Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Le ultime dal blog...

  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 04/03/2010 - 12:51
    Sul+Romanzo+Blog+studenti.jpg

    Di Morgan Palmas



    Il costrutto corretto è “qual è”, sia nel caso che ci si riferisca a un nome maschile (Qual è il grattacielo che stai guardando?) sia nel caso che ci si riferisca a un nome femminile (Qual è la strada che avevi deciso di prendere?).


    Qual non è la forma elisa di quale bensì la forma tronca, la quale, come in tutti i casi di troncamento (o apocope), non ammette mai l’apostrofo. 
    Ne è un esempio l’articolo indeterminativo maschile un che non si apostrofa perché è la forma tronca di uno.


    La forma scorretta qual’è si è talmente diffusa e penetrata nell’utilizzo comune di molti che accade di vederla perfino a volte...
  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 04/03/2010 - 11:43
    Sul+Romanzo_Silvia+Avallone.jpg

    Di Morgan Palmas



    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinata alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.


    Alle elementari, un pomeriggio, imparando a memoria Novembre di Giovanni Pascoli. Dopo averla ripetuta ad alta voce un po’ di volte, qualcosa è scattato. Non ho “capito”, ma ho “sentito” che c’era in ballo qualcosa di grosso in quei versi. Così ho composto la mia prima poesia, e da allora non ho più smesso. Quando ti accade qualcosa del genere, più che di “caso” preferisci parlare di “necessità”.


    Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?
    ...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 03/03/2010 - 17:13
    Sul+Romanzo+punta+iceberg.jpg

    Di Morgan Palmas

    [Seguito parte 7]



    Siete pronti a inoltrarvi in territori impervi? Preparate una camomilla intanto.
    I prossimi post saranno incentrati su quel monito che ho citato più volte: le commistioni. Farò qualche esempio che illustrerà il contesto che cercheremo più avanti di comprendere tirando i remi in barca.


    Vi è mai capitato di leggere un quotidiano nazionale e di vedere la pubblicità di un concorso da parte di una casa editrice?


    Sono sicuro di sì, io penso per esempio al Gruppo Albatros...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 03/03/2010 - 14:48
    Sul+Romanzo+numero+due.jpg

    Di Morgan Palmas



    Eccoci a pagina 67 del romanzo “Il giorno prima della felicità”. Devo dire che sono perplesso, assai perplesso e spero che condividere le mie opinioni possa servire a noi tutti per ulteriori pensieri. Vi sono romanzi che ti stupiscono, che ti lasciano con il fiato sospeso, altri decisamente no.
    Formulo uno pseudogiudizio grossolano dopo avere letto metà libro: questo è il romanzo meno interessante di De Luca.


    La bambina che si palesa a distanza di tempo era prevedibile, certo, ma le situazioni melense descritte mi hanno lasciato un sapore amaro in bocca; tutto previsto; tutto modulato con schema noto.


    Inoltre, le coincidenze rappresentano una tecnica efficace quando sono calibrate...
  • Autore: Paolo Melissi
    Mer, 03/03/2010 - 12:06
    Nell'agosto del 1992, quando i giorni della canicola erano ormai alla fine, mi misi in viaggio a piedi attraverso la contea di Suffolk, nell'Inghilterra orientale, nella speranza di riuscire a sottrarmi al vuoto che sempre mi invade dopo aver concluso qualche lavoro di un certo rilievo.
     
    È l'incipit de Gli anelli di Saturno, di Winfried Maximilian Sebald, e anche l'inizio di un mettere su carta i ricordi di quel lungo viaggio a piedi (il sottotitolo è Un pellegrinaggio in Inghilterra) stando, dopo un anno da quell'estate, nel chiuso di una stanza d'ospedale a Norwich.
    Ma non si tratta di un libro di viaggio (a piedi) tout court: il viaggiare a piedi sembra diventare uno spostamento continuo e contemporaneo su due piani: il suolo dei luoghi percorsi, contenitori di vestigia, monumenti, abitazioni, musei che, a loro volta, innescano il viaggio immateriale della reverie, l'esplorazione di mondi concatenati, la rammemorazione di storie, vita, gesta, eventi.
    La macchina che si mette in moto con l'andare delle gambe procede per assorbimento e per saturazione, raccoglie instancabile, osserva, si fa occhio e trattiene, rielabora, collega e sviluppa.
     
    Un esempio:
    ...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mar, 02/03/2010 - 18:01
    Sul+Romanzo_sorpresa.jpg

    Di Morgan Palmas



    Tempo fa, dialogo fra me e me dentro una libreria di Vicenza. 


    Morgan1: «Eccolo quello di Carofiglio, bravo, proprio bravo!».
    Morgan2: «Sì, ma comincia a diventare un po’ prevedibile…».
    1: «E allora leggiti l’ultimo di Volo se vuoi l’imprevedibile!».
    2: «Scusami, dov’è il bagno?».
    1: «Dai… oh, guarda un po’ la cotta e mangiata della Parodi…».
    2: «Me lo dici dove c###o è il bagno o me lo cerco?».
    1: «Stai qui, la fai dopo».
    2: «Forse tu non hai capito, mica devo fare niente, mi vengono su i conati!».
    ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.