Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Tutti i contenuti di Dario D'Ubaldo

  • Tipo: Blog
    Mar, 17/12/2019 - 11:30

    Maestro Straniero, l’arte del massaggio di cui abbiamo bisognoAjarn Farang o Maestro straniero è il titolo dell’opera edita da Stampa Alternativa, esordio dell’autore Enrico Corsi, esperto del massaggio Thai Royal di cui forse tutti avremmo bisogno.

    Maestro straniero richiama alla mente del recensore un’unica impronunciabile parola: interessante. Un’opera d’arte non dovrebbe mai essere (solo) interessante. Innovativa, furente o catartica semmai, di tutto davvero ma non interessante. Allora, vi prego, lasciatemi spiegare, con parole prese a prestito da Oscar Wilde, una bellezza nascosta in una prosa che non mi sento di definire romanzo:

    «Quando viaggio mi piace avere qualcosa di interessante da leggere, per questo porto sempre con me il mio diario.»

     

    L’abbiamo visto già in passato con il fix-up: spesso il vocabolario...

  • Tipo: Blog
    Lun, 18/11/2019 - 11:30

    “Sale grosso” di Maria Moresco, come a un teatro di emozioniSale grosso di Maria Moresco è una raccolta di poesie edita da Nottetempo, la definirei un teatro di emozioni, vediamo perché.

    Le cinque sezioni della raccolta si articolano su temi differenti e risonanti in un continuum che sembra portarci dentro la vita e dentro l’anima dell’autrice.

    La prima sezione, Zona di non volo, segna una cesura con il mondano e l’insensibilità. È la zona dell’artista, della sensibilità elitaria che si scontra inevitabilmente con la durezza del mondo.

    L’ambiente claustrofobico senza alcuna prerogativa di sogno diventa luogo della diversità e della lotta. Moresco lo esprime benissimo in una nelle sue poesie che contiene un’anafora pregnante:

    Gettarsi così

    all’arma bianca

     

    In un...

  • Tipo: Blog
    Lun, 14/10/2019 - 10:30

    “La parabola dei ciechi” di Gert Hofmann, come descrivere un quadroDescrivere un quadro con le parole è l’intento di Gert Hofmann quando, negli anni Ottanta, decide di tramutare in racconto breve un quadro del maestro fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio. L’opera in questione è La parabola dei ciechi, una tempera su tela esposta al museo nazionale di Capodimonte a Napoli. Prima di lui il dipinto era stato d’ispirazione sia per Baudelaire che per Maeterlinck e questo la dice lunga sulla fortuna artistica del maestro fiammingo. Per cui, a quattrocento anni di distanza anche Hofmann si accende di un estro creativo che, oggi, ci viene tramandato da Racconti edizioni con la traduzione di Tiziana Prina.

    La parabola dei ciechi ci guiderà nella scoperta di otto punti utili a ispirare chiunque voglia provare l’esercizio di tramutare in narrativa un’immagine; allenamento di incredibile efficacia se pensiamo che molto spesso l’ispirazione deriva proprio da una foto, una fantasia o un sogno. Senza dimenticare il ruolo più importante...

  • Tipo: Blog
    Gio, 22/08/2019 - 12:30

    “Ascoltate il matrimonio” di John Jay Osborn, la concatenazione del conflittoDopo aver esplorato la narrativa americana delle origini con Garland e, in seguito, avanzato verso gli anni Settanta con Elia Kazan, approdiamo al contemporaneo con Ascoltate il matrimonio, l’ultima chicca di John Jay Osborn, edito da Bollati Boringhieri nella traduzione di Costanza Prinetti Castelletti, che sarà lo spunto per avvicinarci alla tecnica della concatenazione del conflitto.

    Tutta la vicenda ruota intorno a tre personaggi: Steve, il marito, Gretchen, la moglie e Sandy, la terapista che li accompagnerà in un percorso autentico, profondo ma molto umano, a tratti comico da seguire. Il romanzo inizia con una situazione di conflitto marcata, comune ma non banale: lui ha tradito lei. Anzi, già dal primo capitolo l’...

  • Tipo: Blog
    Mer, 21/08/2019 - 10:30

    “Gli assassini” di Elia Kazan, un profondo senso di ingiustiziaGli assassini, edito da Centauria, è il terzo romanzo pubblicato dal regista tre volte premio Oscar Elia Kazan. Gli assassini è un legal thriller che parte come dramma di famiglia e affonda sempre di più in un profondo senso di ingiustizia. In un certo senso è la prosecuzione del nostro viaggio iniziato con la recensione su Garland nell’esplorazione della narrativa americana.

    I romanzieri – o gli aspiranti tali – conoscono bene la sensazione di invidia mista a stupore che si prova nello sfogliare un libro ispirato, ben scritto e di tale portata sul piano antropologico. Gli assassini è tra questi e nel recensirlo non si può che fare un’unica cosa: l’archeologia necessaria ad apprezzarne non solo il significato ma anche la bellezza artistica, prima di fare i conti con il presente e scoprire troppe e dolorose analogie.

    L’edizione...

  • Tipo: Blog
    Gio, 27/06/2019 - 10:30

    “Vietato calpestare le rovine” di Andrea Appetito, frammenti di umanitàVietato calpestare le rovine di Andrea Appetito (Effigie) ha una premessa chiara e semplice: il mondo è esploso in frammenti che vagano nello spazio metafisico, senza un ordine prestabilito dal tempo, dove ogni tipo di umanità viene ricordata per come ha affrontato la fine.

    Ci si ritrova in città note, meno note o immaginarie, in quello che per noi è passato, futuro o presente. La fine è di lì a poco dal giungere ma l’ottica è tutta sulla risposta squisitamente umana alla fine delle certezze, che siano sociali, ambientali o emotive.

    Proviamo a pensare i romanzi come profumi, per capire poi il profumo di Vietato calpestare le rovine. Potremmo dire che la nota di testa, quella che colpisce al primo impatto, è lo stile personale, la nota di cuore, che ci cattura per il tempo della lettura, è la...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.