Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti i contenuti di Dario Boemia

  • Tipo: Blog
    Mar, 04/06/2019 - 12:30

    Un romanzo sulla fragilità delle nostre certezze. “Nella tormenta” di David ParkIn Irlanda nevica così tanto che i voli sono stati cancellati e per andare a recuperare suo figlio Luke, rimasto solo e malato nella sua camera dello studentato dell’università inglese in cui studia, Tom è costretto a salire in macchina e ad affrontare le strade ghiacciate dell’Irlanda del Nord e dell’Inghilterra.

    Comincia così Nela tormenta, l’ultimo romanzo dell’irlandese David Park, nonché il primo a essere tradotto in italiano, grazie all’empatica traduzione di Manuela Faimali, che restituisce molto bene l’atmosfera sospesa e malinconica del volume, e all’editore Bollati Boringhieri.

    Al volante, come tutti noi sappiamo bene, i pensieri si rincorrono e la strada, per lo più, scivola da sola sotto le quattro ruote dell’auto, guidata dalla voce metallica e naturale del navigatore satellitare. Allora Tom si rende conto di essere da solo, in una scatola di metallo, gomma e vetro, si rende...

  • Tipo: Blog
    Lun, 27/05/2019 - 12:30

    Un romanzo-serpente sull’arte e l’immaginazione. “Sbagli” di Martino MarazziLa paura per i serpenti ci ha salvato la vita per millenni e ora Martino Marazzi, con Sbagli (Castelvecchi), trasforma questa paura in fascinazione, in un’attrazione senza scampo. Non si è reso conto del pericolo? Forse è il caso che mi spieghi meglio, prima di rischiare di dare al lettore la cattiva impressione che questo libro abbia a che fare con l’antropologia o, ancor peggio, con viscidi rettili squamati. Niente del genere. Di serpentesco questo romanzo ha soltanto la forma, la struttura, «che si snoda lungo le spire di cinque storie, immagini nella mente di uno schizofrenico», recita la quarta di copertina. E i serpenti? Ci arriviamo, meglio andare per ordine, fintanto che è possibile.

    Quello che si presenta al lettore nelle prime pagine come protagonista è il Maresciallo, un paziente di un manicomio: soffre di «disturbi della personalità», dice la sua cartella, vecchia di almeno quarant’anni. Lo chiamano così «perché per anni aveva lavoricchiato all’Arsenale...

  • Tipo: Blog
    Lun, 13/05/2019 - 10:30

    Una storia di riscatto e di vendetta. “La regola del lupo” di Franco VanniA un anno dall’uscita in libreria del Caso Kellan (Baldini+Castoldi, 2018), Franco Vanni è tornato con un romanzo, La regola del lupo (pubblicato dallo stesso editore), che mette d’accordo tutti, detrattori e amanti del genere. Perché c’è il giallo, sì, ma c’è soprattutto una trama romanzesca, una storia di riscatto, di vendetta, di amicizie e amori. Il Caso Kellan è stato un libro importante: per la prima volta con quel romanzo ambientato a Milano e incentrato intorno all’omicidio del figlio del console americano Kellan Armstrong, facevano la loro apparizione sulla scena letteraria alcuni personaggi la cui immagine, a distanza di soli dodici mesi, mi sembra definita, limpida e affascinante quanto quella di Sherlock Holmes o Arsène Lupin. C’è il protagonista, Steno Molteni, giovane e intraprendente cronista del settimanale...

  • Tipo: Blog
    Dom, 05/05/2019 - 13:34

    A Trento trionfa la montagna dei legami, dell’autenticità e della fantasiaIl primo treno che prendo è diretto a Venezia. Davanti a me c’è seduto un bambino, ha grossi occhi castani e una gran voglia di parlare. Fuori piove e le gocce d’acqua si aggrappano al finestrino. Il vagone è mezzo vuoto e quando finisce di mangiare la merenda alza lo sguardo e mi vede. Abbiamo lasciato Milano soltanto da pochi minuti. Sento che mi sta guardando, che non vede l’ora di dirmi qualcosa, ma non distolgo lo sguardo dal computer: ho da sistemare le ultime cose per le interviste della sera. Poi, però, mi tocca due volte lo schermo e mi chiede dove sto andando. Ha la faccia seria, come se io avessi fatto un incidente e avesse la necessità di capire quale fosse il mio gruppo sanguigno. Gli dico che sto andando a Trento, alla premiazione del Premio Itas del libro di montagna. Quando sente la parola montagna qualcosa scatta in lui: si scorda che stava parlando con me e comincia a dire alla madre – che, mi ha...

  • Tipo: Blog
    Mar, 30/04/2019 - 12:30

    La bellezza del disaccordo. “Esercizi di sepoltura di una madre” di Paolo RepettiIrriverente, scorretto, vero. Il secondo libro di Paolo Repetti, Esercizi di sepoltura di una madre (Mondadori), a diciannove anni dall’esordio con Lamento del giovane ipocondriaco (pubblicato nel 2000 sempre da Mondadori), mette in scena la vita di una famiglia romana in bilico tra l’ebraismo e il cattolicesimo, tra la fede nel calcio (ahimè, tutti juventini) e la fiducia nella scienza, tra l’isteria tipica di chi senza successo tenta di venire a capo di controverse questioni ideologiche e quell’indifferenza che permette a tanti adolescenti di arrancare fino all’età adulta senza troppi pensieri.

    Oltre a Zio Paolo, voce narrante e alter-ego dell’autore, editor scapolo con una certa familiarità con la psicoanalisi, i veri protagonisti del libro sono i nipoti, che, in assenza del padre, guardano allo zio come a un punto di riferimento, che lui lo voglia o...

  • Tipo: Blog
    Lun, 18/02/2019 - 11:30

    Incinta a quindici anni e abbandonata da tutti. La storia di “Paolina”Paolina – personaggio che dà il titolo all’ultimo romanzo di Marco Lodoli, pubblicato da Einaudi – ha quindici anni ed è incinta. Vaga per una Roma ostile, cinica, disumana, cercando di capire cosa deve fare con quel bambino che senza disturbare, almeno per il momento, le cresce nella pancia. Tutta la storia, quel ristretto arco di storia che l’autore ha deciso di raccontarci, occupa le ventiquattro ore successive alla scoperta della gravidanza in corso. In questa giornata, la ragazza, che ha lasciato la scuola da tre mesi, va a trovare, uno a uno, i tre ragazzi con cui ha avuto un rapporto sessuale. Non sa chi di loro sia il padre e, forse, non le importa nemmeno. Forse vorrebbe solo trovare qualcuno con cui crescere quel figlio di cui non sa cosa fare. Eppure nessuno di loro sembra interessarsene, hanno tutti problemi molto più impellenti e importanti di un bambino in arrivo. Anche loro sono giovani e si aggrappano a una chitarra elettrica (Cosimo), a una spada da scherma (Filippo) o a una bottiglia di gin (Tonio...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.