Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Tutti i contenuti di Ivonne Rossomando

  • Tipo: Blog
    Mar, 15/01/2019 - 11:30

    Fuga dal nazismo nell’Austria del 1939. “La lettera perduta” di Jillian CantorIl romanzo di Jillian Cantor, La lettera perduta, tradotto da Federica e Stefania Merano e pubblicato da Sperling & Kupfer, sembra una favola natalizia per il finale inaspettato e teneramente coinvolgente. In realtà rappresenta, pur con la sua narrazione distaccata, un momento storico tragico, legato all’invasione e successiva annessione dell’Austria alla Germania.

    I personaggi sono quelli tipici di un paesino: Grotsburg,con le sue abitudini e le emozioni di un mondo che volge inconsapevole al tramonto. Frederick Faber, noto incisore ebreo, vive con la moglie e le due figlie Elena, «che ricordava una stella alpina», e Miriam, «una farfallina linguacciuta»; completa la famiglia Kristoff, apprendista affascinato più dagli stufati della signora Faber che dall’arte di Frederick.

     

    ...
  • Tipo: Blog
    Mer, 12/12/2018 - 11:30

    Tre donne nel regno di Camelot. “Le nebbie di Avalon” di Marion Zimmer BradleyLa sagra di re Arthur e della tavola rotonda con i suoi mitici cavalieri è un classico intramontabile che ci ha sempre affascinati, fin da bambini.

    Innumerevoli i romanzi, i film, le storie raccontate sull’amoredi Lancillotto e la regina Ginevra, cui si è aggiunto relativamente da poco il romanzo Le nebbie di Avalon della scrittrice Marion Zimmer Bradley, scritto tra il 1979 e il 1982, ripubblicato in Italia da HarperCollins in due volume (il primo è già in libreria) nella traduzione di Flavio Santi.

    Ispirato al ciclo bretone di Chrétien de Troyes, la storia narrata dalla Bradley, con lo sfondo di Camelot ed Avalon, assume caratteristiche profondamente diverse rispetto all’originale, soprattutto per quello che riguarda i personaggi e l’ambientazione. La storia è narrata in terza persona da Morgaine, sacerdotessa, maga o strega di Avalon, a seconda dei punti di vista, personaggio tra i più discussi e avvincenti del mondo...

  • Tipo: Blog
    Mer, 07/11/2018 - 13:30

    Lorenzo il Magnifico, il fascino di una famiglia in un solo uomoLa storia della famiglia dei Medici ci ha sempre affascinato, dal 1400 ad oggi. Tanti scrittori si sono cimentati nella descrizione delle imprese medicee, da quelle compiute da Cosimo, il fondatore della potente casata, a quelle di Piero e soprattutto di Lorenzo, il magnifico, definito così per la sua potenza politica, per la dialettica, la capacità poetica e musicale e infine per l’indiscutibile fascino.

    Barbara Frale, storica del Medio Evo, che ha fornito la sua consulenza anche per la serie televisiva I Medici, attualmente in programmazione sul primo canale della Rai, si è impegnata – ne Il nome dei Medici. Il romanzo di Lorenzo il Magnifico (Newton Compton) – nella ricostruzione della politica e dei giochi di potere alla fine del XV secolo, rimanendo fedele alla realtà storica talvolta mescolata allinventiva poetica, in un libro ben costruito che affascina ma anche...

  • Tipo: Blog
    Mar, 09/10/2018 - 10:30

    Ecco a voi i “Veneti in controluce” di Ausilio BertoliAusilio Bertoli è uno scrittore e sociologo della comunicazione che in tutte le sue opere, da Amore altro a Rosso Africa, ha costantemente descritto quelle che sono le peculiarità dei suoi personaggi e della sua terra. Vicenza e tutto il Nordest ricco e opulento sono la “location” ideale dei suoi romanzi e dei suoi racconti. Anche nel suo ultimo lavoro, Veneti in controluce, un’antologia con diciotto racconti edita da Fernandel, sono fotografati personaggi ordinari, che si incontrano nelle strade ogni giorno, rappresentati con i loro pregi ed i loro difetti, con profondo spirito di osservazione tipico di Bertoli, ma anche di Goffredo Parise e di Giovanni Comisso. “Un mosaico sulla vita dei veneti”: i giovani che hanno imparato a rimuovere il passato e gli anziani, profondamente attaccati ad un mondo che sta scomparendo ed a cui sono legati con profonda nostalgia.

    L’intento del libro lo scopriamo in una delle poesie introduttive, quella di F. Bandini, La mia vita ha sapori lontani ma tutto cambia...

  • Tipo: Blog
    Ven, 20/07/2018 - 12:30

    Liberarsi dai propri orchi. “La bambina falena” di Luca BertolottiLa bambina falena (Fandango) è il romanzo di esordio di Luca Bertolotti, classe ‘77, operaio brianzolo del legno alla sua iniziazione letteraria. Un libro che mescola la vita quotidiana più semplice a intrighi polizieschi, per poi perdersi nel mondo fantastico che ricorda i fratelli Grimm. Il lettore si trova immerso in situazioni molteplici, tra storie con una diversa temporalità che s’intrecciano e solo alla fine si dipanano con chiarezza, mostrandoci la realtà e la crudeltà della vita.

    La protagonista della storia, Greta, è spuntata all’improvviso dal mare, bambina misteriosa di tre o quattro anni che ricorda solo il suo nome “Glete” e la sua mamma dai capelli biondi. Cominciano le ricerche, ma senza risultati, finché la bimba misteriosa viene accolta da una coppia di insegnanti, Alfredo e Vittoria, lui «vitale e brutto come un pesce siluro». Greta cresce, studia all’università che poi abbandona perché «non vuole insegnare D’Annunzio a una classe di futuri geometri"K. Sulla sua vita e sulla sua identità...

  • Tipo: Blog
    Mer, 06/06/2018 - 10:30

    Quei terribili segreti di famiglia. “All’inizio del settimo giorno” di Luc LangAll’inizio del settimo giorno di Luc Lang (Fazi, traduzione di Maurizio Ferrara) si apre con la rappresentazione tumultuosa della vita dei due protagonisti Thomas e Camille, «ognuno trascinato dall’ irrefrenabile corrente della sua vita professionale». Due personalità contrastanti, in perenne concorrenza, tra breve Corinne guadagnerà più di Thomas e lui diventerà «uomo di casa e padre di famiglia». Quel venerdì sera lui ha preparato la cena, un bellissimo anello di Boucheron e l’aspetta per parlarle della possibilità di avere un terzo figlio, arriva invece la chiamata della gendarmeria che gli comunica che Camille ha avuto un incidente ed è ricoverata in coma all’ospedale di Rouen. Thomas corre, la storia diventa un thriller che ci appassiona, ma è stemperato dalla descrizione naturale che Lang tanto ama: «la notte è luminosa, l’aria umida e mite, odora di fiori di erba bagnata».

    La vita si scardina per Thomas, per i suoi due figli Anton e Elsa, per Claire, la madre...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.