Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Le ultime dal blog...

  • Sul+Romanzo_disamoramento.jpg

    Di Giovanni Ragonesi



    Qualcuno (e tutti sappiamo chi) ha detto, in tempi non sospetti, che la vita imita l’arte. Qualcun altro (e per chi non lo ricordasse a dirlo è stato Woody Allen) ha parafrasato, in tempi recenti di totale sospensione del giudizio, che la vita, più che l’arte, imita la cattiva televisione.
    Adesso, essendo noi per lo più posizionati sulle idee della retrogarde, ed essendo persuasi dell’idea – assolutamente demodè – che l’arte contenga quel briciolo di significato in più che alle esperienze noiosamente quotidiane manca, cercheremo di aggrapparci a questa per collocare in una casella di senso compiuto un topos tristemente fondamentale del vivere quotidiano come il disamore.


    Vivessimo in un romanzo di Henry James potremmo stare tranquilli: Isabel soffre, Daisy piagnucola, ma...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mar, 02/03/2010 - 11:08
    Sul+Romanzo_Sandra+Petrignani.jpg
    Di Morgan Palmas


    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinata alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.


    Ho cominciato a "scrivere" prima di saper scrivere. Prima di andare a scuola, voglio dire. Inventavo poesiole per le feste, che poi recitavo ai parenti in piedi su una sedia. Inventavo piccole storie tremende che tenevo per me. Questa attività fantasticante, che poi col tempo si è trasformata in scrittura, mi ha salvato la vita. Ero sola e molto infelice, la compagnia di me stessa con questa attività creativa mi consolava.


    Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre...
  • Autore: Morgan Palmas
    Lun, 01/03/2010 - 16:05
    Sul+Romanzo_editori+a+pagamento.jpg

    Di Morgan Palmas



    [Seguito della parte 6]
    Cerchiamo adesso di scendere in profondità per comprendere ancor più il fenomeno dell’editoria a pagamento.


    Prima di addentrarci nella tematica delle cloache editoriali (ops, mi sto sbottonando), dicevo, prima di parlare di editoria a pagamento, dopo avere considerato celermente il punto di vista dell’autore e dell’editore, vorrei ricordare per l’ennesima volta che le commistioni sono capillari, la purezza non è di questo mondo.


    Un piccolo assaggio, come un bignè, ci tufferemo in seguito nei mari delle consorteriechesonosempredeglialtriadettaloro. ...
  • Autore: Morgan Palmas
    Lun, 01/03/2010 - 11:33
    Sul+Romanzo_Meridiano+Zero.jpg

    Di Morgan Palmas



    Buongiorno, vorrei anzitutto chiederle qual è stato il percorso professionale che l’ha portata a divenire editor in una casa editrice.


    Be’, in realtà un percorso che non credo sia molto significativo: io ero l’editore.


    Esistono un percorso standard o canali privilegiati oppure ritiene che vi siano più possibilità per diventare un editor?


    Ho sempre paura di fare confusione o di non farmi capire quando uso dei termini che possono avere un significato diverso a seconda della persona che li usa (esempio pratico: termini come “bel romanzo”, “romanzo commerciale” che non sono per niente assoluti…). Bene, io intendo “editor” come il termine inglese per...
  • Riportando+tutto+a+casa+di+Nicola+Lagioi

    Di Geraldine Meyer



    Questo libro ha un unico difetto: è scritto talmente bene che la bellezza della scrittura rischia di distrarre dalla storia. Poi, piano piano, la precisa eleganza delle parole prende tutte le fibre dell'attenzione e ti immerge nella trama. Nicola Lagioia dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, che la lettura della storia può essere solo presbite. Un romanzo di questa portata sugli anni ottanta poteva essere scritto solo trent'anni dopo. Tre adolescenti, tre famiglie con la loro improvvisa ricchezza. E una voce narrante precisa e disorientata al contempo. 


    Chi ha detto che negli anni ottanta non è successo nulla? Forse la rappresentazione che ne è stata data è quella di un decennio vuoto e fatuo. In realtà molte cose sono accadute. Le vicende personali di questi ragazzi...
  • Autore: Daniela Nardi
    Sab, 27/02/2010 - 15:14
    Oggi abbiamo già pubblicato un post sull'editoria a pagamento, ad opera di Daniela Nardi. 
    Quindi, posterò lunedì il mio articolo in previsione oggi sul medesimo argomento. 
    Vi auguriamo un sereno fine settimana, anche se con il pensiero rivolto al Cile...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.