Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tutti i contenuti di Melissa Minò

  • Tipo: Blog
    Lun, 03/06/2019 - 12:30

    L’immortalità promessa a una bambina. “Una vita senza fine” di Frédéric BeigbederÈ uscito recentemente per i tipi di Bompiani il nuovo romanzo dello scrittore francese Frédéric Beigbeder, Una vita senza fine (per la traduzione, davvero molto ben fatta, dobbiamo ringraziare Silvia Ballestra).

    Il libro dice di sé: «Un romanzo dissacrante e allo stesso tempo un impietoso ritratto di una generazione e un minuzioso reportage sulle ricerche che indagano i processi di invecchiamento», motivo per cui mi appresto alla lettura piena non solo di curiosità ma anche di entusiasmo per questo inaspettato mix di scienza e humor, per una volta apparentemente slegato dalle cupe distopie sulla fine dell’umanità che tanto vanno di moda negli ultimi tempi. La trama è piuttosto semplice, lo si capisce fin dalla sinossi: un cinquantenne di nome Frédéric (ecco che fa cucù l’autore! – molto avanti nel libro per fortuna), presentatore di uno show televisivo davvero particolare che fa...

  • Tipo: Blog
    Lun, 29/04/2019 - 10:30

    “Mai più sola nel bosco”. I fratelli Grimm di Simona VinciLa collana “PassaParola”, curata da Chiara Valerio per conto dell’editore Marsilio, si arricchisce di un nuovo volume, Mai più sola nel bosco di Simona Vinci. Un libretto denso di piacevole lettura in cui ancora una volta una voce del panorama letterario italiano racconta del proprio rapporto con un determinato libro e quindi un determinato autore. È la volta dei Fratelli Grimm che con le loro Fiabe hanno accompagnato l’autrice per tutta l’infanzia e da lì hanno contribuito a creare per lei quell’immaginario che da adulta è diventato la sua cifra stilistica. E infatti, non è un caso che i libri di Simona Vinci (Parla, mia paura, La prima verità, Dei bambini non si sa niente… tutti pubblicati dall’editore Einaudi) siano spesso caratterizzati da trame tese, in cui dolore e terrore s’intrecciano; e poi di certo non mancano protagonisti bambini nelle sue storie.

    ...
  • Tipo: Blog
    Mar, 19/03/2019 - 11:30

    La storia dell’animale che era “Quello che voleva essere”La graphic novel – ormai sempre più popolare – è un mezzo letterario che unisce la parola scritta all’immagine, ed è tanto più potente quanto più riesce a delegare all’elemento visivo quello che in un romanzo potrebbe essere trasmesso dalle parole. Una forma di letteratura che a mio parere può essere più facilmente plasmata dal lettore in base alle sue esigenze, una forma d’arte che conduce in modo organico alla scoperta di una storia, che è sì tratteggiata dall’autore ma viene donata al lettore che può recepirla secondo il suo personale immaginario; così io in un volo di rondini posso leggere la gioia del ritorno a casa e qualcun altro l’ansia stringente per un lungo viaggio. Parlo naturalmente di tutto ciò che concerne la parte emotiva e soggettiva di una narrazione, di un romanzo posso immaginare le fattezze dei personaggi e arrivare a sentirne la voce nei dialoghi ma sarà lo scrittore a raccontarmi ciò che provano, mentre la graphic novel mi consegna immagini che possono essere più o meno dettagliate ma lascia che sia io a capire i sentimenti. L’immagine evoca, la...

  • Tipo: Blog
    Mer, 20/02/2019 - 11:30

    Chuck Palahniuk torna se stesso con “Il libro di Talbott”Aspettavo questo momento da mesi, come facevano un tempo le groupie quando sapevano che stava per arrivare in città la loro band preferita e si preparavano a lanciare gli slip sul palco, in letteratura non si lanciano slip e non ci sono palchi ma la sensazione per me è quella lì, o almeno immagino che una groupie si sentisse più o meno così. Insomma, da quando ho saputo che Chuck Palahniuk avrebbe pubblicato un romanzo nuovo, proprio nuovo nuovo e non l’ennesimo episodio fumettato di Fight Club, ho avuto in testa solo quello e no, in questo caso non è valsa la teoria di Oscar Wilde per cui l’attesa del piacere è essa stessa il piacere; l’impazienza per la lettura, tuttavia, è stata corrotta dal dubbio: sarà un buon libro? Avrà di nuovo quel guizzo che mi ha fatto innamorare della sua scrittura o sarà solo un altro romanzetto simpatico come Beautiful you?

     

    Desideri...

  • Tipo: Blog
    Mer, 30/01/2019 - 11:30

    Amy Hempel e le sue “Ragioni per vivere” nonostante la perditaEra il 1985 quando uscì la prima raccolta di racconti firmata da Amy Hempel, lo stesso anno che vide protagonisti della scena letteraria americana scrittori come Raymond Carver e Jay McInerney, solo per citare i nomi a me più cari. Oggi SEM (Società Editrice Milanese) ripropone quella stessa raccolta, ampliata con tutti i racconti dell’autrice, nella traduzione della bravissima Silvia Pareschi (traduttrice, tra gli altri, di Jonathan Franzen e Don DeLillo…) con il titolo Ragioni per vivere.

    Non conoscevo Hempel ma me ne sono innamorata al secondo racconto (Questa sera è un favore a Holly) per quel suo modo diretto di entrare dentro le situazioni senza perdersi in minuziose descrizioni o avventurarsi in tortuosi preamboli per arrivare al nocciolo della questione. E poi la verità che ti fa arrivare dritta in faccia, all’improvviso: «Holly dice che quegli incontri sono come i tramonti sulla spiaggia: una volta sparito il sole, la sabbia si raffredda velocemente. Allora sono come...

  • Tipo: Blog
    Mer, 19/12/2018 - 11:30

    Imparare a prendere la vita sul serio con “Una bambina da non frequentare” di Irmgard KeunAvete presente lo slogan “per grandi e piccini” che di solito viene usato per legittimare gli adulti che fanno cose “da piccini”, tipo quelli che vanno a Disneyland o al cinema a vedere film di animazione senza avere figli? Ecco, è la prima cosa che mi è venuta in mente leggendo Una bambina da non frequentare, il romanzo scritto da Irmgard Keun nel 1936 e che recentemente la casa editrice L’Orma ha ripubblicato nella traduzione italiana di Eleonora Tomassini ed Eusebio Trabucchi.

    Qualsiasi bambino, infatti, vorrebbe vivere (e forse sta vivendo) le avventure quotidiane della sua protagonista; piccole cose all’apparenza senza importanza per chi ha superato i quindici anni ma che invece sono fondamentali se ti sei appena affacciato al mondo e devi capire come barcamenarti tra le aspettative genitoriali (e non solo) e la tua voglia di...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.