I 20 consigli di scrittura di Stephen King

Come migliorare la tua scrittura – 7 consigli utili

Le 14 caratteristiche del fascismo secondo Umberto Eco

"Il maestro delle ombre", l'inquietante Roma al buio di Donato Carrisi

Le ultime dal blog...

  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 19/06/2009 - 09:35
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 19/06/2009 - 09:28
    La lezione di oggi concerne ciò che amo definire il “paesaggio inesplorato”, che cosa è? Esso può arricchire il vostro testo e renderlo davvero originale.
    Immaginate di raccontare un viaggio in auto di un anziano, le ruote sono sgonfie, lo aveva dichiarato poco prima di partire, piove, è di pessimo umore. Finché guida accade che un altro mezzo in velocità gli passa vicino e lui sterza bruscamente.
    Tutto lascia presagire un’uscita di strada, un incidente e invece voi non rivelate nulla, né ora né dopo. Non si tratta di posticipare l’emergere degli eventi successivi a quella sterzata. La curiosità del lettore rimarrà nel buio, per sempre, un paesaggio inesplorato.

    Qual è il senso di narrare un fatto che non si rivelerà? Quali possono essere i nessi con la storia del romanzo?

    Una visione superficiale potrebbe consegnare un’unica risposta: non c’entra nulla. Invece, se ragionate con un punto di vista più sottile, vi accorgerete che un espediente letterario simile potrebbe rendere il testo ricco di suspense. Non solo. Utilizzare i...





  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 18/06/2009 - 14:08

    Nuova piccola iniziativa di Sul Romanzo. Dedico quasi ogni giorno un po' di tempo a leggere il letteraturiume che propone la rete. A volte mi stupisco, a volte gioisco, altre mi annoio. Tenterò di proporvi link che a mio ipersindacabile giudizio possano essere interessanti.

    Antonella Cilento
    David Ramanzini
    Giorgio Vasta
    Wu Ming 2 (consigliato fortemente)
    Valter Binaghi
    Giuseppe Panella






  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 18/06/2009 - 10:11

    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinata alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

    Non ricordo di aver mai deciso di avvicinarmi alla scrittura. Scrivere è stato per me un atto scontato, da bambina riempivo vecchie agende di fiabe di mia invenzione, e poi torturavo parenti e amici con le mie letture. Poi ho scritto sempre, in alcuni momenti di più, in altri di meno ma sempre: quaderni, diari, ne ho un paio di scatoloni da qualche parte, che non ho mai riletto. Diversamente invece ricordo il momento in cui ho deciso di provare a fare della scrittura una professione (mito a cui non credo più), partecipando a un primo concorso letterario (era il premio Alberto Tedeschi - Giallo Mondadori, all'epoca ero una divoratrice di gialli...). Per gioco, senza crederci, invece arrivai in finale. Riprovai l'anno dopo, con un giallo a cui credevo di più, ma quella volta non venni notata. (forse mancava del "duende" di cui parla Garcia Lorca, forse era più intelligente, più architettato, più studiato a tavolino) e intanto scrivevo racconti, tantissimi, senza nessuna pretesa di pubblicarli. Finché una mattina mi sono detta, "perchè no?", (le decisioni importanti della mia vita le ho prese sempre così, mesi di incertezze e dubbi, per poi buttarmi nel vuoto senza nemmeno prendere le misure...) ne ho scelti alcuni, li ho spediti a un piccolo editore che mi ispirava, e una decina di giorni dopo ricevevo la prima proposta di pubblicazione....

  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 18/06/2009 - 09:58
    L’intento di ieri era presentare un testo e fare concentrare chi legge sulle debolezze della scrittura. Sulla base delle lezioni fatte finora quante ne avete trovate? Se vi dico che ce ne sono più di venti vi stupisce? Più tardi farò un commento a questo post per evidenziarli.
    Ora, voglio subito passare ad altro: il confine diafano fra realtà e fantasia potremmo chiamare la lezione di oggi.
    L’utilizzazione della tecnica che vi presenterò mostra un sofisticato mezzo letterario per stupire il lettore, per farlo tornare bruscamente nella realtà, per renderlo ancor più curioso di comprendere il senso della storia narrata.

    Immaginate di raccontare la spesa al supermercato di una signora con il figlio di due anni, carica sul carrello un pacco di biscotti, prende il sale, saluta un’amica, la fate poi arrivare alla cassa, esce e trova il suo ex marito che l’aveva lasciata andandosene con un’altra, vanno a prendere un caffè, lui gioca con suo figlio che non vedeva da circa un anno, parlano, ridono, lei piange, si abbracciano. Poi, d’improvviso...



  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 17/06/2009 - 09:36

    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

    Mi piacerebbe rispondere come Giulio Mozzi (ebbene sì, mi sono letto le altre interviste già pubblicate...) e cioè che mi sono accostato per la prima volta alla scrittura a sei anni, iniziando le elementari, ma comprendendo il senso della sua domanda le risponderò invece che ho iniziato a scrivere - diciamo per ragioni lontane dall'obbligo scolastico - a 21 anni, collaborando con un giornale di provincia. Da allora ho proseguito lungo quella strada e col tempo sono riuscito a entrare nella redazione di una rivista (“Altreconomia”) che è diventata la mia prima vera scuola di scrittura, oltre che il lavoro con cui mi sono mantenuto per sette anni. Questa esperienza mi ha permesso di svolgere il praticantato giornalistico e, sostenuto l'esame di Stato, di diventare giornalista professionista. Quanto alla scrittura narrativa, come molti appassionati lettori ho provato già da ragazzino a buttar giù dei raccontini (poco più che incipit, in realtà) senza mai terminare nulla. Intorno ai vent'anni ho scritto racconti “completi” che hanno, per fortuna, preso la via del cestino della carta straccia e di cui non esiste più copia. Quello che considero il mio mio primo “vero” racconto, invece, l'ho iniziato alla fine del 2002 per partecipare a un concorso indetto proprio da Giulio Mozzi per il suo bollettino elettronico “Vibrisse”. In palio, oltre alla...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.