Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti i contenuti di Giordano Belcecchi

  • Tipo: Blog
    Lun, 24/09/2018 - 10:30

    Nel cuore di una famiglia. “I colori dell’incendio” di Pierre LemaitreI colori dell’incendio è l’ultimo libro scritto dal francese Pierre Lemaitre, edito in Italia da Mondadori con la traduzione curata da Elena Cappellini. Scrittore che tendenzialmente spazia tra il noir e lo storico, in questo libro ha saputo abilmente incastrare l’autenticità dello scenario storico di un’Europa alle porte della seconda guerra mondiale con le vicissitudini della famiglia Péricourt, attorno alla quale ruota tutta la narrazione.

    Giochi di potere, intrighi, passioni e corruzione: parole efficaci sia per descrivere un’inconsapevole Francia sull’orlo di una delle più disastrose crisi economiche e politiche, ma sufficienti anche per delineare quanto sta per accadere alla famiglia Péricourt dopo la morte del suo più nobile esponente, Marcel, a discapito della figlia Madeleine che, oltre a dover sopportare lo strazio della morte del padre, vede precipitare dall’ultimo piano del palazzo in cui da anni vivono suo figlio Paul.

    Prima dell’incidente, nonché della...

  • Tipo: Blog
    Ven, 07/09/2018 - 10:30

    Due bambini nella Russia di Stalin. “Inseparabili” di Anatolij PristavkinInseparabili, edito da Guerini e associati, è un romanzo di Anatolij Pristavkin, tradotto e curato da Patrizia Deotto. Il libro, il cui sfondo è quello della Russia stalinista (tra gli anni 1944-1945), racconta la storia drammaticamente ironica, a tratti grottesca, di due gemelli identici e inseparabili: i Kuz’min.

    La cifra caratterizzante dei due protagonisti è insita proprio nella loro complementarità, se Saska è una vera e propria fucina di idee e riflessioni, Kol’ka è in grado di dare forma ai progetti del primo. Dopo i primi anni trascorsi nell’orfanotrofio di Tomilino – cittadina della Russia centrale –, dove più volte avevano dato dimostrazione delle loro forza, della loro tenacia e del loro ingegno, vengono trasferiti presso il Caucaso, dipinto dai racconti che i due undicenni sentono quotidianamente e dalla grande letteratura russa come un vero e proprio locus amoenus.

     

    ...

  • Tipo: Blog
    Mar, 17/07/2018 - 15:05

    Che fine faranno i libri? “Manaraga” di Vladimir SorokinManaraga, scritto dal russo Vladimir Sorokin, è stato di recente pubblicato in Italia da Bompiani con la traduzione a cura di Denise Silvestri. Al pari del precedente romanzo – La tormenta –questa opera ha la capacità di lasciare non poche domande aperte all’interno della mente del lettore.

    Protagonista della storia è Géza, definito nel libro un perfetto book griller: al centro della realtà distopica e postbellica creata dall’autore, la cui aderenza con i nostri tempi è però molto notevole, il libro sembra infatti perdere il suo valore intrinseco di promotore culturale, a favore di un affermarsi della propria fisicità o corporeità, ovvero è percepito solo come una serie di fogli rilegati tra loro, pronti ad ardere per cuocere piatti prelibati. Lo chef però è aiutato da delle pulci molto particolari, le quali supportano non solo il suo lavoro, ma gli evitano situazioni di pericolo e governano apprezzabilmente le abitudini del cuoco:...

  • Tipo: Blog
    Mar, 29/05/2018 - 12:30

    Quando la vita incombe. “Il vizio di smettere” di Michele Orti ManaraIl vizio di smettere di Michele Orti Manara, edito da Racconti Edizioni, raccoglie una serie di racconti, solo all’apparenza sconnessi tra di loro ma tutti fortemente aderenti al dato reale, dal momento che riproducono spaccati di vita in cui almeno una volta ci siamo ritrovati.

    L’opera si apre con il rantolo di un bambino in fasce, che spaventa, in una notte come le altre, due genitori. Il malessere del neonato assume nella prima vicenda una valenza più profonda, rappresenta cioè il soffocare di una famiglia comune alle prese con la routine giornaliera, l’instabilità, almeno apparente, di una moglie a cui segretamente il marito somministra dei calmanti. Così poi d’impatto l’autore ci trasporta nel regno dell’inespresso con il secondo racconto. Ognuno di noi ha dentro di sé delle immagini o delle azioni che persistono nella memoria allo scorrere del tempo e accade che, sotto la scure di un destino che talvolta sottrae la vividezza dei volti a noi cari, questi fotogrammi...

  • Tipo: Blog
    Mer, 09/05/2018 - 12:12

    Il viaggio di Carlo Rovelli alla scoperta dell’ordine del tempoL’ordine del tempo è l’ultimo libro scritto dal fisico teorico Carlo Rovelli e pubblicato da Adelphi, che vuole raccontare, in un viaggio tra letterature, culture e scienza, le nuove scoperte e le nuove teorie emergenti nel mondo della fisica teorica.

    Provehimur portu terraeque urbesque recedunt (Eneide, liber III): così un antico verso virgiliano ci restituisce un’immagine insolita del movimento… a suo avviso a muoversi non è la barca ma sono le terre e le città. Newton e Galilei, coscienti della relatività della velocità, sorriderebbero di fronte a questa affermazione ma, centinaia di anni dopo, Albert Einstein sconvolge la panoramica del mondo scientifico, abolendo l’osservatore privilegiato nella descrizione del moto, mettendo in discussione il grande polso cosmico che regola gli eventi, dando vita a numerosi studi sulla fisica relativistica.

     

    Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di...

  • Tipo: Blog
    Ven, 13/04/2018 - 09:30

    Il racconto di un uomo e del suo fiume. “Sudeste” di Haroldo ContiSudeste, tradotto da Marino Magliani e pubblicato da Exorma edizioni, è considerato uno dei migliori prodotti letterari di Haroldo Conti, rappresentante della generación de Contorno, scomparso nel maggio del 1976 in seguito al golpe militare in Argentina. Nonostante il suo nome si sia aggiunto alla lunga lista dei desaparecidos, l’eco del suo romanzo continua a risuonare nel Delta del fiume Paraná, dove vive anche Boga, il protagonista della storia.

    Il romanzo però non racconterà rocambolesche avventure di marinai e leggende locali, né tantomeno ha la superbia di una trama aggrovigliata e complessa o si fa esplicitamente portavoce di battaglie ecologiste. In realtà nella sua – a tratti cruda – semplicità vuole parlare del rapporto primigenio e autentico tra uomo e natura, una natura ben precisa, quella argentina, che lo scrittore riesce a tramutare in cristalline sfumature d’animo che accompagneranno il vagare silenzioso e solitario di Boga, un tagliatore di giunchi qualunque...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.