In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Tutti i contenuti di Claudia Castoldi

  • Tipo: Blog
    Mer, 16/01/2019 - 13:30

    Quando il male virtuale diventa reale. “Il gioco del suggeritore” di Donato CarrisiA distanza di dieci anni dal suo libro d’esordio, Il suggeritore (2009), Donato Carrisi torna in libreria con un titolo che lo richiama direttamente: Il gioco del suggeritore, edito da Longanesi e disponibile fin dallo scorso dicembre.

    Il romanzo ha per protagonista l’ormai ex-poliziotta Mila Vasquez che, a seguito delle disavventure narrate nei precedenti romanzi della saga, ha deciso di ritirarsi in campagna per vivere una vita tranquilla insieme alla figlia Alice. I pericoli del precedente lavoro sono infatti sostituiti da una vita pacifica, all’insegna delle faccende domestiche e del tentativo di instaurare un rapporto via via più stretto con la figlia, già provata dall’assenza del padre in coma. Una casa confortevole, il lago e una passione per la cucina sono le prime informazioni di Carrisi su quest’inedita versione della...

  • Tipo: Blog
    Lun, 17/12/2018 - 09:30

    Quando la biblioteca incontra l’editoria digitale. L’esperienza della Sormani di MilanoNon capita spesso che si parli di biblioteche sui giornali o alla radio, eppure grazie ad un’iniziativa relativamente recente, una biblioteca in particolare si è conquistata un posto nella cronaca culturale. Stiamo parlando della Biblioteca Sormani di Milano che, grazie alla digitalizzazione di testi altrimenti dimenticati, ha ottenuto l’attenzione, prima, della testata «La Repubblica» attraverso la penna di Marco Belpoliti e, successivamente, di Rai Radio 3 durante il pomeridiano Fahrenheit.

    Nel solco di questo entusiasmo mediatico si è inserito anche Sul Romanzo che, nell’intervista di sotto, ha voluto indagare le origini e gli sviluppi di quello che è già stato definito un progetto di “editoria no-profit” ricco di potenzialità.

    L’idea alla base dell’iniziativa è semplice: riproporre al pubblico dei testi letterari che, pur essendo ancora sotto diritti editoriali, non vengono più stampati dalle rispettive case editrici per svariate...

  • Tipo: Blog
    Gio, 15/11/2018 - 11:30

    L’amore e il rimpianto tardivo. “Risposta a una lettera di Helga” di Bergsveinn BirgissonRisposta a una lettera di Helga (edito da Bompiani, traduzione di Silvia Cosimini), ultimo romanzo dell’islandese Bergsveinn Birgisson, è un testo che, sin dal titolo, rivendica l’appartenenza a un genere ben preciso, quello epistolare. Il motivo della scelta di un genere, a oggi almeno, alquanto inusitato ci pare che possa essere ritrovato nel sentimento che domina l’intero libro: l’amore. Passando dalle “lettere d’amore”, potenzialmente parte dalla letteratura privata di ciascuno, fino al caso di un Abelardo ed Eloisa, è innegabile che la forma-lettera costituisca un mezzo privilegiato per affrontare la tematica amorosa. A suo vantaggio, in tale senso, si consideri, in una lettera monologante, la possibilità dello scrivente di esprimere i suoi sentimenti alla persona amata, “di lontano”, opzione scelta proprio da Bjorni, protagonista del romanzo, per...

  • Tipo: Blog
    Lun, 22/10/2018 - 12:30

    Un romanzo senza certezze. “Asimmetria” di Lisa HallidayAsimmetria (Feltrinelli, traduzione di F. Aceto), romanzo d'esordio dell'americana Lisa Halliday, è un libro che può dirsi fortunato. Infatti, in un contesto in cui la sfortuna o la fortuna di un manoscritto dipende sempre più dall'attenzione mediatica del web e dei giornali, Lisa Halliday è stata "benedetta" da una moltitudine di critiche positive.Dando una rapida scorsa emerge, per esempio, l'apprezzamento di un'autrice come Zadie Smith, che arriva ad affermare che il romanzo in questione è «una meraviglia», dando così il suo beneplacito a un libro già circondato da una certa curiosità.

    La struttura, e più in generale tutto il romanzo, si basa su un progetto ardito e rischioso. Contrariamente alle classiche narrazioni, la Halliday decide infatti di esordire suddividendo il romanzo in tre sezioni, intitolate rispettivamente Follia...

  • Tipo: Blog
    Ven, 14/09/2018 - 10:30

    Come sfuggire alla futilità del quotidiano. “Se mi guardo da fuori” di Teresa RighettiIl 4 settembre una giovane scrittrice, Teresa Righetti, ha esordito in libreria con il suo primo romanzo, Se mi guardo da fuori, pubblicato da DeA Planeta Libri. Quanto si sa della Righetti è poco; la scarna biografia del retrocopertina dice solo: «vive a Milano, ha una laurea in Lettere e una discreta esperienza come cameriera». Una ragazza normale dunque, proprio come la protagonista del suo primo libro, Serena: anche lei studentessa di Lettere presso la Statale di Milano, anche lei milanese, anche lei alle prese con un lavoro di cameriera per l'estate. Il rispecchiamento della scrittrice nel suo personaggio non si nota però solo attraverso queste coincidenze biografiche fra la vita reale della Righetti e quella, "di carta", di Serena, ma pure attraverso altre scelte di stile. Tra queste, la scrittura in prima persona e il titolo: quel ...

  • Tipo: Blog
    Gio, 23/08/2018 - 12:30

    Carlotto, De Cataldo e De Giovanni e le loro “Sbirre” molto particolariSe qualcuno ci chiedesse perché leggere Sbirre, ultima novità prodotta in casa Rizzoli, probabilmente risponderemmo: «perché è un libro originale, qualcosa che non capita di vedere tutti i giorni». E questo perché Rizzoli ha deciso di scommettere su un formato, ad oggi, poco popolare, quello della raccolta di racconti. Utilizziamo il termine "ad oggi" non a caso perché, dando una rapida scorsa alla letteratura italiana, dal trecentescoDecameron fino agli elzeviri della modernità, il formato del racconto sembrava vincente: brevità, velocità di lettura, tensione drammatica e coesione erano i suoi punti forti. Poi arrivò il romanzo. A torto o a ragione, il racconto fu via via marginalizzato e i sui "punti forti" furono dimenticati. Non da tutti, però: con Sbirre, Massimo Carlotto, Giancarlo De Cataldo e Maurizio De...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.