Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tutti i contenuti di Francesco Borrasso

  • Tipo: Blog
    Mar, 14/07/2020 - 10:30

    L’impotenza davanti alla vita. “La vita involontaria” di Brianna CarafaPuntata n. 114 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Ecco però che a poco a poco tutto era miracolosamente permesso grazie a un rischio deliberato della volontà, un gioco di tentativi, una timida accettazione del peccato: esplorare gli spazi interstellari studiando astronomia a Houston, o seguire la via della teologia già battuta da Chardin, o creare nuove forme nei laboratori, o penetrare con una spedizione nelle foreste dell’Amazzonia, alla ricerca dei palazzi d’oro dell’Eldorado. Con il passare del tempo, tutte le meraviglie apparivano alla mia fantasia protese verso di me con braccia aeree e invitanti. Gabriele dalla faccia d’angelo, che tutto sapeva, che di tutto carpiva immagini, che tutto assaggiava tra le quattro pareti della sua stanza, seguiva infatti trepidante in un mucchio di relazioni, bollettini, riviste, come se gliene derivassero sempre nuove ispirazioni, le imprese compiute in ogni campo e...

  • Tipo: Blog
    Mar, 30/06/2020 - 10:30

    Un romanzo che parla degli ultimi. “La parte del fuoco” di Marco RovelliPuntata n. 113 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Quando tornate a casa tu vai a innaffiare l’orto nella piana. Hai piantato melanzane, insalata, pomodori, zucchine, insomma l’orto classico italiano, che hai imparato a curare. Non arrivi a farti le mani nere come la vecchia signora che ama Puccini, ma anche a te capita già di parlare alle piante come cose vive. Vedi Elsa che gira intorno alla casa: tasta la consistenza della materia, sente la porosità dei muri, segue le forme, gli angoli. Lo fai anche tu a volte, è questione d’intimità, di farsi amici con lo spazio d’intorno, abitarlo come si abita il proprio corpo.»

     

    A volte si cerca un appiglio, si cerca una mano che possa sostenerci, che possa tenerci a galla quando tutto intorno a noi inizia ad affondare, e a volte quella mano è salvezza, è qualcosa di sconosciuto eppure molto...

  • Tipo: Blog
    Mar, 16/06/2020 - 10:30

    Quei sentimenti che proviamo a reprimere. “Lungo la strada” di Herman BangPuntata n. 112 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Ed ora eccola lì, sola e abbandonata. Katinka si sentì stringere il cuore e le prese le mani tra le sue, carezzandole dolcemente. A queste effusioni la vecchietta pianse ancora di più. Katinka continuò a carezzarle le mani. Le ultime candeline si erano spente e l’albero di Natale era piombato nell’oscurità più fitta.»

     

    Si resta imbrigliati dentro percorsi che ci siamo scelti senza nemmeno farci troppo caso, vite che ci appartengono da lontano, vite dentro cui ci sentiamo stretti e dalle quali spesso non possiamo staccarci. Il tempo passa veloce e quello che stava per accadere è già accaduto anche se nessuno ce l’aveva detto che lo specchio ci avrebbe restituito il primo capello bianco così in fretta, la prima ruga e la seconda e la terza; perché nessuno era stato così accorto...

  • Tipo: Blog
    Lun, 01/06/2020 - 10:30

    E se la felicità fosse un male “Un cuore debole” di Fëdor DostoevskijPuntata n. 111 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Così, rapidamente, uscirono nella strada, uno più felice dell’altro. La via conduceva attraverso il quartiere di Pietroburgo che è di là del fiume verso Colomna. Arcadio Ivanovič, camminava con sveltezza ed energia, tanto che dal solo suo passo si poteva giudicare la sua gioia per la beatitudine del sempre più felice Vassia. Vassia seminava passetti minuti, ma senza perdere la sua dignità; anzi, al contrario, Arcadio Ivanovič, non lo aveva mai visto in una luce tanto favorevole. In quel momento lo stimava quasi di più, e un noto difetto fisco di Vassia, del quale il lettore non era ancora informato, (Vassia era un po’ storto), che destava sempre una grande compassione nel buon cuore di Arcadio Ivanovič, ora contribuiva anche di più alla tenerezza che provava per lui in quel momento il suo amico e che naturalmente era tanto meritata da Vassia.»

    ...
  • Tipo: Blog
    Mar, 19/05/2020 - 10:30

    Le ossessioni di un uomo qualunque. “Taccuino delle piccole occupazioni” di Graziano GrazianiPuntata n. 110 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Quando Girolamo se ne va dalla casa dei suoi amici poeti, artisti e intellettuali, spesso si sente triste. Qualche volta persino arrabbiato. Quando ne esce furioso, Girolamo pensa che quei suoi amici sono davvero della gente malsana. Tutti quasi obesi, pingui, con la pelle rovinata e spesso senza qualche dente. E tutti soli, nelle loro case maleodoranti, eternamente soli se non fosse per quelle visite di Girolamo. E allora lui pensa che questi intellettuali sono davvero degli esseri abietti, che le loro sono delle esistenze meschine, che però si lasciano dietro nel mondo delle meravigliose astrazioni, delle scie luminose che illuminano il buio dell’esistenza. Della loro, meschina, e saltuariamente di quella degli altri».

     

    Siamo...

  • Tipo: Blog
    Mar, 05/05/2020 - 10:30

    Fuggire dal proprio destino. “Nel caso non mi riconoscessi” di Francesca CaposselePuntata n. 109 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Si incontrano quasi tutti i giorni. In un paese dove anche le porte hanno gli occhi, nessuno si accorge della signorina di città e del capitano tedesco. Lui la spoglia chiamando gli indumenti con il loro nome (un bel ripasso dei generi grammaticali, neutro compreso), ha cura di lasciarle sempre qualcosa addosso, nel caso che qualcuno entri e li trovi abbracciati: la ragazza col collo rovesciato sulla spalla e il capitano che indugia, con i pantaloni abbassati, incerto su quale sia la volta buona per andare fino in fondo».

     

    Alcune volte sembra che tutto provi a schiacciarci, sentiamo una pressione nell’aria, nelle parole delle persone che ci circondano e diventa pesante il lenzuolo con cui ci copriamo di notte, a letto, pesante come il buio e come la...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.