In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Le ultime dal blog...

  • Autore: La Redazione
    Ven, 14/09/2018 - 12:30

    La bellissima lettera di Charlotte Brontë per la morte della sorellaNel 1848 Emily Brontë, già autrice di Cime tempestose, morì di tubercolosi all’età di trent’anni.

    All’epoca Charlotte Brontë aveva trentadue anni e aveva già dato alle stampe opere come Jane Eyre, e nel giro di qualche mese aveva assistito alla morte del fratello Branwell e a quella di Emily.

     

    Qualche giorno dopo la morte della sorella, Charlotte scrisse, nel giorno di Natale del 1848, al suo editore per ringraziarlo della lettera che aveva poco prima ricevuto da lui.

     

    La risposta di Charlotte Brontë ci offre un quadro della situazione a casa dopo la morte di Emily, della sofferenza del padre e della sorella Anna e di come spettasse a lei fare forza a tutti per riuscire ad andare avanti nonostante il dolore.

     

    Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing...

  • Autore: Gaël Pernettaz
    Ven, 14/09/2018 - 12:30

    Il cinico che sconvolse l’Olanda. “Le sere” di Gerard ReveIl primo pensiero che si ha leggendo Le sere di Gerard Reve, è “questo mi ricorda tanto” seguito dal nome di uno scrittore celebre. Lo stesso è il secondo pensiero; lo stesso il terzo. Fra le pagine di questo romanzo si celano infatti molteplici anime: Marcel Proust, nell’ossessiva concentrazione sui dialoghi e i pensieri del protagonista, Zola per il focus sulla quotidianità delle classi meno agiate, Céline e Miller per la spregiudicatezza con cui la realtà viene percepita, o Flaubert, perché come Madame Bovary, questo è un “romanzo sul nulla”.

    Non bisogna ingannarsi però, quanto si ha fra le mani è un unicum della letteratura mondiale, che, come le grandi opere, richiama tutto per poi non assomigliare a nulla. Bene lo avevano capito gli olandesi, che sin dalla sua prima uscita nel 1947 ne hanno colto la deflagrante novità, accogliendo il libro chi polemicamente, chi come rivoluzionario. Oggi (il libro è uscito il 27 giugno scorso nella traduzione di Fulvio Ferrari), grazie a Iperborea, anche il...

  • Autore: Claudia Castoldi
    Ven, 14/09/2018 - 10:30

    Come sfuggire alla futilità del quotidiano. “Se mi guardo da fuori” di Teresa RighettiIl 4 settembre una giovane scrittrice, Teresa Righetti, ha esordito in libreria con il suo primo romanzo, Se mi guardo da fuori, pubblicato da DeA Planeta Libri. Quanto si sa della Righetti è poco; la scarna biografia del retrocopertina dice solo: «vive a Milano, ha una laurea in Lettere e una discreta esperienza come cameriera». Una ragazza normale dunque, proprio come la protagonista del suo primo libro, Serena: anche lei studentessa di Lettere presso la Statale di Milano, anche lei milanese, anche lei alle prese con un lavoro di cameriera per l'estate. Il rispecchiamento della scrittrice nel suo personaggio non si nota però solo attraverso queste coincidenze biografiche fra la vita reale della Righetti e quella, "di carta", di Serena, ma pure attraverso altre scelte di stile. Tra queste, la scrittura in prima persona e il titolo: quel ...

  • Autore: Maria Cianciaruso
    Ven, 14/09/2018 - 10:30

    Quelle donne disposte a tutto per i figli. “Notturno salentino” di Federica De PaolisNotturno salentino è il romanzo edito da Mondadori e scritto da Federica De Paolis che narra le vicende di una famiglia come tante, persone comuni che si ritrovano a fronteggiare un destino avverso e beffardo. Lo sfondo di queste pagine è il Salento, una terra arida e nello stesso tempo unica. Il territorio salentino porta con sé o forse è meglio dire racchiude un carico di bellezze autentiche, senza tempo, miste a quell’aria surreale, sospesa tra magia e stregonerie, tra realtà e fantasia. Tutto ciò che è stato, ogni evento che è passato da queste pietre, prima o poi riemergerà, come riemerge l’acqua, perché tutto può essere scoperto e da quel momento la vita cessa di essere quella di prima. Notturno salentino è soprattutto questo, è un inno a un luogo che di notte si trasforma, diventando altro, dal sole alla luna, un passaggio obbligatorio, che si riflette nell’animo umano, trasformando il modo di vedere la realtà, travisandola o...

  • Autore: Cinzia Prestianni
    Gio, 13/09/2018 - 12:30

    Tomas Tranströmer, ovvero un Premio Nobel scopre la letturaI ricordi mi guardano di Tomas Tranströmer è il viaggio autobiografico di uno dei poeti svedesi moderni più riconosciuti dalla critica internazionale. Nel 2011, anno del conferimento del Nobel per la Letteratura, Iperborea pubblica queste pagine – la cui prima edizione è datata 1993 con il titolo originale Minnena ser mig – tradotte da Enrico Tiozzo.

    In relazione aperta con il mondo, gli affetti, le esperienze sin da bambino, il poeta svedese diventa scrittore di una vita: quella che dalle prime battute del libro sottolinea essere «La mia vita», presentata nel suo lungo evolvere in una sintesi perfetta di immagini condensate.

    «Quando penso a queste parole mi vedo davanti una scia di luce. Guardando più da vicino, la scia di luce ha la forma di una cometa, con una testa e una coda. L’estremità più luminosa, la testa, è l’infanzia e l’adolescenza. Il nucleo, la parte più densa, sono quei primissimi anni in cui vengono definiti i...

  • Autore: Maria Cianciaruso
    Gio, 13/09/2018 - 12:30

    Alla scoperta delle case dei più importanti compositori della storiaLe case della musica è il singolare libro scritto da Piero De Martini e pubblicato da Il Saggiatore. Ma cosa sono le case della musica? Sono le abitazioni che i più grandi compositori della storia hanno abitato, all’interno delle quali hanno scritto e regalato per sempre alla storia note vibranti di suoni melodiosi che, col passare del tempo, sono diventati capolavori assoluti.

    Ci vuole passione per affrontare un viaggio del genere, è necessario avere un grande amore per l’arte e per il suono, occorre portare la macchina fotografica, per immortalare ogni singolo dettaglio, qualsiasi particolare in grado di offrire uno spunto in più, che fa da cornice al confine sottile tra storia e fantasia.

    Per percorrere e vivere quelle stanze c’è bisogno di un filo conduttore, perché senza di esso non è facile continuare tra spartiti e relazioni d’amore. Nel libro di Piero De Martini, quel continuum è dato da Bach...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.