Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Le ultime dal blog...

  • Autore: Alberto Spinazzi
    Ven, 08/05/2020 - 10:30

    Il fantasma dell’uomo. “Spettri di frontiera” di Ambrose BiercePubblicare oggi una raccolta dei venti migliori racconti di Ambrose Bierce sotto il titolo Spettri di frontiera, sottintende da parte della casa editrice Adiaphora una decisione particolare. Si è scelto di valorizzare l’attività di uno scrittore, forse non da tutti conosciuto, che ha saputo coniugare narrativa gotica (nel senso ottocentesco del termine), giornalismo di cronaca e uno stile grottesco in modo talmente unico da farne un epigono di Poe e l’ispiratore di Lovecraft, senza contare i vari autori da Borges a Vonnegut che lo hanno voluto citare. Il curatore e traduttore, Matteo Zapparelli Olivetti, ha svolto un’operazione singolare, una scelta dei racconti migliori, presentandoli in maniera filologica con il testo originale a fronte. Se per la storia della letteratura, Bierce è uno degli iniziatori dello stile gotico-horror, a uno sguardo più attento appare come un autore ben più complesso.

    In Un saluto freddo (A cold greeting, 1888) si...

  • Autore: La Redazione
    Gio, 07/05/2020 - 12:30

    I 10 libri di narrativa italiana più venduti della settimanaVi presentiamo i 10 libri di narrativa italiana più venduti nella settimana dal 27 aprile al 3 maggio 2020.

     

    La classifica è proposta da iBuk e riprende i dati elaborati dal Servizio Classifiche di Arianna sulla base di 1.600 librerie aderenti e diffuse sull’intero territorio nazionale.

     

    Sul podio troviamo libri editi da Nord, Sellerio ed Einaudi. E/O è la casa editrice più presente in Top10 con quattro libri, seguita da Sellerio ed Einaudi con due titoli a testa. Tutti gli altri editori hanno un solo romanzo in classifica.

     

    10. Ah l'amore l'amore di Antonio Manzini (Sellerio)

    ...

  • Autore: Marcello Caccialanza
    Gio, 07/05/2020 - 10:30

    Un romanzo dalla struttura possente. “Il lato nord del cuore” di Dolores RedondoIl lato nord del cuore di Dolores Redondo, edito da DeA Planeta nella traduzione di Marcella Uberto-Bona, è l’intricata e intrigante vicenda di una giovane detective di Navarra, Amaia Salazar, che sa benissimo che una volta che si decide di combattere il crimine non si smette mai di imparare.

    La vicenda ha il suo inizio formale nel momento in cui la protagonista lascia la Spagna per sbarcare a Quantico, nel quartier generale dell’FBI. La sua decisione è stata frutto della spasmodica voglia di affinare le sue doti investigative.

    Tutto ciò si può dire che per l’eroina della Redondo rappresenta una sorta di riscatto morale e di privilegio lavorativo, in quanto gli Stati Uniti avevano sempre rappresentato per lei l’Eldorado della tecnica e della cultura poliziesca. Qui l’eroina di Dolores Redondo dovrà seguire un seminario riservato agli agenti dell’Europol –proprio come lei –, corso tenuto dall’agente speciale Aloisius...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Gio, 07/05/2020 - 10:30

    Scrittori da (ri)scoprire – Ignazio SiloneIgnazio Silone (Pescina, 1900 – Ginevra, 1978) è lo pseudonimo di Secondo Tranquilli, scrittore abruzzese tra i più trascurati dalla critica letteraria recente.

    Sopravvissuto ad appena quindici anni, insieme a un fratello, al terribile terremoto che nel 1915 colpisce la Marsica e distrugge la sua famiglia, inizia presto a frequentare le leghe dei contadini e verso la fine della Prima guerra mondiale si avvicina al socialismo. Nel 1921 è accanto ad Antonio Gramsci nel momento della scissione di Livorno, quando una parte dei socialisti, in dissenso sull’atteggiamento da tenere nei confronti del fascismo montante, fonda il Partito Comunista. Lavora per qualche tempo per alcuni quotidiani, ma nel 1923, dopo la presa del potere da parte di...

  • Autore: Dario D'Ubaldo
    Mer, 06/05/2020 - 11:56

    Struttura in letteratura, capirla e costruirla al meglioQuest’articolo nasce dall’esigenza di avere più struttura nelle pubblicazioni e, soprattutto, nelle traduzioni dell’editoria italiana. Andremo a vedere come interpretare, costruire e rendere elegante la macrostruttura di un romanzo nei suoi vari aspetti. Per farlo ci serviremo di Manifesto incerto di Frédéric Pajak, nella sua traduzione italiana a cura di Nicolò Petruzzella per L’Orma Editore.

    Partiamo dal problema: avete presente quando in un romanzo, per esempio, vi sembra di perdervi da capitolo a capitolo? I brani sono chiari, il lessico azzeccato e fascinoso e la profondità di senso appagante, ma è come se la trama non avesse un ritmo sostenuto. Eppure, magari, il ritmo ce l’ha e allora si dice “stranamente non mi ha preso” oppure “mi dimentico i nomi dei personaggi leggendo” o, ancora, “non capisco dove l’autore voglia andare a parare”. Spesso i suddetti sono sintomi di problemi strutturali di un’opera che si compone magari di ottimi elementi presi per sé, ma non riesce a organizzarli in un apparato di senso con...

  • Autore: Andrea Rényi
    Mer, 06/05/2020 - 10:30

    Le traduzioni invecchiano più dei testi originali. “Michael Kohlhaas” di Heinrich von KleistMichael Kohlhaas è una delle colonne portanti della letteratura tedesca ottocentesca di quello spirito geniale e irrequieto che fu Heinrich von Kleist, definito da Hermann Hesse «il massimo dei molti poeti atemporali tedeschi che sfuggono a qualsiasi inquadratura storica» e modello, fra gli altri, di Franz Kafka e Thomas Mann. In una conferenza tenuta al Politecnico di Zurigo nel 1954 quest'ultimo pronunciò le seguenti parole su Kleist: «Egli fu infatti uno dei più grandi, più arditi, più ambiziosi poeti di lingua tedesca, un drammaturgo senza eguali – anzi, senza eguali anche nella prosa, nell’arte narrativa – assolutamente unico, fuori di ogni ordine e tradizione, radicale nella dedizione ai suoi eccentrici soggetti fino alla pazzia, fino all’isterismo».

    Questo Kurzroman, ovvero romanzo breve, del 1810, si ispira a un fatto vero accaduto nel Cinquecento, e racconta di un...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.