Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le ultime dal blog...

  • Autore: Paola Paoletti
    Lun, 07/06/2010 - 08:01
    Sul+Romanzo_il+fantasma+dell%27Opera.jpg

    Di Paola Paoletti

    Gaston Leroux e Il fantasma dell'Opera





    Abbiamo visto, la volta precedente, come Gaston Leroux ne “Il fantasma dell'Opera” ci faccia entrare nella gigantesca architettura di un incubo, dove lentamente ci fa immergere in una rappresentazione di simboli e di archetipi fino a che un’ombra che è passione d'amore e di morte ci accoglie.

    Leroux ci guida con le parole attraverso gli ambienti del teatro dell'opera di Parigi dove Erik, l’uomo dal volto di teschio, frutto dell'oscurità, ne orchestra tutte le strutture e gli spazi. Egli, un fantasma mortale, imprigiona, isola la sua amata, Christine Daaé, ma anche il suo rivale, Raoul, per mezzo delle botole, dell’acqua stagnante, della polvere, dei topi e della sua dimora funebre.

    ...
  • Autore: Stefano Verziaggi
    Ven, 04/06/2010 - 15:42
    Sul+Romanzo_paura.jpg

    Di Morgan Palmas (portavoce occasionale dei prof. Ruele e Verziaggi)



    Il 20 giugno 2010 Sul Romanzo uscirà dal mondo online per cimentarsi in una collaborazione con il Piccolo Festival della Letteratura di Bassano del Grappa (VI). Durante il pomeriggio proveremo a ragionare assieme su due tematiche decisamente ampie, ossia il male e la paura, all’interno dei romanzi di XY e ZW (presto saranno rivelati…). 


    Per festeggiare degnamente l’evento, abbiamo pensato di lanciare un’iniziativa: la scuola di paura
    Attraverso un impegno minimo e, si spera, parecchio divertimento, arriveremo a riflettere sulle tematiche proposte in anticipo rispetto al Festival, in modo da trovarci preparati. Naturalmente, per chi non...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 04/06/2010 - 14:51
    Sul+Romanzo_stop.jpg

    Di Morgan Palmas



    Per questioni personali sento spesso la seguente frase: «Quando finisco di lavorare e sistemo le cose a casa, devo staccare la testa”. 
    Staccare la testa significa non pensare ad altro che a se stessi, a rilassarsi, a non curarsi di ciò che sta fuori dalla porta di casa. È una frase che non mi convince e continua a non convincermi. La rispetto, tento di capirla, ma non la condivido.
    Per motivi che proveranno a riprendere alcune tematiche dei due precedenti post. 


    L’esigenza primaria di ognuno è dotarsi di un presente che possa incontrare i desideri, i diversi desideri di vita, siano essi economici o di qualsiasi altra forma. L’obiettivo è un lavoro che possa permettere tale incontro. Una parte o una gran parte della giornata ruota attorno all’attività...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 04/06/2010 - 11:14
    Sul+Romanzo_numero+due.jpg

    Di Morgan Palmas



    La festa della Repubblica ha posticipato un paio di giorni il secondo step di questa iniziativa. 


    Non so voi, io sto entrando nel libro, lo sto capendo. Ogawa utilizza alcune tecniche ammirevoli per delineare il rapporto fra l’anziano e il ragazzino, fra il datore di lavoro e la governante. Riti e parole che si ripetono per andare oltre il blocco degli ottanta minuti di memoria, salti nel tempo che confondono e rendono talvolta ironico l’evolversi delle vicende. Un’ironia sottile, fra le righe. 


    Sarà la mia passione per la matematica, sarà che la logica delle strutture mi affascina, il romanzo si presenta soddisfacendo alcuni miei gusti che ritengo fondamentali in un testo di narrativa.
    I numeri non...
  • Autore: Debora Vagnoni
    Ven, 04/06/2010 - 09:24
    Sul+Romanzo_Il+silenzio+della+musa_+Paul

    Di Debora Vagnoni

    "Il silenzio della musa" di Paula Vene Smith (traduzione di Annamaria Biavasco e Valentina Guani, ediz. Longanesi)





    La vicenda inizia tutta da un ritorno, carico di aspettative ed emozioni. Tra squarci di cielo grigio e file di taxi, Freya (questo il nome del primo personaggio femminile a comparire sulla scena) torna a Londra dopo cinque anni, nel maggio 2005. Ha con sé i tanti progetti per la gioia di tornare in un luogo amato: visitare la mostra su Caravaggio alla National Gallery, dare un’occhiata ad una rara collezione di dipinti fiamminghi con la prospettiva di avere tanto tempo a disposizione tutto per sé; ancora non sa che il suo soggiorno a Londra verrà completamente assorbito da una vicenda ben più avvincente e segreta, di cui lei sola si farà l’unica decrittatrice. Già dalla prima pagina il motivo del viaggio e del cambiamento si...
  • Autore: Chiara Dell'Acqua
    Ven, 04/06/2010 - 09:07
    Sul+Romanzo_Accanto+alla+tigre_Pavolini.

    Di Chiara Dell'Acqua

    Pavolini e il fascismo, "Accanto alla tigre" come testimonianza singolare





    Chi cavalca la tigre, non potrà più scendere, dice un antico proverbio indiano.
    Lo scrittore Romano Bilenchi, in Amici, riporta le parole dell’amico Alessandro Pavolini, gerarca fascista: «Tu non hai mai chiesto niente al regime […] e puoi avere cambiato anche idea. Io sono salito sulla tigre e non posso scenderne». Un felino, dunque, il più grande e il più temibile, diviene l’allegoria di un regime e Julius Evola intitolerà il suo “manuale di sopravvivenza”, pubblicato da Vanni Scheiwiller nel 1961, Cavalcare la tigre.
    Per il nipote di Alessandro, Lorenzo Pavolini, invece, la tigre coincide con “La tigre di Tracy” dello scrittore americano William Saroyan, una coperta di Linus, «un animale amico, l’orso...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.