda, prima quasi monotona nei suoi ritmi abitudinari e poi sempre più inquieta e tormentata, di una coppia di rosticcieri travolta dall’imminenza dei cinquant’anni, dal desiderio e dalla paura di cambiare rotta, sfuggendo all’ordinario.

    In una Genova in cui il Sole, illuminando dapprima – come un «lampo al rallentatore» –, Vernazzola e Boccadasse, per passare poi a tangere tutti i quartieri fino a Staglieno («la città muta dove regnano i morti») e la Luce – sua emanazione – sfidando i dedali e infiltrandosi fra caruggi e doghe di persiane ricostruiscono la città della Litania di Giorgio Caproni (la Genova di «Brezza e luce in salita», di «straducole» – che Vaccari elenca in maniera quasi maniacale generando un forte effetto di realtà...

  • Tipo: Blog
    Gio, 20/09/2018 - 12:30

    Tra fuoco e acqua. “Hamburg. La sabbia del tempo scomparso” di Marco LupoGrazie ad Hamburg, pubblicato da Il Saggiatore nella collana “La Cultura”, Marco Lupo esordisce sulla scena del romanzo con un’operazione ambiziosa: tornare, in maniera innovativa e lontana da ogni abusato cliché tradizionale, a trattare delle atrocità commesse durante gli anni del secondo conflitto mondiale e dei loro effetti sulla psiche, i comportamenti e la memoria delle persone.

    L’architettura dell’opera è, infatti, singolare e rivela, per come è governata, una mano sicura o quantomeno decisa a non ricadere nella banalità: al posto di procedere rispettando la cronologia degli eventi o servendosi del flashback come primo motore narrativo (come in gran parte della memorialistica, reale o di finzione), l’autore progetta una cornice, ambientata nella contemporaneità, in cui si muovono alcuni personaggi i quali, con il loro...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.