14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le ultime dal blog...

  • Autore: Linda Mazzeo
    Sab, 13/01/2018 - 11:30

    Una donna divisa tra la maternità e i suoi sogni “Un romanzo inglese” di Stephanie HochetCi sono libri che finiti di leggerli lasciano perplessi e con una serie d’interrogativi sui quali riflettere. Questo è ciò che si prova terminata la lettura di Un romanzo inglese, di Stéphanie Hochet (traduzione di Roberto Lana, Edizioni Voland), un romanzo nel quale l’autrice francese affronta temi essenziali,dalruolo della donna nella società del primo Novecento, al rapporto genitori/figli, all’educazione.

    Protagonista è Anna Whig, una traduttrice di libri che dopo la nascita del figlio ha messo da parte la propria occupazione e vorrebbe riprenderla. Anna cerca quindi un’istitutrice che si occupi del bambino, di «Jack il miracoloso. Arrivato dopo tanti anni di attesa e di angoscia».

    Lo scenario che fa da sfondo è l’Inghilterra dei primi anni del Novecento, impegnata nel primo conflitto mondiale. È un mondo in piena mutazione,che vive il...

  • Autore: La Redazione
    Sab, 13/01/2018 - 09:30

    13 artisti e le foto dei loro studiGli studi sono per gli artisti il luogo in cui la loro creatività prende vita e le loro opere giungono a compimento. È dunque facile immaginare quanto il proprio studio sia importante per un artista. Che siano ordinati o il regno del caos gli studi degli artisti offrono anche un’immagine della loro personalità e non manca chi ha voluto vedere un legame tra le opere realizzate e i luoghi in cui hanno preso vita.

     

    È difficile comunque stabilire una relazione tra gli studi degli artisti e le loro creazioni, o meglio è ipotizzabile che gli artisti abbiano scelto degli studi funzionali al tipo di opere che intendevano produrre ma non si può affermare con certezza che gli studi abbiano influenzato la loro creazione artistica.

     

    Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

     

    Al di là di quest’aspetto però, grazie a BuzzFeed, vi mostriamo le foto di 13 studi d’artista...

  • Autore: Gaël Pernettaz
    Ven, 12/01/2018 - 12:30

    La normalità e il suo contrario. “Confessioni di uno zero” di Giovanni Di IacovoCantava Venditti: «Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano». Così, dopo sette lunghi anni dalla pubblicazione di Tutti i poveri devono morire le traiettorie artistiche di Giovanni di Iacovo e della casa editrice Castelvecchi si intersecano nuovamente, dando vita a Confessioni di uno zero.

    Vienna è una ragazza normale, con un lavoro stabile come segretaria nelle Officine Colantonio (la ditta di famiglia), un fidanzato amorevole e di successo, sindaco di una piccola cittadina dell’Abruzzo, e una famiglia che la ama e farebbe di tutto per vederla felice. Per tale ragione tutti le sono vicini, ora che, uscita dal coma, non ricorda nulla della sua vita prima dell’incidente, come d’altronde non ricorda neppure l’incidente stesso. Così il fidanzato Pietro e la madre Laura, donna che sin dalle prime righe appare calcolatrice e spregiudicata, si impegnano a...

  • Autore: La Redazione
    Ven, 12/01/2018 - 11:43

    Scritti antisemiti di Céline, bloccata la pubblicazioneGli scritti antisemiti di Céline tornano al centro di una vasta polemica che parte proprio dalla Francia, dove l’editore Gallimard aveva deciso di riunire l’intero corpus in un unico volume con l’intento di riprendere l’edizione canadese curata da Régis Tettamanzi.

    La discussione appare simile a quella suscitata due anni fa dall’uscita nelle sale francesi del film Louis-Ferdinand Céline. Deux clowns pour une catastrophe (Louis-Ferdinand Céline. Due clown per una catastrofe). All’epoca per difendersi dalle varie accuse, il regista Emmanuel Bourdieu, che aveva lavorato al film a partire dalla sceneggiatura di Marcia Romano, aveva dichiarato:

    «Questa coesistenza è ciò che affascina, disturba e causa problemi a tutti. Noi conosciamo la sua singolarità come scrittore che ha completamente rivoluzionato il romanzo del tempo e lo ha fatto da solo. Allo stesso tempo è caduto in questa strana ed estrema violenza. Contrariamente al suo genio, è...

  • Autore: Barbara Scalco
    Ven, 12/01/2018 - 11:30

    Cosa accade quando tua figlia decide di cambiare sesso? “La madre di Eva” di Silvia FerreriQuella che Silvia Ferreri racconta attraverso il suo primo romanzo: La madre di Eva, edito da Neo. Edizioni, è la storia di un senso di colpa: il lungo viaggio che accompagna la madre di una giovane donna che ha deciso di cambiare sesso.

    È tutto già accaduto. Eva si trova rinchiusa fra le mura di una clinica serba e sta affrontando l’operazione definitiva, l’ultimo passo di un lungo percorso che la condurrà a un nuovo battesimo, quello come Alessandro.

    Ma non è Eva la protagonista del romanzo, quanto la madre e soprattutto il suo dolore.

    Un dolore che viene narrato attraverso la forma di un dialogo senza risposta, un monologo in cui il destinatario diventa lo stesso lettore, chiamato in causa come una sorta di giudice che sarà forse in grado di definire se le scelte di Eva siano giuste o sbagliate e quanti errori abbia invece commesso la madre...

  • Autore: La Redazione
    Ven, 12/01/2018 - 10:30

    Sylvia Plath e le sue opere d’arteOltre alle sue poesie, Sylvia Plath ci ha lasciato anche un’ampia quantità di diari e lettere. E proprio in una di queste, inviata a Ted Hughes, parlando del suo impegno nelle arti visive scrive:

    «Disegnare mi dà un tale senso di pace; più delle preghiere, delle passeggiate, di qualsiasi altra cosa. […] Posso perdermi completamente nella linea di un disegno».

     

    E proprio a questo è dedicata One Life: Sylvia Plath, la prima mostra incentrata sulla vita della poetessa in un museo di storia e arte, presso la National Portrait Gallery dello Smithsonian. La mostra rivela come Plath abbia modellato la sua identità non solo come scrittrice e poetessa ma anche come autrice di opere d’arte visiva.

     

    Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

    ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.