Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Tutti i contenuti di Fabio Cozzi

  • Tipo: Blog
    Mer, 25/11/2020 - 11:30

    La giovinezza d’una ragazza perbene. “Le inseparabili” di Simone de BeauvoirSimone de Beauvoir è stata una delle più importanti e ascoltate intellettuali del Novecento. I suoi libri, i suoi saggi hanno dato nuovo spazio, nuova luce all’emancipazione femminile, nella valorizzazione piena della figura della donna in tutti gli aspetti della società civile. Fondamentale è stato poi il legame, soprattutto di natura intellettuale, con il compagno, Jean Paul Sartre, con il quale ha costruito una delle coppie inossidabili dell’esistenzialismo.

    Da poco è uscito un inedito di de Beauvoir, dal titolo Le inseparabili, un romanzo che racconta il legame molto profondo tra due adolescenti, una storia che ha evidentissime tracce autobiografiche; in Italia viene pubblicato da Ponte alle Grazie (traduzione di Isabella Mattazzi).

    Le due ragazzine si chiamano Sylvie e Andrée...

  • Tipo: Blog
    Mar, 27/10/2020 - 11:30

    Il corpo ulceroso del Regime fascista. “M. L’uomo della provvidenza” di Antonio ScuratiL’anno scorso Antonio Scurati ha finalmente vinto il Premio Strega con il primo volume dedicato alla storia di Benito Mussolini: M. Il figlio del secolo. Il libro, edito da Bompiani, raccontava il periodo immediatamente successivo alla fine della Prima guerra mondiale, quando il fuoriuscito con ignominia dal partito socialista tentava di solleticare la parte più conservatrice del Paese e organizzare la risposta violenta e allo stesso tempo vincente alla “paura rossa”. Il romanzo documentario arrivava fino all’alba del 1925, dopo l’uccisione di Giacomo Matteotti, quando il futuro dittatore cominciava a dare la sterzata decisiva per annientare lo Stato liberale e instaurare la dittatura che verrà spazzata via soltanto vent’anni dopo, a causa del secondo conflitto mondiale.

    «Potevo fare di questa aula sorda e grigia un bivacco di manipoli», la filosofia era già compendiata nel suo primo...

  • Tipo: Blog
    Lun, 28/09/2020 - 10:30

    La manna dell’Appennino. “Al centro del mondo” di Alessio TorinoAlessio Torino è uno dei più interessanti scrittori italiani. Molto spesso il suo nome è stato accostato a quello di Paolo Volponi, non fosse altro perché lo stesso Torino è nato ad Urbino, e perché la sua produzione letteraria riconosce la tradizione di uno dei più grandi autori del secondo Novecento italiano.

    Torino pubblica in questi giorni un nuovo romanzo, Al centro del mondo, questa volta per un grande gruppo editoriale, Mondadori (gli altri erano stati tutti editi da Minimum Fax). Il romanzo è ambientato nell’Appennino marchigiano e parla di una comunità di emarginati. La stessa località Villa la Croce è stata ribattezzata “Villa dei Matti” dagli abitanti della zona. Più che altro è una terra dove sono presenti le ombre, i fantasmi della storia che non possono che condizionare l’esistenza degli uomini ancora in vita.

     

    ...

  • Tipo: Blog
    Mer, 09/09/2020 - 10:30

    La realtà aumentata della pandemia. “Reality” di Giuseppe GennaEra un avvertimento o una paura che si è materializzata non appena finito il lockdown. Un libro sul Covid, su quello che abbiamo appena vissuto e che molti sembrano voler già dimenticare, forse per paura di doverlo riprovare fra qualche settimana o qualche mese con la fantomatica seconda ondata. Comunque, Giuseppe Genna è stato il primo a far uscire per Rizzoli una sorta di diario dei mesi passati col titolo Reality. Cosa è successo che ha naturalmente come scenografia la zona rossa per antonomasia del nostro Paese: la Lombardia e le sue città ferite, Milano e Bergamo.

    Il libro, romanzo (?), di Genna è un girovagare “malato” per le zone che hanno visto la più alta percentuale di contagi e di morti. È una ricognizione sui luoghi già devastati, già malati del tardo-capitalismo e che vengono indeboliti ancora di più da un fenomeno antico e al tempo stesso nuovo, quello del virus, che non può non far paura, perché nelle nostre vite...

  • Tipo: Blog
    Mer, 05/08/2020 - 10:30

    I campioni sparsi di una vita. “Tornare a galla” di Margaret AtwoodLa canadese Margaret Atwood era già un’autrice molto conosciuta e apprezzata in ambito letterario (ha vinto per due volte il Booker Prize) e ogni anno viene inserita nella lista dei potenziali Nobel, ma è da poco che sta conoscendo un enorme successo con la serie tv tratta dal suo romanzo distopico del 1985: Il racconto dell’ancella. A quasi cinquant’anni dall’uscita in originale la casa editrice Ponte alle Grazie, ormai fedele distributrice dei suoi lavori in Italia, ripropone uno dei primi romanzi, dal titolo Tornare a galla (traduzione di Fausta Libardi), con alcuni dei temi forti di Atwood: il corpo della donna, le dinamiche di coppia, il rispetto dell’ambiente in cui viviamo.

    Una donna ritorna in Canada, alla ricerca del padre che è scomparso da qualche giorno dalla casa d’infanzia su un’isola di un lago nel Québec, una...

  • Tipo: Blog
    Mer, 01/07/2020 - 10:30

    Alla ricerca del capro espiatorio. “Odio” di Daniele RielliOdio è sicuramente un ottimo titolo per il romanzo scritto da Daniele Rielli e pubblicato da Mondadori. È un libro che tenta di fare il punto sui fondamenti liquidi che caratterizzano il nostro tempo dove i social media e i big data la fanno da padroni, dove gli influencer hanno più potere di un genio della scienza (almeno fino a quando non è scoppiato il Covid-19). Il libro mette in scena anche un finale distopico sulla scia delle tesi di René Girard, soprattutto per quanto riguarda la figura del capro espiatorio.

    Carmelo Bene, in una famosa puntata del Maurizio Costanzo Show, disse tra le altre cose: «Fossimo capaci dell’odio, l’unico sentimento umanoide almeno profondo». Forse il gigante teatrale non avrebbe mai immaginato il mondo che sarebbe venuto dopo con mamme e nonne, per esempio, che su Facebook hanno foto del profilo insieme a bambini e animali tanto amati e che gettano palate di sterco su, a seconda dei casi, “froci”, “negri”, lesbiche,...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.