Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le ultime dal blog...

  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 04/02/2011 - 12:47

    PPP e l'omologazione

    Le ultime dal blog...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 04/02/2011 - 12:26

    Da “Storia del Novecento italiano” di Simona Colarizi

     

    I risultati dell’inchiesta parlamentare sulla miseria, presentati nel 1953, offrono un’immagine del paese veramente deprimente: le famiglie italiane classificate come misere, a bassissimo tenore di vita, sono l’11%; quelle in condizioni di povertà, a basso tenore di vita, sono l’11,6%; il 65,7% conduce un’esistenza definita modesta e solo l’11% viene considerato agiato. Il 24% della popolazione abita in locali sovraffollati, in situazioni antigieniche e di promiscuità; il 7% delle famiglie non consuma mai né carne, né zucchero, né vino. Naturalmente a determinare un bilancio così drammatico è soprattutto l’Italia agraria delle zone più depresse del Sud, ma anche del Nord – il Polesine, ad esempio, che con l’alluvione del 1951 scopre di fronte all’opinione pubblica le sue antiche miserie; il triste primato dei poveri va però come sempre alle regioni meridionali. In Puglia la disoccupazione tra i contadini tocca punte del 50%; in Calabria e in Basilicata oscilla tra il 32 e il 37%. La condizione di agricoltori poveri o disagiati è attribuita al 50% dei coltivatori diretti del Sud – contro il 6% del Nord – e al 78% dei mezzadri e dei coloni – contro il 7% del Nord e il 14% del Centro.

    Nel 1949 Giovanni Russo, brillante giornalista de “Il Mondo”, il cenacolo dell’intellighentia laica progressista, accompagna...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Ven, 04/02/2011 - 11:40

    Le baiser de l’Hotel de VilleChiunque sia stato almeno una volta nella vita a Parigi non può non aver visto, esposte un po’ ovunque fra le cartoline offerte ai turisti, le riproduzioni dell’immagine in bianco e nero di due innamorati, abbigliati secondo la moda del secondo dopoguerra, che si baciano appassionatamente sullo sfondo del Municipio parigino.

    Questa fotografia, scattata nel 1950 e intitolata appunto “Le baiser de l’Hotel de Ville”, ha reso celebre in tutto il mondo Robert Doisneau, fotografo francese (Gentilly, 1912 – Montrogue, 1994) nato e vissuto nei sobborghi della capitale, di cui ci ha lasciato immagini indimenticabili.

    Dopo aver lavorato per alcuni anni come litografo, Doisneau inizia a occuparsi di fotografia a partire del 1939, quando viene assunto come fotografo industriale presso le officine della Renault.

    Viene però presto richiamato alle armi dallo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, a cui segue la sua partecipazione alla Resistenza: nell’estate del 1944 è tra coloro che documentano con l’inseparabile macchina fotografica la liberazione di Parigi ad opera degli Alleati, due mesi dopo lo sbarco in Normandia.

    Terminata la...

  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 04/02/2011 - 11:17

    Emorroissa n.f. [pl. -e] donna soggetta a flussi anormali di sangue; oggi si usa solo per indicare la donna che, secondo il racconto evangelico, guarì toccando la veste di Gesù

    Dal lat. tardo haemorrhoissa(m), per errata lettura del gr. haimorrôusa, part. pres. f. di haimorroêin ‘perdere sangue’.

  • Autore: Alberto Carollo
    Ven, 04/02/2011 - 11:14

    “Plettri nelle mani di Dio” di Andrea Barghi, Maurizio GrassoImprovvisi a quattro mani sul tema The Beatles

    (Tabula Fati, 2010, pp. 168, € 12,00)

     

    Un altro libro sui Fab Four? E perché no? È pur vero che sui Beatles sono stati versati fiumi d'inchiostro, ch'è stato detto tutto e il contrario di tutto – e non sempre con la necessaria prudenza e cognizione di causa – ma questa recente pubblicazione di Grasso e Barghi ha degli indubbi pregi per i quali mi sento di consigliarne caldamente la lettura.

     

    «La componente fondamentale dell'arte dei Beatles è stata la loro straordinaria umanità.» La premessa è già il faro che ci guida in questa ricognizione degli autori su uno dei maggiori fenomeni del XX secolo. Importante sottolineare quanto John, Paul, George e Ringo fossero degli amici, quanto l'amicizia fosse per loro un valore supremo. I Beatles condividevano gioie e dolori e basterebbe recuperare molte delle affermazioni dei tecnici sparse in vari documenti per renderci conto della particolare alchimia che si creava quando il quartetto...

  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 03/02/2011 - 09:41

    Serena Dandini intervista José Saramago

    Le ultime dal blog...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.