Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti i contenuti di Fabio Cozzi

  • Tipo: Blog
    Mer, 01/07/2020 - 10:30

    Alla ricerca del capro espiatorio. “Odio” di Daniele RielliOdio è sicuramente un ottimo titolo per il romanzo scritto da Daniele Rielli e pubblicato da Mondadori. È un libro che tenta di fare il punto sui fondamenti liquidi che caratterizzano il nostro tempo dove i social media e i big data la fanno da padroni, dove gli influencer hanno più potere di un genio della scienza (almeno fino a quando non è scoppiato il Covid-19). Il libro mette in scena anche un finale distopico sulla scia delle tesi di René Girard, soprattutto per quanto riguarda la figura del capro espiatorio.

    Carmelo Bene, in una famosa puntata del Maurizio Costanzo Show, disse tra le altre cose: «Fossimo capaci dell’odio, l’unico sentimento umanoide almeno profondo». Forse il gigante teatrale non avrebbe mai immaginato il mondo che sarebbe venuto dopo con mamme e nonne, per esempio, che su Facebook hanno foto del profilo insieme a bambini e animali tanto amati e che gettano palate di sterco su, a seconda dei casi, “froci”, “negri”, lesbiche,...

  • Tipo: Blog
    Mer, 03/06/2020 - 10:30

    Il racconto solare di un inverno. “Storie della mia città” di Sarah Ladipo ManyikaFrassinelli ha da poco mandato alle stampe Storie della mia città, il romanzo breve della scrittrice afro-americana Sarah Ladipo Manyika (traduzione di Annarita Briganti).

    La protagonista principale, quella da cui si dipartono le vicende raccontate nel libro, si chiama Morayo Da Silva, una bellissima donna nigeriana di settantacinque anni che si è trasferita negli Stati Uniti a insegnare letteratura all’università. È stata sposata con un ambasciatore nigeriano, Caesar, che lei ha lasciato dopo aver scoperto che era unito in matrimonio contemporaneamente con un’altra donna. Molto spesso Morayo si perde nei ricordi a pensare ad Antonio, l’ambasciatore brasiliano, il suo amante che sapeva con tenerezza timida come toccarla, come farla sentire un’amante unica tra le sue braccia. Ha poi una Porsche che vezzeggia chiamandola Ranuncolo e che, a causa della perdita progressiva della vista, parcheggia sempre molto distante dal marciapiede, con il terrore poi di...

  • Tipo: Blog
    Mar, 28/04/2020 - 10:30

    La scrittura e l’abisso. “Anatomia di un profeta” di Demetrio PaolinPotremmo cominciare col dire che Anatomia di un profeta di Demetrio Paolin, edito da Voland (come il precedente Conforme alla gloria), non è un romanzo nel verso senso della parola. È molte cose insieme: racconto, saggio, riscrittura biblica, autobiografia, lacerto poetico, con un’attenzione particolare anche alla composizione grafica del testo, con alcune parole scritte e distribuite in diverso modo e con diversa grandezza (a raccontare l’approccio problematico di Paolin, quand’era un bambino, con i segni dell’alfabeto). Protagoniste, a parte le vicende bibliche, sono sempre le colline del Monferrato, territorio dove lo scrittore è nato e dove lui ritorna per rendere testimonianza ai fantasmi che popolano la sua vita.

    Geremia è il profeta di cui parla Paolin nel titolo del libro. Io non sono credente, anche se come tutti ho avuto un’educazione cattolica e ho frequentato la chiesa fino all’adolescenza. Ma non conoscevo la storia...

  • Tipo: Blog
    Mar, 24/03/2020 - 11:30

    Le zecche del Capitale. “L.O.V.E.” di Giancarlo Liviano D’ArcangeloIl romanzo di Giancarlo Liviano D’Arcangelo, L.O.V.E. (Libertà, Odio, Vendetta, Eternità), pubblicato da Il Saggiatore, palesa fin dall’esergo iniziale le sue origini “apocalittiche”. C’è un brano dell’ultima intervista che Pasolini concesse a Furio Colombo, il primo novembre 1975, a poche ore dal suo brutale assassinio. Il poeta parla del potere che univa nel suo abbraccio mefistofelico e omologante ricchi e poveri:

    «Il potere è un sistema di educazione che ci divide in soggiogati e soggiogatori. Un sistema educativo che ci forma tutti, dalle cosiddette classi dirigenti, giù fino ai poveri. Ecco perché tutti vogliono le stesse cose e si comportano allo stesso modo. Se ho tra le mani un consiglio d’amministrazione o una manovra di borsa uso quella. Altrimenti una spranga. E quando uso una spranga uso la mia violenza per ottenere ciò che voglio. Perché lo voglio?...

  • Tipo: Blog
    Gio, 27/02/2020 - 09:30

    Un cammino lungo e solitario per l’uguaglianza. “La strada” di Ann PetryI film visti durante l’infanzia, l’adolescenza hanno una forza rara e imprevista nella vita di una persona, soprattutto quando abbinano la felicità del racconto alla bellezza artistica. Alcune scene rimangono impresse nella memoria come se formassero un aspetto non trascurabile della vita. Ricordo, ad esempio, Lo specchio della vita, un film del maestro Douglas Sirk che raccontava, tra le altre cose, le vicende di una ragazza di carnagione bianca che aveva una madre di colore (nel cast figurava anche Lana Turner). C’è la scena in cui lei, la ragazza, viene lasciata dal ragazzo che ha scoperto il suo “segreto” e ha un moto di disgusto razzista per la giovane. La madre della ragazza dovrà tenere nascosto agli altri il loro legame di parentela, fino a quando la sua morte non metterà tutti davanti al terribile rimorso. Sirk, che tanto ha influenzato il cinema di Fassbinder, nella sua carriera negli Stati Uniti mise il dito sulle falsità ignobili del sogno americano: il...

  • Tipo: Blog
    Mer, 22/01/2020 - 09:30

    L’anno magico dei tifosi di ciclismo. “Cadrò, sognando di volare” di Fabio GenovesiNon è facile parlare del nuovo romanzo di Fabio Genovesi che s’intitola Cadrò, sognando di volare (un verso del poeta Alfonso Gatto), edito anche questa volta da Mondadori. Non è facile perché è ambientato nel 1998, il meraviglioso anno sportivo di Marco Pantani, uno dei protagonisti del romanzo, nel quale vinse sia il Giro sia il Tour (l’ultimo corridore a farlo).

    Io che sono tifoso di ciclismo debbo confessare la mia debolezza: Pantani è stato il corridore che ho amato di più (bella forza, qualcuno potrebbe dirmi). L’ho amato e lo amo ancora, quando rivedo, e non è infrequente, le sue imprese su YouTube, commentate dalla voce emozionata di Adriano De Zan, insieme a Davide Cassani. Pantani è diventato un mito non soltanto per le sue vittorie (neanche poi tante, visto che è sempre stato bersagliato dalla sfortuna, tra incidenti e gatti che attraversavano la strada, come scrive nel libro lo stesso Genovesi), ma perché sembrava arrivare direttamente dalle strade...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.