Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tutti i contenuti di Stefano Ravaglia

  • Tipo: Blog
    Mar, 29/08/2017 - 11:30

    “Dracula” di Bram Stoker, tra ironia e paura la lettura di un grande classicoDracula di Bram Stoker, romanzo del 1897 ispirato al conte Vlad, e le sue cupe e tenebrose atmosfere fanno per voi? Beh, io da incallito lettore di titoli scolpiti a imperitura memoria nella storia della letteratura, non potevo esimermi dal prendere in mano questo libro ambientato tra l’Inghilterra e la Transilvania. O meglio, mi è stato sufficiente tenere tra le mani il mio Kindle, al quale ho aperto le braccia da poco dopo una ferma intransigenza all’invasione della tecnologia anche nella lettura, per godere appieno non solo delle atmosfere ma del pathos e della straordinaria caratterizzazione dei personaggi che Stoker dipinge pagina dopo pagina.

    La storia è nota: Jonathan Harker deve dirigersi lassù, in Transilvania, dentro una carrozza trainata da cavalli al castello del conte Dracula, che lo aspetta per trattare l’acquisto di un immobile a Londra. Non dimenticherò facilmente la prima parte del romanzo: totalmente appassionante e appagante...

  • Tipo: Blog
    Lun, 26/06/2017 - 11:30

    L’eredità e la lezione di “Fahrenheit 451” di Ray BradburyIn un certo senso invidio Ray Bradbury e Fahrenheit 451. Con l’autore mi compiaccio per le sue abitudini di scrittura, il libro invece risulta allettante per il fatto di essere la conseguenza naturale di quelle abitudini. Non aveva certo problemi di ispirazione, Ray: quel blocco interiore che chi scrive, sia egli navigato o alle prime armi, prima o poi deve affrontare come un serial killer che irrompe sulla scena emergendo dai boschi neri della scrittura, non ha mai pensato di assalire lo scrittore americano. Sin da giovanissima età l’ispirazione non è mai stata un suo problema e, insieme con l’ardente passione per la penna, buttava giù idee che si evolvevano in storie, una via l’altra.

    Quella narrata tra le righe di quest’opera la cui prima edizione è datata 1953 (in Italia arriverà tre anni più tardi), si affida a una tecnica di ispirazione che oserei definire un capovolgimento della realtà. Anche nei corsi di scrittura che ho frequentato mi affascinava discorrere del metodo “What if”: cosa sarebbe successo se Hitler...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.