Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le ultime dal blog...

  • Autore: Michele Ruele
    Lun, 09/08/2010 - 07:45
    Sul+Romanzo_Barosso.jpg

     Di Michele Ruele



    Giampaolo Barosso (1937 - ) ha sceneggiato le storie di “Topolino” dall’inizio degli anni Sessanta alla metà degli anni Settanta.
    Tra il surreale e l’anarchico, quelle con le battute più sorprendenti. Sono storie che sanno di tempo, oggi che invece anche il fumetto Disney si gioca nel presente immediato.
    In collaborazione con il fratello Abramo, è il modellatore di molto immaginario di una generazione di lettori di Topolino: quindici anni di attività coprono l'infanzia di una popolazione numerosa, quella del baby boom degli anni Sessanta.
    Una carriera come poeta visuale, anche; e poi il rifugio nella campagna umbra, in un posto che si chiama Vocabolo.
    Nel 1977 ha pubblicato per Rizzoli un introvabile (editori, dove siete???) Dizionarietto (illustrato) della...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 06/08/2010 - 00:07

    Poesia tratta dalla raccolta "Ossi di Seppia" 1920-1927 del poeta premio Nobel per la Letteratura del 1975

    Le ultime dal blog...
  • Autore: Claudia Verardi
    Ven, 06/08/2010 - 00:03
    Sul+Romanzo_I+terribili+segreti+di+Maxwe

    Di Claudia Verardi

    L'ultimo romanzo di Jonathan Coe, "I segreti di Maxwell Sim"





    Jim, protagonista de I terribili segreti di Maxwell Jim è quel che si dice uno sfigato: i suoi rapporti con gli altri sono tragici, divorzia dopo anni di matrimonio e, come se non bastasse, ha un sacco di problemi al lavoro. Se questo è il quadro generale della tua vita, quando ti propongono di lavorare come rappresentante per una nuova marca di spazzolini da denti, non ti poni problemi e parti per le isole Shetland senza batter ciglio. E, infatti, da questo momento in poi la vita di Jim diventerà un errare rocambolesco che, anche se non farà di lui un vincitore, almeno gli insegnerà come si sta al mondo. Scusate se è poco. 


    Il nuovo libro di Jonathan Coe (tra i suoi romanzi più famosi,...
  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 05/08/2010 - 09:53

    Georges Bataille

    Le ultime dal blog...
  • Autore: Giovanni Turi
    Gio, 05/08/2010 - 09:41
    Sul+Romanzo_carlo+levi.gif

    Di Giovanni Turi

    Dissonanze tra “Cristo si è fermato a Eboli” e “Il carcere”





    Sia Cesare Pavese, sia Carlo Levi hanno subito sotto la dittatura fascista la condanna al confino, traducendo poi, come loro consuetudine, l’esperienza, le emozioni e le riflessioni che ne sono scaturite in narrazione; hanno però adottato una diversa prospettiva, sintomatica delle loro distinte personalità. Levi in Cristo si è fermato a Eboli rende conto, con partecipe attenzione, della miseria e della sudditanza in cui vessano i contadini, lucani e non solo; Pavese nel Carcere non distoglie lo sguardo da se stesso, dalla solitudine che alligna in ogni uomo e di cui l’esilio non è che una tangibile metafora.


    Carlo Levi (1902-1975) fu un antifascista convinto, come tra l’altro dimostra l’adesione alle istanze di “Giustizia e Libertà”, che gli valse l’arresto...
  • Autore: Paola Paoletti
    Gio, 05/08/2010 - 09:04
    Sul+Romanzo_mummia.jpg

    Di Paola Paoletti

    Il mito della mummia nel tempo





    La volta precedente abbiamo visto come il tema della sepoltura del vivo, causata da un'antica colpa, sia un argomento immancabile nei romanzi che rappresentano il mito della mummia. Bram Stoker nel suo “Il Gioiello delle Sette Stelle” dà corpo a questo leitmotiv con una certa originalità, anche se il personaggio della regina Tera, la mummia, non risulta adeguatamente approfondito. Infatti, se nei primi capitoli lo sentiamo come un personaggio fecondo di sviluppi, nella seconda parte del romanzo comincia a deluderci dato che le sue potenzialità vengono man mano soffocate.


    Comunque, nonostante i limiti narrativi, la regina Tera resta una figura affascinante per la sua ambivalenza e per la sua capacità di...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.