Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Tutti i contenuti di Federico Ottavis

  • Tipo: Blog
    Sab, 03/12/2016 - 12:30

    Paolo Sorrentino, the young pop?Da diversi anni, ogni opera di Paolo Sorrentino è un grandissimo esercizio di narcisismo. Non quello tutto votato alla propria arte del regista, ma quello ancora più compiaciuto del pubblico, dello spettatore. Ci piacciamo se amiamo follemente il cinema di Sorrentino: è lo sguardo innamorato di Narciso: che tanto ama il proprio, bellissimo, aspetto e ignora la ninfa Eco, restando solo con sé stesso. Nella grande raccolta di caratteri che a ogni film Sorrentino si diverte a raccontare, c'è sempre qualcosa di noi, tanto o poco che sia; sempre eccessivo, esagerato, ma affascinante. La ricerca di effetto ci meraviglia.

    Sorrentino possiede l'arte rara, perché difficilissima, di girare capolavori popolari: tutto nasce da forti contraddizioni (un Papa appena quarantenne, uno scrittore in crisi creativa), senza nascondere una certa ostentazione, anche stilistica. Il Vaticano è un osservatorio privilegiato e in cui nulla può mancare: le magagne del potente segretario di stato Voiello, le forze e le debolezze dei tanti cardinali...

  • Tipo: Blog
    Gio, 20/10/2016 - 11:32

    “L'Iguana” di Anna Maria Ortese, una vertiginosa confessioneL'Iguana che Anna Maria Ortese pubblicò nel 1965, e che oggi è ristampato da Adelphi, è la storia di una fuga. La fuga è quella di un giovane conte milanese, Aleandro, dalla realtà cittadina (ma lo è per caso, potendo essere campagnola, italiana, occidentale) e moderna, deturpata dai miracoli dell'industria. Aleandro si fa viaggiatore e giramondo una volta l'anno, per conto della madre, sempre alla ricerca di nuovi lidi che possano rinfrancare l'occhio dalla quotidianità cittadina. Gli intenti sono tutt'altro che nobili, perlopiù economici e individualistici, ma il viaggio di Aleandro si rivelerà presto tutt'altro che apatico e distaccato.

    La cultura è un vento che soffia da tante parti e anche l'educazione è una forma di cultura, spinge persino ad essere intelligenti. Aleandro è un giovane dotato di grandissima educazione. È l'educazione di chi riconosce nella natura, non solo quella di animali e piante, ma in quella umana soprattutto, la genuinità di chi non ha peccato, la dolcezza di chi sa ricambiare:...

  • Tipo: Blog
    Sab, 01/10/2016 - 11:30

    “Gaspar Ruiz”, quando Joseph Conrad raccontò il Sud AmericaNel mezzo della sua vita di scrittore, Joseph Conrad volse lo sguardo al Sud America e lì ambientò tre romanzi e novelle brevi: Nostromo, L'anarchico e Gaspar Ruiz (Edizioni Ripostes, traduzione di F. Di Mieri). Fino a quel momento gran parte delle sue storie avevano raccontato di paesaggi orientali, africani, inglesi o francesi. Nel dicembre 1902, o nel gennaio 1903, Conrad cominciò a scrivere un romanzo chiamato Nostromo, che lo impegnò per diciotto mesi: un romanzo enorme, poderoso, fatto di offese e incredibili gelosie. Conrad troverà “immaturo” quel romanzo, neanche lontanamente, compiuto fino alla perfezione. Per la prima volta dopo venticinque anni, Conrad tornava nell'emisfero occidentale, ma questo accadeva solo nella sua immaginazione.

    Conrad viaggiò infinitamente, fin da bambino. Toccò sì le coste venezuelane, ma poco più che adolescente. C'è chi raccontava per la sua fantasia, tutta dedita a quei luoghi, le meraviglie che il giovane Conrad ancora non poteva...

  • Tipo: Blog
    Sab, 13/08/2016 - 11:30

    Umberto Boccioni cent'anni dopo, un uomo del XX secoloUmberto Boccioni nacque a Reggio Calabria nel 1882, anche se in realtà di famiglia romagnola: il padre lavorava come prefetto e questo portava la famiglia a spostarsi molto. Da questi spostamenti Boccioni imparò tantissimo. Non solo di pittura. Quando nel 1907 si stabilisce a Milano, la città è in piena trasformazione. Qui conosce Filippo Tommaso Marinetti e i futuristi, che volevano rompere con tutto e far correre e velocizzare ogni cosa.

    In Italia c'è voglia di ricominciare: nel 1908 un terremoto distrusse Messina, radendola al suolo. A Milano, Boccioni dipinge un quadro dalle origini angoscianti, La città che sale. Lì un cavallo è già simbolo che travolge gli uomini in una marea altissima tra case in costruzione. È un momento di gradissimo entusiasmo. Boccioni continuava a viaggiare. Chiamava Parigi “il cervello del mondo” e la amava come nessun'altra città, forse al pari di Milano, tumultuosa e scioperaiola. Pensava che chi non fosse diretto a Parigi non dovesse essere nemmeno preso in considerazione. A Roma arrivò a un passo dal...

  • Tipo: Blog
    Mer, 20/07/2016 - 11:30

    “L'eterno marito”, il più puro DostoevskijEinaudi ha da poco ripubblicato un piccolo romanzo di Fëdor Dostoevskij, L'eterno marito (traduzione italiana di Clara Coïsson), al quale nulla si può imputare se non il fatto di essere troppo breve per quanto si propone di dirci, anche tra le righe, anche silenziosamente. L'eterno marito venne cinque anni dopo Delitto e castigo, nel 1871, quando Dostoevskij era però già un altro scrittore, slavofilo ed estremamente conservatore; aveva visitato l'Italia in autunno: Milano, Firenze.

    Tutto all'inizio del romanzo, nelle prime bellissime pagine, è opaco e incerto. Il protagonista, Vel'čaninov, un trentottenne ipocondriaco con aspetti da opera buffa, è un melanconico da manuale, con tutto ciò che questo può comportare. Ogni suo passo incede con una pesantezza e uno sforzo terribile, e così anche il romanzo.

     

    LEGGI ANCHE – Quali sono gli scrittori russi più importanti?

     

    ...
  • Tipo: Blog
    Mar, 14/06/2016 - 11:30

    “Getsemani” di Charles Péguy, nella notte più profonda di CristoDio ha toccato con Cristo il nostro mondo e lì lo ha lasciato ai suoi patimenti, alle sue paure abissali. Charles Péguy lo sapeva e ha scritto pagine intelligentissime e di grande naturalezza. Castelvecchi, a cui va fatto evidentemente un plauso, le ha riproposte in Getsemani (con la traduzione di Mario Bertin). Anche Péguy ha visto il vuoto profondo della morte: al fallimento, alla frustrazione, alla nevrastenia che lo consumava fino al meditato suicidio nel 1908 ha opposto la speranza della fede e del Vangelo. Ha ripreso in mano le pagine di Matteo, l'elaborazione di un lutto che si compie lentamente, ma che per la sua portata è già la nascita di una nuova vita. Un lutto pieno di sofferenze e timori.

    Per poter morire, nel Getsemani ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.