Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le ultime dal blog...

  • Autore: Marcello Marinisi
    Gio, 11/03/2010 - 08:30


    Stiamo per giungere alla conclusione di questo nostro viaggio attraverso le tecniche di promozione del nostro romanzo, siamo davvero alle battute finali. Una carrellata rapida che ha permesso, spero, di chiarire alcuni aspetti dei tanti che intervengono nella progettazione di una campagna di comunicazione adeguata.


    Oggi incominceremo a parlare del variegato mondo dei social media, cioè di tutti quegli strumenti nati sulla Rete e che hanno segnato la nascita di quello che è noto come web 2.0.


    Uno dei primi aspetti da prendere in esame riguarda il perché della crescente necessità di scegliere questa via per la promozione del nostro romanzo, piuttosto che gli strumenti classici della pubblicità. La ragione è molto semplice...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 10/03/2010 - 18:27
    Sul+Romanzo_+numero+3.jpg

    Di Morgan Palmas



    Alcune parti di questa terza parte:


    “I viaggi sono quelli per mare con le navi, non coi treni. L’orizzonte dev’essere vuoto e deve staccare il cielo dall’acqua. Ci dev’essere niente intorno e sopra deve pesare l’immenso, allora è viaggio”.


    “Uno di noi si buttava a correre per scappare da un terremoto, da un bombardamento. Correre senza essere inseguiti era bollire l’acqua senza avere la pasta. Ci passarono davanti concentrati nei loro movimenti, sbuffando controvento”.


    E ancora:


    “Era rientrato in licenza appena in tempo per trovarsi in borghese nel giorno di armistizio...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 10/03/2010 - 01:19
    Sul+Romanzo_concentrarsi.jpg

    Di Morgan Palmas



    C’è chi dice che la letteratura lo ha salvato; c’è chi sostiene che si soffre scrivendo e c’è chi, al contrario, ama porre parole nero su bianco quando è gioioso; c’è chi scrive per urgenza; c’è chi abbraccia la scrittura quando bisogna dimenticare qualcosa, per distrarsi.


    Ognuno ha motivi validi per spiegare perché scrive.


    Considerazioni, credenze e sensazioni accompagnano le parole di colui che scrive. Malgrado ciò la direzione che si intraprende incide sull’equilibrio interiore. Se in alcuni casi la scrittura aiuta, divenendo terapeutica, in altri casi, essa annienta la volontà, circonda ogni singola azione sperata e prevista di un’aurea di torpore, un torpore che porta all’indecisione nella vita.
    ...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mar, 09/03/2010 - 10:52

    "La virtù ricercata più di tutte è il conformismo. La fiducia in se stessi è il suo opposto. Il conformismo non ama le realtà e i creatori, ma i nomi e le tradizioni".
    Ralph Waldo Emerson


    La redazione di Sul Romanzo vi augura
    buona lettura!
    http://issuu.com/sulromanzo/docs/sulromanzo-anno1-numero0-marzo2010








    covermarzo2010.png
  • di Annalisa Castronovo

    Nello scorso articolo il discorso sulla punteggiatura è rimasto in sospeso, così lo riprenderemo proprio dai puntini di sospensione /.../. Metterò le mani avanti chiarendo una volta per tutte che essi vanno usati tre per volta e non a due a due o a quattro a quattro o più. Stanno a rappresentare una sospensione – per l'appunto –, un'incertezza, un'esitazione. Nella lettura indicano una pausa più breve del punto e spesso vengono utilizzati per riprodurre le pause tipiche del parlato laddove la virgola sarebbe inappropriata in quanto sminuzzerebbe in modo insensato il significato complessivo di una o più frasi. Tale funzione, però, non può certo diventare né il viatico né la scusa per costellare di puntini qualsiasi discorso o brano. A questo proposito non sarò graffiante tanto quanto lo è Umberto Eco nel Secondo diario minimo né divertente quanto Beppe Severgnini in uno dei suoi articoli che condivido e vi invito a leggere, ma mi limiterò a illustrare l'uso corretto di tali puntini. Come ho voluto chiarire altrove: «Il loro significato è diverso da quello della virgola, al posto della quale – purtroppo – appaiono spesso; indicano, invece, un...

  • Autore: Morgan Palmas
    Lun, 08/03/2010 - 16:48
    Sul+Romanzo_il+male.jpg

    Di Morgan Palmas



    Ho partecipato sabato e ieri a un incontro stimolante: “Male e letteratura”. Andrea Ponso (moderatore), Demetrio Paolin, Emanuele Tonon, Giuseppe Genna, Giorgio Vasta e Adone Brandalise hanno proposto la loro visione di “male e letteratura”.


    In un presente che ci soffoca, quasi ci addormenta, che ci aiuta il più delle volte a non pensare, come poter relazionarsi al presente e al futuro senza riflettere sul senso del male e sulla letteratura?
    Relatori assai diversi fra loro, quelli che ho ascoltato, eppure alcune prospettive sono comuni. 


    In breve, con una...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.