Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le ultime dal blog...

  • Autore: Carmela Parisi
    Mar, 19/11/2019 - 11:30

    Un libro fatto di dolore e speranza. “Domani c’è ancora tempo” di Francesca Petroni«Portami a casa, fammi ascoltare la tua musica preferita, leggimi un libro oppure lascia la TV accesa. Non importa. Basta che mi tieni la mano finché non mi addormento. Prometto di non svegliarmi. Ma lei lo ha già fatto, un solco nero termina sulla punta metallica della penna quando la solleva. Il dolore è lo stesso di una freccia estratta di colpo dal mio petto.»

     

    Leggere Domani c’è ancora tempo, è un ottovolante di emozioni: dolore, gioia e amore scorrono tutte attraverso le pagine del nuovo romanzo di Francesca Petroni pubblicato da IoScrittore. Fin dalle prime righe ci troviamo catapultati nel mezzo di una discussione, a un punto di svolta nella vita del protagonista.

    Christian è un ventenne dagli splendidi occhi verdi che a causa di una caduta mentre si stava arrampicando su una montagna rimane paralizzato. Sotto l’insistenza del compagno Thomas, la madre del ragazzo...

  • Autore: Stefano Clerici
    Mar, 19/11/2019 - 11:30

    Storia di uno dei più grandi criminali americani. “The Irishman” di Charles BrandtIn occasione dell’uscita dell’omonimo film, con la regia di Martin Scorsese e un cast tra cui figurano Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci – incrollabili numi tutelari del gangster movie – Fazi Editore pubblica The Irishman (traduzione di Giuliano Bottali e Simonetta Levantini) di Charles Brandt, già procuratore e investigatore privato, diventato noto per aver interrogato criminali poco proclivi al dialogo e al racconto delle proprie vicende.

    Tra costoro si staglia un vero gigante («Avevo appena compiuto ventun anni ed ero alto un metro e ottantacinque. Quattro anni dopo, alla fine della guerra, fui congedato il giorno prima di compiere venticinque anni. Ero un metro e novanta, ero cresciuto di cinque centimetri», così racconterà in prima persona) della mafia statunitense, Frank Sheeran, detto l’Irlandese, intervistato più volte a partire dal 1991.

    Pur insospettito «...

  • Autore: Francesco Borrasso
    Mar, 19/11/2019 - 09:30

    Il viaggio come antidepressivo naturale. “L’iguana era a pezzi” di Giulio PedaniPuntata n. 96 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Sul piccolo treno sferragliante e instabile che mi porta verso il confine francese c’è Giorgio, uno di quei matti inoffensivi dall’energia debordante. Fa domande a getto continuo a chiunque passi. Lo sorveglia una donnina appassita, deviata lei stessa dal peso di un essere alienato e incontenibile. Giorgio blocca i passeggeri e chiede cose. Perché il finestrino è chiuso? Perché è così freddo? Perché il sedile è sporco? Perché hai tre borse? Giorgio ferma il controllore e gli inservienti simulando i gesti di un orango, usando le spalliere dei sedili, le maniglie mobili delle porte, gli abiti appesi come fossero la più riuscita approssimazione dei rami di una qualunque foresta di Sumatra. Ripete tutto quello che sente dire dal controllore, dagli inservienti, dai messaggi robotici degli altoparlanti.»

     ...

  • Autore: La Redazione
    Lun, 18/11/2019 - 13:30

    I 10 libri di saggistica più venduti della settimanaVi presentiamo i 10 libri di saggistica più venduti nella settimana dal 04 al 10 novembre 2019.

     

    La classifica è proposta da iBuk e riprende i dati elaborati dal Servizio Classifiche di Arianna sulla base di 1.600 librerie aderenti e diffuse sull’intero territorio nazionale.

     

    Il podio di questa settimana è occupato daCentro Ambrosiano, Piemme ed Einaudi. Mondadori è la casa editrice più presente in top 10 con due libri. Tutti gli altri editori hanno un solo saggio in classifica.

     

    10. La mattina dopo di Mario Calabresi (Mondadori)

    ...

  • Autore: Stella Grillo
    Lun, 18/11/2019 - 11:30

    Analisi di “Un amore” di Dino BuzzatiOggi vi proponiamo l'analisi di Un amore di Dino Buzzati, pubblicato per la prima volta nel 1963 da Mondadori. Un prodotto letterario che ha subito, ai tempi, aspre critiche e forti dubbi. Un’opera che si discosta interamente dallo scrittore conosciuto precedentemente grazie a uno stile rappresentativo della realtà attraverso il fantastico e lo psicologico: questo è ciò che avviene ne Il deserto dei Tartari. In Un amore, invece, Buzzati rappresenta la realtà attraverso i pensieri, i sentimenti e le sue fantasie erotiche.

    L’opera è ambientata nel 1960, protagonista è Antonio Dorigo, architetto di 49 anni, intellettuale e di buona famiglia, che è solito frequentare i salotti dediti ai piaceri carnali. Proprio qui, nel salotto della signora Ermelina, incontrerà Laide Anfossi, ballerina alla Scala, diventando suo cliente. L’uomo ricollega mentalmente la ragazza a una figura evanescente che vide molto tempo prima in una via di Milano, ma non solo: gli viene naturale abbinare Laide a una realtà popolaresca...

  • Autore: Dario D'Ubaldo
    Lun, 18/11/2019 - 11:30

    “Sale grosso” di Maria Moresco, come a un teatro di emozioniSale grosso di Maria Moresco è una raccolta di poesie edita da Nottetempo, la definirei un teatro di emozioni, vediamo perché.

    Le cinque sezioni della raccolta si articolano su temi differenti e risonanti in un continuum che sembra portarci dentro la vita e dentro l’anima dell’autrice.

    La prima sezione, Zona di non volo, segna una cesura con il mondano e l’insensibilità. È la zona dell’artista, della sensibilità elitaria che si scontra inevitabilmente con la durezza del mondo.

    L’ambiente claustrofobico senza alcuna prerogativa di sogno diventa luogo della diversità e della lotta. Moresco lo esprime benissimo in una nelle sue poesie che contiene un’anafora pregnante:

    Gettarsi così

    all’arma bianca

     

    In un...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.