Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Le ultime dal blog...

  • Autore: Morgan Palmas
    Lun, 17/01/2011 - 12:45

    Avanguardia e contestazione

    Le ultime dal blog...
  • Autore: Gerardo Perrotta
    Lun, 17/01/2011 - 12:13

    Eroi di carta. Il caso Gomorra e altre epopee” di Alessandro Dal LagoDietrologie, screditamenti e divagazioni

     

    Il susseguirsi di interventi a partire da e intorno ad “Eroi di carta. Il caso Gomorra e altre epopee” di Alessandro Dal Lago (Manifestolibri, 2010) assurge a paradigma delle modalità di conduzione del dibattito culturale in Italia e ci rivela come la sua legittimazione possa essere anche solo una mera petizione di principio sul piano contenutistico e formale.

    Ma se la forma è l’apparenza, qual è la vera essenza di un dibattito culturale? Quali elementi consentono di ricondurlo ad un piano politico e civile a cui la cultura è strettamente connessa? Mi verrebbe da dire: la chiarezza delle argomentazioni sviscerate a fondo e senza residui di implicito o inespresso; la centralità dell’argomento principale senza sviare l’attenzione verso questioni secondarie funzionali a distrarre il lettore lungo percorsi tortuosi e infruttuosi; la moralità delle argomentazioni proposte in modo da non avallare principi amorali od immorali solo per...

  • Autore: Morgan Palmas
    Lun, 17/01/2011 - 11:28

    Da “Posso forse scacciare” di John Keats

     

    Posso forse scacciare il tuo

    Ricordo dai miei occhi? No, hanno visto

    Un’ora fa la mia splendente regina!

    Anche il tatto ha memoria. Dimmelo tu, amore,

    Dimmelo, cosa devo fare per ucciderla e libero

    Tornare alla mia vecchia libertà –

    Quando ogni beltà bella mi pareva

    Da prendermi quasi al laccio,

    Ma non da catturarmi;

    Quando povera e imperfetta

    Aveva comunque ali la mia musa,

    Ed era sempre pronta a partire

    Piegando la sua forza al mio volere –

    Musa non intellettuale, eppure per me divina –

    Sì, divina, ti dico, – è forse filosofo l’uccello marino

    Mentre sull’onda va serpeggiando

    Col vento dove l’acqua, immensa, spasima?

    […]

     

    ***

    ...
  • Autore: Carlotta Susca
    Lun, 17/01/2011 - 10:51

    “Fame di realtà” di David ShieldsNon facciamo che raccontarci storie, nulla è reale

     

    Sentite, ho letto questo libro un mesetto fa e ringrazio la mia grafomania teppista imbrattatoria di fogli di guardia, perché grazie agli appunti presi durante la lettura posso onorare il mio impegno mensile con Sul Romanzo.

    Ecco, quello che ho appena fatto con il primo paragrafo di queste circa 3500 battute è un esempio della più evidente caratteristica della narrativa contemporanea sottolineata da Shields nel suo saggio, e cioè la preponderanza dell'Io, la tensione alla sincerità narrativa. Che, poi, sinceri non si potrà mai davvero essere dato che, ad esempio, chi vi scrive ha consapevolmente messo in atto una strategia di comunicazione autoreferenziale e performativa (ma dicendovi anche questo sono ulteriormente sincera... o forse continuo a fingere di esserlo[1]).

    Dunque, l'Io e la sincerità: fateci caso, John Barth che parla dell'uso del corsivo subito dopo averlo usato ne è un esempio. E con questo vi ho parlato del primo punto.

    La principale riflessione di...

  • Autore: Morgan Palmas
    Lun, 17/01/2011 - 10:41

    Eufonìa n.f. [pl. -e] buon suono; in partic., effetto gradevole prodotto dall’incontro di certi suoni nel corpo di una parola o in parole consecutive

    Dal gr. euphonía, comp. di êu ‘bene’ e un deriv. di phoné ‘voce’.

    (ringraziamo Francesco Cecchini, se anche voi volete proporre una parola desueta ai nostri lettori, scrivete a sulromanzo@libero.it, con Oggetto: parola del giorno)

  • Autore: Giovanni Turi
    Lun, 17/01/2011 - 10:36

    Ernest HemingwayL’essere e l’apparire nel “Deserto dei Tartari” e nel “Vecchio e il mare”

     

    Narratore italiano spesso trascurato nelle antologie, Dino Buzzati (1906-1972) è autore di uno dei non tantissimi capolavori letterari del nostro ‘900, Il deserto dei Tartari (1940). Estremamente lineare la trama: Giovanni Drogo consuma l’esistenza nella fantomatica Fortezza Bastiani, ai margini del deserto e di un imprecisato impero, nell’attesa di uno scontro decisivo contro i Tartari; il nemico però giungerà solo quando il tenente Drogo sarà ormai troppo anziano per combattere. Un fallito, secondo i moderni parametri di valutazione, ma già il suo desiderio di un evento decisivo, che dia senso all’esistenza, e la sua capacità di attenderlo, collocano il protagonista al di fuori della realtà contingente.

     

    Del resto è frequente nei personaggi di Buzzati l’attesa di un episodio risolutivo che o non accade o comunque si presenta diversamente dal previsto; è così ad esempio anche in Barnabo delle montagne: quando il guardaboschi avrà sottotiro i briganti, comprenderà che ha già perso in passato la sua occasione e non ha più senso...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.