Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Le ultime dal blog...

  • Autore: Daniela Nardi
    Sab, 30/01/2010 - 11:31
    Sul+Romanzo+libri+in+bicicletta.jpg

    Di Daniela Nardi



    Chi di noi, almeno una volta, non ha aperto la pagina di Google e si è lasciato affascinare dall’ennesima sedicente casa editrice che pubblica esordienti, per poi scoprire che è solo un meccanismo truffaldino per spennare polli? E chi, invece, nell’affannosa ricerca dell’editore “giusto”, non ha mandato la sua preziosissima opera alla Casa Editrice Tal Dei Tali pubblichiamo gratis, senza neanche controllare se ha un distributore, quanti titoli ha in catalogo, quanti ne pubblica l’anno e soprattutto, dove si trova?


    Mettiamo che la suddetta Tal Dei Tali abbia sede ad Udine e che voi abitiate a Pizzo Calabro e che venga pubblicato il vostro lavoro; se non è una diretta concorrente di Mondadori o di Bompiani è piuttosto difficile che abbia un distributore così capillare e una risonanza tanto vasta...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 29/01/2010 - 20:00
    Sul+Romanzo+cantiere+fondamenta.jpg

    Di Morgan Palmas



    Ci eravamo lasciati venerdì scorso riflettendo sul rapporto fra ingegneria narrativa e bellezza all’interno di una microtematica. Un passo ulteriore.


    Per quanto noi si possa scandagliare le più incredibili possibilità di sviluppo di una microtematica in modo che ottenga consensi da parte del lettore, è palese che la bellezza di una storia è anche costituita di una serie di microtematiche ben amalgamate, orientate nello spazio e nel tempo. Orientate...
  • Autore: Marta Traverso
    Ven, 29/01/2010 - 11:03
    Sul+Romanzo+Mestiere+di+scrivere.jpg
    Di Marta Traverso

    Che cosa lega il mondo di Internet a quello della scrittura? Quale filo più o meno sottile tiene uniti questi due universi, così diversi e lontani solo in apparenza?


    Analizziamo un attimo la cosa. Da una parte abbiamo l'artista: anima, estro, introspezione, bisogno dirompente di scrivere ovunque, dal retro di uno scontrino al blocco Moleskine.
    Dall'altra abbiamo il geek: lo smanettone che non può stare senza accendere il pc nell'arco delle 24 ore, e per il quale è assolutamente inutile avere tra le mani un pc non connesso in rete. Troppo generalizzato? Forse sì, forse no. Se dunque in media stat virtus, cerchiamo insieme la risposta al dilemma.
    ...
  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 28/01/2010 - 11:50
    Sul+Romanzo+Blog+studenti.jpg

    Di Morgan Palmas



    È duro a morire, le forme dialettali non aiutano spesso, leggete questa frase:



    Se andrebbe bene, glielo farei sapere.



    Uhm. L’utilizzo del condizionale nella protasi (la proposizione subordinata condizionale, mentre l’apodosi è la proposizione reggente) del periodo ipotetico è un errore.

    Quindi, la forma giusta è:



    Se andasse bene, glielo farei sapere.



    La congiunzione “se”, nel periodo ipotetico, regge solo e sempre il congiuntivo o l’indicativo, MAI il...
  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 28/01/2010 - 10:29
    Sul+Romanzo+La+ricerca+della+costante.jp

    Di Morgan Palmas



    Texas hold'em, vi dice qualcosa? È una specialità del gioco del poker, sempre più popolare anche nel nostro paese, dopo avere conquistato inizialmente le sale dei casinò americani.

    Mario Adinolfi non ha bisogno di presentazioni, assai conosciuto nel mondo dei blog, ma soprattutto per essersi candidato nel 2007 alle primarie del Partito Democratico.

    Fra le passioni di Adinolfi c’è anche il poker, primo italiano a giungere al tavolo finale del World Poker Tour (6° classificato), oltre che presidente di Italian Poker Players.

    Sono decine di migliaia gli appassionati di poker in Italia e internet li pone in...
  • Autore: Marcello Marinisi
    Gio, 28/01/2010 - 09:38
    Sul+Romanzo+fare+rete.jpg

    di Marcello Marinisi



    Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità. Il nostro geniale romanzo è stato pubblicato, siamo contenti e soddisfatti e adesso non manca altro se non attendere che il nostro nome venga incluso nel gotha dei più grandi scrittori di tutti i tempi.



    Niente di più sbagliato.



    Il fatto che il nostro libro sia sugli scaffali, abbia una buona impaginazione, una bella copertina e soprattutto un contenuto memorabile non ci dà la certezza che diventerà un successo mondiale. Certo, quella certezza non ce la garantisce nulla, tutto dipende da come il mercato (i lettori) reagiranno alle nostre parole, ma questo processo può essere aiutato attraverso la comunicazione.

    ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.