14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Tutti i contenuti di Liana Suppressa

  • Tipo: Blog
    Mer, 05/07/2017 - 11:30

    La bellezza e l’insidia dei ricordi. “Il passato” di Tessa HadleyFamiglia. Ricordi. Natura. Sono questi i tre elementi portanti del Il passato, nuovo romanzo di Tessa Hadley uscito per Bompiani nella traduzione di Milena Zemira Ciccimarra.

    Con il suo modo di scrivere asciutto ma abilmente divertente ed elegante, la Hadley è ormai considerata una dei più importanti scrittori contemporanei inglesi.

    Il passato è il suo sesto romanzo e tratta la storia di una famiglia composta da tre sorelle, molto diverse l’una dall’altra, che decidono di trascorrere una vacanza estiva di tre settimane nella casa di campagna ereditata dai nonni dove hanno passato lunghi periodi in gioventù.

    Kington, l’amata dimora dove nonno Cranes era stato vicario per più di quarant’anni, cade a pezzi, e nessuno della famiglia può prendersene cura. Perché allora non trascorrerci le vacanze, per l’ultima volta, tutti insieme, tra partite a un polveroso Monopoli, pranzi in giardino, liti, scherzi e piccoli flirt tra gli...

  • Tipo: Blog
    Mar, 06/06/2017 - 11:30

    Gli adolescenti e i loro dolori nel nuovo romanzo di Jennifer NivenQual è il dolore più grande che un adolescente può portare sulle spalle? La morte, il tradimento, l’umiliazione?

    L’attesissimo ritorno di Jennifer Niven, già autrice del bestseller strappalacrime Raccontami di un giorno perfetto (All the bright places) conquista gli scaffali targato De Agostini, per la traduzione di Simona Mambrini.

    Tutti pensano di conoscere Jack Masselin, il “bello del liceo”, affascinante, simpatico, sempre sulla cresta dell’onda. Tutti lo adorano, tutti lo adulano, ma nessuno, neanche i suoi familiari, conosce il segreto che si porta dietro da quando era bambino. Un segreto tanto doloroso quanto impronunciabile: la prosopagnosia. Un disordine neurologico poco conosciuto in medicina che lo porta a non riconoscere i volti delle persone, neanche quelle più amate.

    Tutti pensano di conoscere Libby Strout, la “ragazza più grassa d’America”, Libby la Lardona, costretta a ricorrere ai vigili del fuoco per essere tirata fuori da casa. Tutti la...

  • Tipo: Blog
    Ven, 05/05/2017 - 11:30

    Se i quadri potessero parlare… “La musa” di Jessie BurtonLa nave di Teseo di Elisabetta Sgarbi porta sugli scaffali (nella traduzione di Elena Malanga) La musa, l’atteso secondo romanzo di Jessie Burton, già autrice nel 2015 del bestseller Il miniaturista.

    Ancora una volta la scrittrice britannica è in grado di costruire un romanzo solido in cui la suspense si fonde con la seduzione del contesto storico e la forza delle emozioni descritte.

    Nel suo nuovo lavoro, la Burton intreccia e ricostruisce due momenti storici differenti, distanti l’uno dall’altro soli trent’anni: la Londra opprimente e ancora razzista del 1967 e la Spagna delle fincas del 1936. È un lavoro attento, minuzioso, in grado di incastrare alla perfezione gli ingranaggi della narrazione.

    Parallelamente, due protagoniste: Odelle Bastienne, giovane immigrata caraibica con il sogno di diventare scrittrice, che viene assunta come dattilografa presso la rinomata Skelton Gallery londinese,...

  • Tipo: Blog
    Lun, 10/04/2017 - 11:38

    La commovente lettera di una mamma a suo figlio. “Sono cose da grandi” di Simona SparacoOgni madre, dal primo momento in cui realizza di portare in grembo un figlio, si misura con la necessità di proteggerlo. Ma cosa significa proteggere oggi, nel nostro mondo liquido e assordante? E, soprattutto, è giusto proteggere o bisogna imporsi di lasciare andare? Si potrà convivere con i sensi di colpa di una cattiva decisione?

    Tali domande sono al centro della lettera che la voce narrante di una madre scrive al proprio figlio di quattro anni nel libro di Simona Sparaco Sono cose da grandi (Einaudi Stile Libero): poco meno di cento pagine intense, moderne, che seguono quasi un flusso di coscienza.

    Una madre si rivolge al figlio per raccontargli ciò che sa sulla paura, nell’illusione di proteggerlo o insegnargli a sopravvivere, affrontando lei stessa i suoi timori più profondi, dal...

  • Tipo: Blog
    Mer, 01/03/2017 - 12:30

    Si può distruggere una famiglia perché ti innamori di una stella?L’Editore Ensemble porta per la prima volta in Italia una delle voci più significative e nuove del panorama letterario albanese odierno, Rezart Palluqi. Lo fa con il suo ultimo romanzo 193 Gabbie (tradotto da Iris Hajdari), presentato a dicembre 2016 durante la Fiera romana della piccola e media editoria Più libri più liberi.

    Nonostante l’Albania sia così vicina all’Italia, poco ancora si conosce della sua letteratura nel nostro Paese. Mentre il resto d’Europa risorgeva dalle ceneri della Seconda guerra mondiale, a partire dagli anni Cinquanta la dittatura imposta da Enver Hoxha in Albania segnava fortemente tutta la produzione letteraria nazionale. E tali segni sono arrivati fino a noi.

    Rezart Palluqi si colloca in pieno in questo scenario: la sua opera è la storia della sua generazione, nata sotto il regime di Hoxha, scappata in altri paesi alla ricerca di una vita migliore, ma che continua a...

  • Tipo: Blog
    Mer, 04/01/2017 - 12:30

    L’evidenza di un Corpo. Il caso Cucchi, ma non soloDopo i successi di ACAB – all cops are bastards e Suburra, scritto a quattro mani con Giancarlo De Cataldo, Carlo Bonini torna sugli scaffali per Feltrinelli con Il Corpo del reato.

    Si tratta del primo libro che ricostruisce, passo dopo passo, il calvario prima e l’iter giudiziario poi di Stefano Cucchi e della ricerca della verità nella vicenda che l’ha visto sfortunato protagonista.

    Se Suburra è costruito su una linea sottile che separa la verità storica dal romanzo, Il Corpo del reato può essere definito una vera e propria inchiesta civile, in cui lo scrittore incastra perfettamente non solo udienze, interrogatori e perizie, ma anche stati d’animo e dialoghi dei protagonisti, dando a ognuno di essi il proprio nome senza sconto alcuno e utilizzando uno stile di cronaca duro e cristallino come un diamante.

    E lo fa partendo da un momento insolito, apparentemente slegato dalla vicenda Cucchi ma in realtà a essa...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.